Le 10 canzoni più belle e famose di Irene Grandi

Irene Grandi ha interpretato e scritto tantissime canzoni dagli anni ’90 ad oggi. Ma quali sono le più belle e famose? Ne abbiamo scelte dieci.

Irene Grandi inizia a cantare giovanissima, nel 1992, e il grande successo per lei arriva solo tre anni dopo, con la canzone “Bum bum”. Da allora la cantantautrice toscana ha collezionato tanti successi, ha partecipato cinque volte al Festival di Sanremo, e ha ottenuto dischi di platino, d’oro e anche di diamante. Ripercorriamo insieme la carriera artistica di Irene Grandi con le sue 10 canzoni più belle e famose. Buon ascolto!

Irene Grandi. Le 10 canzoni più belle e famose. Playlist

1. Bum bum (1995)

Se l’inferno non c’è, il paradiso non c’è
Il mondo per noi
È dentro me, è un’immagine che
Ognuno ha dentro di sè
È il mondo che vuoi

Nel marzo del 1995 uscì “Bum Bum”, scritta da Telonio e Eric Buffat. La canzone fa parte del secondo album della cantante, “In vacanza da una vita”, e venne usata come sigla del Festivalbar 1995. Divenne un vero e proprio tormentone ed è famosissima ancora oggi.

2. In vacanza da una vita (1995)

Vivo perduta nel mare (della mia fantasia)
Ed ogni notte è un dolore (che col sole va via)
Io lo so, è una vita che questa mia vita va avanti così

“In vacanza da una vita”, scritta da Tommy Togni, Telonio, Irene Grandi ed Eric Buffat, è il brano che dà il titolo all’album. Anche questa canzone ottenne grandissimo successo ed è da anni quella con cui Irene Grandi chiude i propri concerti.

3. Verde rosso e blu (1999)

Questa è un’avventura
In un terreno che può farti anche paura
Sotto un cielo d’Africa, vado dove capita
E quando il cuore è in viaggio
Io non mi domando mai
Di che colore è un miraggio

Facciamo un salto di quattro anni e arriviamo al 1999, quando esce “Verde rosso e blu”, brano tratto dall’album omonimo. Si tratta di un album molto legato alle emozioni. Come viene detto nel brano, il verde rappresenta la speranza, il rosso l’amore e il blu la tranquillità.

4. La tua ragazza sempre (2000)

Ma lasciati andare
Segui il tuo cuore e arrivando alle stelle
Prova a prendere quelle
Nessuna è più bella di me
E non dirmi ti amo anche tu
Dammi soltanto il tuo cuore
E niente più

Pochi mesi dopo l’uscita di “Verde rosso e blu” Irene Grandi partecipa al Festival di Sanremo con “La tua ragazza sempre”, composta da Vasco Rossi e Gaetano Curreri, e si classifica al secondo posso. La canzone diventa presto un grandissimo successo. Particolare anche il video, diretto da Stefano Salvati, girato all’interno del casinò di Sanremo.

5. Prima di partire per un lungo viaggio (2003)

Prima di partire per un lungo viaggio
Porta con te la voglia di non tornare più
Prima di non essere d’accordo
Prova ad ascoltare un po’ di più

Un’altra canzone indimenticabile di Irene Grandi è “Prima di partire per un lungo viaggio”, scritta da Vasco Rossi, Gaetano Curreri e Roberto Drovandi e pubblicata nel 2003 come estratto dall’album “Prima di partire”. Il disco fu composto all’isola d’Elba con la vecchia band di Irene Grandi, i Kinoppi.

6. Bruci la città (2007)

Bruci la città
O viva nel terrore
Nel giro di due ore
Svanisca tutto quanto

Arriviamo al 2007, quando esce “Irenegrandi.hits”, una raccolta di 34 brani famosi che contiene anche alcuni inediti, tra cui appunto “Bruci la città”. La canzone, scritta da Francesco Bianconi dei Baustelle, fu scartata da Sanremo ma si rivelò poi un grandissimo successo. Interessante anche il video, in cui la cantante passa dal mondo reale, a quello virtuale del social network Second Life, molto popolare in quegli anni.

7. Sono come tu mi vuoi (2007)

Sono come tu mi vuoi
Ti amo come non ho amato mai
Io sono la sola che possa capire
Tutto quello che c’è da capire in te

Sempre nel 2007 esce “Sono come tu mi vuoi”, cover del famoso brano scritto da Antonio Amurri e Bruno Canfora e portato al successo nel 1966 da Mina. Il video, girato in bianco e nero e diretto da Lorenzo Vignolo, è un remake dell’esibizione originale di Mina nella trasmissione Sabato sera del 1° aprile 1967.

8. La cometa di Halley (2010)

Eppure un tempo ridevi
E mostrandomi il cielo
Mi disegnavi illusioni e possibilità
E la Cometa di Halley ferì il velo nero
Che immaginiamo nasconda la felicità

Ancora un brano scritto da Francesco Bianconi dei Baustelle, insieme alla stessa Irene Grandi. “La cometa di Halley” fu presentata al Festival di Sanremo 2010, in cui la cantautrice toscana ha duettato con Marco Cocci. Nel testo è presente un omaggio ai Beatles: “io ti dico addio, tu mi dici ciao” è infatti una citazione del brano “Hello Goodbye”.

9. Un vento senza nome (2015)

Con il vento sei volata via da quel che non è giusto
Questo vento non avrà padrone, non avrà governo
Questo vento senza nome attraverserà l’inverno

Nel 2015 Irene Grandi torna al Festival di Sanremo con “Un vento senza nome”. Il brano racconta la storia di una donna che volta pagina lasciandosi alle spalle una situazione che non sente più sua. Una canzone tutta al femminile che parla di coraggio e della forza che ci vuole per iniziare una nuova vita abbandonando il passato. Il video del brano, diretto da Giacomo Triglia, è stato girato all’isola d’Elba, quasi interamente a bordo di un traghetto della Moby Lines.

10. Finalmente io (2020)

Da sempre arrabbiata
Da sempre sbagliata
È ancora così
Perdonami adesso oppure è lo stesso
Io son fatta così

E siamo arrivati al 2020, quando Irene Grandi torna per la quinta volta al Festival di Sanremo. Il brano, appositamente scritto per lei da Vasco Rossi (e si sente!) parla dell’amore per la musica e per la libertà e di come questi sentimenti possano aiutare a superare qualsiasi difficoltà.

Vedi anche: Finalmente io, testo e significato

Irene Grandi: i successi, le collaborazioni e il blues

E queste erano le 10 canzoni più belle e famose di Irene Grandi, quelle che non si possono non conoscere, dagli anni ’90 fino ad oggi.

Negli anni Irene Grandi ha attraversato diversi generi musicali, a partire dal rock passando per soul, blues e jazz e ha collaborato con artisti importanti tra cui, Jovanotti, Eros Ramazzotti, Claudio Baglioni, Paolo Vallesi, Pino Daniele, Vasco Rossi, Elio e le Storie Tese, Tiziano Ferro e Bobo Rondelli. Ha collabrato inoltre con il pianista Stefano Bollani, insieme a cui ha pubblicato un album nel 2012.

Nel corso della sua carriera Irene Grandi ha venduto circa 5 milioni di dischi, ha partecipato cinque volte al Festival di Sanremo, arrivando seconda nel 2000, e ha preso parte a sei edizioni del Festivalbar, vincendo per due volte.

Nel 2021, dopo le difficoltà causate dalla pandemia, si è buttata in un esperimento live blues. Parlando del blues Irene Grandi ha spiegato in un’intervista: «È un genere musicale di nicchia ma il suo influsso si sente in tutta la musica moderna. Ti dà una libertà espressiva unica: puoi allungare e accorciare i brani, a seconda di come ti senti ispirato quella sera. E ha sempre fatto parte di me: da ragazzina nei locali cantavo Shade, Tracy Chapman, Pino Daniele, artisti influenzati in qualche modo dal blues. […] Ad aiutarci poi c’è un grande organista blues come Pippo Guarnera: lui ha suonato negli Stati Uniti con i bluesmen, ed è un virtuoso dell’organo hammond, che è un marchio di fabbrica di questo genere musicale».

Vedi anche:

 

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!