Napoli giocatori 2022. Formazione e proprietà della S.S. Calcio Napoli

S.S. Calcio Napoli giocatori 2022: rosa della formazione azzurra, ruolo e numero di maglia. Proprietà e palmares della squadra partenopea.

Giocatori del Napoli 2022 – Il Napoli del neo-mister Luciano Spalletti e del presidente Aurelio De Laurentiis si affaccia al campionato di serie A con un obiettivo molto chiaro: classificarsi tra le prime quattro squadre e tornare così in Champions League.

La qualificazione al massimo torneo continentale è infatti sfumata l’anno scorso, rocambolescamente, proprio all’ultima giornata. Quest’anno, oltre a ben figurare in Europa League e in Coppa Italia, i partenopei cercheranno in tutti i modi di ritagliarsi un posto al sole nell’Europa dei grandi.

Giocatori napoli
Luciano Spalletti (iPaPress)

Ecco chi sono e che ruolo ricoprono i giocatori che compongono la rosa azzurra, la loro nazionalità e le caratteristiche tecniche.

Lista giocatori S.S. Calcio Napoli 2021-2022

Portieri

Il Napoli ha attualmente a disposizione quattro portieri.

David Ospina

Colombiano trentatreenne, difende i colori del Napoli dal 2018. Ha militato in altre importanti formazioni europee, come ad esempio l’Arsenal. E’ inoltre titolare fisso e capitano della Nazionale colombiana.

Estremo difensore più concreto e pragmatico che spettacolare, ha nel senso della posizione e nelle uscite – sia alte che basse – i suoi maggiori punti di forza. Gioca con la maglia numero 25.

Alex Meret

Alex Meret portiere Napoli Calcio
@Instagram

Esponente della “nouvelle vague” della celebre scuola di portieri italiana, il giovane Meret – originario di Udine – contende il posto da titolare a David Ospina. Numero uno esplosivo e reattivo, è capace di parate proibitive ma incappa anche, accidentalmente, in qualche infortunio tecnico che ne ha minato, nelle ultime stagioni, la continuità di rendimento.

A Euro 2020 è stato il terzo portiere dell’Italia. Indossa la maglia numero 1.

Gli altri due portieri che completano la rosa sono Davide Marfella (maglia numero 12) e il polacco Hubert Idasiak (maglia numero 46).

Difensori

Kalidou Koulibaly

Senegalese, classe 1991, Koulibaly è la roccia della retroguardia partenopea. Difensore centrale massiccio e risoluto, eccelle nell’anticipo, nel recupero e nel colpo di testa. Quando non gioca la sua assenza si fa sentire, perché è la guida e l’ago della bilancia della difesa. Negli ultimi anni ha fornito un significativo contributo anche in fase realizzativa. Veste la maglia numero 26.

Kostas Manolas

Il centrale greco, classe 1991, costituisce il partner ideale per Koulibaly, col quale forma una delle coppie difensive più collaudate del campionato italiano. A dispetto della sua altezza e della sua stazza (189 cm. per 83 kg.), è dotato di notevole velocità, ed è capace di spettacolari recuperi in extremis. L’abilità nelle palle aeree lo rende inoltre un potenziale pericolo per le retroguardie avversarie, in zona d’attacco, in caso di calci piazzati o di calci d’angolo. Gioca con la maglia numero 44.

Amir Rrahmani

Centrale difensivo kosovaro dal fisico imponente, è dotato di uno stacco aereo imperioso e di buoni fondamentali in fase di marcatura.

Si contraddistingue per il suo eclettismo, essendo capace di fungere – all’occorrenza – anche da terzino, e per l’abilità nell’impostare l’azione. Gioca con la maglia numero 13.

Giovanni Di Lorenzo

Campione d’Europa a Euro 2020 con la Nazionale di Roberto Mancini, è stato riadattato a terzino destro nel corso della sua carriera dopo aver giocato come centrale di difesa e, addirittura, come centravanti.

Di Lorenzo si fa apprezzare per la sua velocità, per l’ottima tecnica di base di cui dispone e per le sue doti in fase offensiva, tanto nelle vesti di assist-man quanto in quelle di goleador. Veste la maglia numero 22.

Mario Rui

Portoghese, 30 anni, Mario Rui è il terzino sinistro della squadra partenopea. Puntuale nelle coperture, non disdegna di proiettarsi in avanti per far valere le sue qualità nella corsa e nel cross. Possiede un piede sinistro piuttosto educato, col quale sa rendersi pericoloso nelle conclusioni dalla distanza. Gioca con la maglia numero 6.

Gli altri difensori a disposizione di mister Spalletti sono il francese Kevin Malcuit (maglia numero 2), il brasiliano Juan Jesus (maglia numero 5) e l’algerino Faouzi Ghoulam (maglia numero 31).

Centrocampisti

Piotr Zielinski

Polacco, classe 1994, è il jolly e l’asso nella manica del centrocampo di Spalletti. Giocatore polivalente, può disimpegnarsi indifferentemente come mezzala o come trequartista. Preziosissimo in fase offensiva, calcia a rete sia col destro che col sinistro. Il suo apporto in zona gol, negli ultimi anni, è stato consistente, grazie appunto alla sua acclarata abilità nelle conclusioni dalla distanza. Gioca con la maglia numero 20.

Fabian Ruiz

Spagnolo venticinquenne, Fabian Ruiz è il mago del centrocampo azzurro, capace di estrarre dal coniglio giocate sensazionali e gol di eccellente fattura. Mancino raffinatissimo, sa farsi valere anche dal punto di vista fisico (è alto 190 cm.). Può giocare da interno, da regista ma anche da trequartista. La sua giocata caratteristica, molto simile al marchio di fabbrica di Arjen Robben, è il sinistro a giro sul secondo palo dopo essere rientrato verso il centro dalla fascia destra del campo. Veste la maglia numero 8.

Eljif Elmas

Classe 1999, macedone, viene impiegato come ala o come trequartista. Anche lui, come Fabian Ruiz, possiede notevole tecnica e facilità di calcio. Abile a inserirsi tra le linee, sa farsi valere anche in zona gol. Porta la maglia numero 7.

Diego Demme

Polmone della mediana partenopea, il tedesco Demme (di origini italiane) è uno stantuffo infaticabile e un preziosissimo rubapalloni. Interditore alla “Rino Gattuso”, coniuga al dinamismo e alla notevole fisicità una discreta tecnica di base, che gli consente talvolta di inserirsi pericolosamente in fase offensiva. Gioca con la maglia numero 4.

André Zambo Anguissa

Camerunense, classe 1995, ex Fulham e Olympique Marsiglia, Anguissa è soprattutto un giocatore di quantità. Offre il meglio di sé giostrando davanti alla difesa, grazie anche al suo fisico aitante e alla sua grande abilità nell’intercettare palloni. Può essere impiegato saltuariamente come mezzala. Porta la maglia numero 99.

A disposizione di Spalletti, nel reparto nevralgico del campo, c’è anche lo slovacco Stanislav Lobotka (maglia numero 68).

Attaccanti

Lorenzo Insigne

napoli giocatori Lorenzo Insigne
Lorenzo Insigne (IpaPress) Partita Udinese vs Napoli serie A 2021-22

Lo “scugnizzo” di casa è il capitano, il simbolo e il “deus ex machina” del Napoli. Seconda punta guizzante e dalle intuizioni geniali, rende al meglio partendo dalla fascia sinistra e accentrandosi per calciare a giro di destro. Uomo-gol e ispiratore di quasi tutte le azioni offensive partenopee e della Nazionale italiana di calcio. Imprescindibile per la formazione campana, anche se in passato ha avuto qualche diverbio con la tifoseria. Porta la maglia numero 24.

Victor Osimhen

Il nigeriano Osimhen, acquistato nel 2020 dai francesi del Lilla, è il punto di riferimento del reparto avanzato. Può ricoprire il ruolo di punta centrale, in virtù del suo fisico possente, o in alternativa di seconda punta, sfruttando la sua notevole velocità in progressione. Appena ventiduenne, ha ancora enormi margini di miglioramento. Gioca con la maglia numero 9.

Dries Mertens

Per tutti “Ciro”, il belga con la maglia numero 14 è ormai per i tifosi un napoletano acquisito. Milita all’ombra del Vesuvio dal 2013, e detiene il record di calciatore più prolifico con la maglia del Napoli in tutte le competizioni (ben 135 i gol complessivamente segnati). Seconda punta agile, sgusciante ed estremamente tecnica, possiede una straordinaria facilità di calcio ed è insidiosissimo nelle conclusioni dalla distanza.

Matteo Politano

Ex Sassuolo e Inter, Politano è un mancino che ama esprimersi soprattutto come ala sulla fascia destra. Ha un piede sinistro molto sensibile, col quale esegue precisi traversoni e chirurgici tiri a giro (soprattutto da fuori area). Perfetto per un 4-3-3 o per un 4-2-3-1, nel Napoli ha decisamente affinato le sue doti realizzative, segnando finora – in serie A – 12 gol in 55 partite. Veste la maglia numero 21.

Completano il reparto offensivo il messicano Hirving Lozano (maglia numero 11), l’algerino Adam Ounas (maglia numero 33) e Andrea Petagna (maglia numero 37).

Luciano Spalletti – Allenatore

Mister di comprovata esperienza e sagacia tattica, Spalletti è un fine stratega e un tecnico capace di dare un’impronta chiara e riconoscibile alle sue squadre. Propugnatore di un calcio organizzato, piacevole e frizzante, si è distinto nei primi anni 2000 alla guida di una brillante Udinese. Ha poi allenato Roma (in due riprese), Zenit San Pietroburgo e Inter, prima di approdare alla corte del presidente partenopeo Aurelio De Laurentiis. Nel suo personale palmares figurano, tre gli altri trofei, due Coppe Italia e una Supercoppa italiana, conquistate al timone della Roma.

La proprietà della S.S. Calcio Napoli

Il Napoli è una società per azioni dal lontano 1964. Attualmente il 99,8% delle azioni della società campana è controllato dalla Filmauro S.r.l.; il restante 0,2% appartiene personalmente ad Aurelio De Laurentiis, presidente del CdA.

Il Palmares della S.S. Calcio Napoli

Il Napoli vanta un palmares piuttosto ricco e variegato, a livello nazionale e internazionale. Ai 2 scudetti vinti dai partenopei, che risalgono ai tempi d’oro di Diego Armando Maradona, si aggiungono ben 6 Coppe Italia, 2 Supercoppe italiane, 1 Coppa Uefa, 1 Coppa delle Alpi e 1 Coppa di Lega Italo-inglese.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!