Quanti sono i partiti in Italia nel 2022 e chi sono

Partiti politici in Italia nel 2022 in Parlamento e fuori. Fra nascite, scissioni e alleanze, ecco quanti sono i partiti italiani e chi sono i loro leader.

I partiti italiani sono tantissimi e spesso soggetti a cambi di nome, scissioni o nuove proposte. Per questo non è affatto semplice orientarsi e sapere quanti sono i partiti politici in Italia, che si presentano alle elezioni, amministrative quando riguardano comuni e regioni o politiche quando si vota a livello nazionali

Facciamo allora chiarezza su questi aspetti qui di seguito e vediamo quali sono i leader caso per caso.

Quali sono i partiti italiani del centro-sinistra?

Iniziamo con uno dei partiti che compone l’attuale maggioranza del Governo Draghi, ossia il Partito Democratico. Lo storico partito di centrosinistra, è guidato dal segretario Enrico Letta, ex presidente del consiglio per poco meno di un anno fra il 2013 e 2014. Negli anni questo raggruppamento ha vissuto litigi, tensioni e scissioni che hanno portato alla nascita di altri movimenti.

Ne è un esempio Italia Viva, il partito guidato da Matteo Renzi, anche lui ex presidente del consiglio (dopo aver sostituito proprio Enrico Letta). Questo gruppo presente in parlamento, sostiene l’esecutivo Draghi, dopo aver contribuito alla fine dell’esperienza del precedente guidato da Giuseppe Conte.

Un altro partito di centrosinistra, è quello di Articolo Uno, in cui milita Roberto Speranza, attuale Ministro della salute. Nella stessa area politica si colloca Sinistra Italiana di Nicola Fratoianni, che tuttavia è all’opposizione del governo.

Poi c’è il partito denominato Azione di Carlo Calenda, leader fuoriuscito dal PD, che sta conseguendo un numero sempre più alto di consensi secondo i sondaggi. Ma anche la Südtiroler Volkspartei (svp) di cui è leader Arno Kompatscher, partito che rappresenta le minoranze linguistiche dell’Alto Adige.

Infine, gli altri partiti di centrosinistra sono:

  • Europa Verde, guidata dai portavoce Eleonora Evi e Angelo Bonelli
  • + Europa, il partito fondato da Emma Bonino, ma attualmente guidato dal segretario Benedetto Della Vedova
  • Il partito socialista.

Il movimento 5 stelle

L’altro partito più grande che sostiene il governo Draghi, è il Movimento 5 Stelle. I pentastellati alle ultime elezioni politiche nazionali hanno ottenuto più voti di tutti, ma adesso vivono un momento di crisi nei sondaggi e non solo.

Questo raggruppamento politico, fondato da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio, non si è mai definito partito per distinguersi dagli altri, ma negli ultimi anni ha vissuto un profondo mutamento. Attualmente il suo capo politico è l’ex premier Giuseppe Conte. L’intenzione del leader dei cinque stelle è quella di creare una coalizione con altri partiti, per presentarsi insieme alle prossime elezioni politiche.

Un altro degli esponenti più noti del movimento è Alessandro Di Battista, ex parlamentare dei grillini, attualmente si è allontanato dalla politica attiva, ma non si esclude un suo futuro ritorno. Fra i fuori usciti dal Movimento 5 stelle, segnaliamo il giornalista Gianluigi Paragone, che ha fondato il gruppo parlamentare Italexit.

Insieme per il futuro

L’ultimo gruppo parlamentare nato da una scissione dal M5S si chiama “Insieme per il futuro“. Questo raggruppamento è stato fondato dal Ministro degli esteri in carica Luigi Di Maio. Negli ultimi mesi l’ex capo politico del Movimento 5 stelle è entrato in conflitto con le scelte dell’attuale leader Conte, che spesso ha criticato le scelte del governo di cui fa parte.

Quindi il titolare della Farnesina ha deciso di lasciare i 5 Stelle e fondare una propria corrente politica a sostegno dell’esecutivo. Ma chi va con Di Maio? Secondo quanto comunicato dal presidente della Camera Fico sono 51 i deputati che hanno aderito, più 11 senatori (per un totale di 62 parlamentari). Con questi numeri il gruppo diventa il sesto per consistenza numerica. Inoltre, dopo la scissione i 5 stelle non sono più il primo gruppo in parlamento (superati per numero di rappresentanti dalla Lega).

Resta ora da capire se questa formazione si presenterà alle prossime elezioni politiche 2023 e nel caso con chi si alleerà.

Quali sono i partiti di centro-destra in Italia?

Veniamo ora ai partiti che fanno parte della coalizione di centrodestra, attualmente divisa fra chi sostiene il governo e chi invece lo contrasta.

A partire dalla Lega guidata da Matteo Salvini, che dopo essere stato all’opposizione del governo Conte 2, ora è nella maggioranza presieduta da Draghi, di cui esprime alcuni ministri.

Poi ecco Fratelli D’Italia, il partito guidato da Giorgia Meloni, che stando ai sondaggi è attualmente uno di quelli con le più elevate intenzioni di voto. Le sue politiche sono di stampo sovranista e attualmente si colloca all’opposizione dell’esecutivo.

Fa parte della colazione di centrodestra anche Forza Italia, lo storico partito del leader Silvio Berlusconi, presente nel governo Draghi in cui rappresenta diversi ministri.

Inoltre ci sono altre formazioni politiche minori, ma che fanno parte sempre del raggruppamento di centrodestra e in alcuni caso possono contare su un discreto numero di voti. E’ il caso di:

  • Coraggio Italia, fondato del governatore della Liguria Giovanni Toti e da Luigi Brugnaro
  • Udc guidato dal segretario Lorenzo Cesa
  • Energie per l’Italia di Stefano Parisi
  • Noi con l’Italia guidato da Maurizio Lupi
  • Idea di Gaetano Quagliariello.

Altri partiti e gruppi presenti in Parlamento

Si tratta di micro partiti o in altri casi comitati, che però hanno rappresentanza nell’attuale parlamento Italiano. Ecco quali sono:

  • Alternativa, di Pino Cabras
  • Green Italia, di Annalisa Corrado e Carmine Maturo (comitato ambientalista collocabile a sinistra.
  • Partito Pensionati, di Carlo Fattuzzo
  • Rinascimento, di Vittorio Sgarbi.

Concludiamo questa categoria con gli Europeisti Maie Centro democratico, che sostiene l’esecutivo. Si tratta di un gruppo parlamentare attualmente solo presente in Senato, ma non è ancora chiaro se concorrerà alle prossime elezioni politiche.

Altri partiti politici non presenti in parlamento

Non sono rappresentati al momento in parlamento, ma esistono altri partiti, di estrema sinistra o estrema destra, presenti nel panorama politico. Si tratta di una lista soggetta a variazioni, visto che alcune formazioni spariscono e altre ne nascono periodicamente.

Ecco le principali:

  • Potere al Popolo di Giuliano Granato e Viola Carofalo
  • Partito Comunista Italiano di Marco Alboresi
  • Popolari per l’Italia di Mario Mauro
  • Il popolo della famiglia di Mario Adinolfi
  • CasaPound di Gianluca Iannone
  • Forza Nuova del segretario Roberto Fiore
  • Il Movimento sociale Fiamma tricolore di Attilio Carelli
  • Rifondazione Comunista di Maurizio Acerbo
  • Centro democratico di Bruno Tabacci
  • Il partito liberale di Giovanni Giolitti
  • Possibile di Giuseppe Civati.

Poi segnaliamo il movimento delle cosiddette sardine. Che negli ultimi anni, tramite i suoi rappresentanti, hanno combattuto diverse battagli politiche e fatto manifestazioni, ma che non hanno mai fondato un partito.

Nuovi partiti politici in Italia

Prima della novità del gruppo formato da Di Maio, uno degli ultimi partiti nati è stato “Noi di centro“. E’ la formazione politica fondata da Clemente Mastella, attuale sindaco di Benevento, che si colloca al centro come facilmente intuibile dal nome. Non è ancora chiaro con quale coalizione si alleerà o se farà parte di un progetto politico diverso.

Quanti partiti ci sono in Italia nel 2022?

Abbiamo visto tutti i partiti ad oggi presenti nella scena politica italiana. Riassumendo in Italia ci sono 19 partiti in parlamento (anche se alcuni sono formazioni o presenti nel misto non avendo numeri sufficienti per formare un proprio gruppo), 13 partiti fuori dal parlamento e un imprecisato numero di movimenti e partiti minori.

Buona parte di questi sono partiti di sinistra e di destra, ma ci sono anche formazione che non hanno ancora una reale collocazione politica, come nel caso del M5S o del nuovo gruppo formato da Di Maio. Un bel rompicapo per chi andrà a votare alle prossime elezioni, non c’è che dire.

Abbiamo finito con i partiti italiani attualmente esistenti. Speriamo di avervi aiutato nel fare chiarezza in un ambito davvero frastagliato e poco comprensibile, per chi non segue costantemente la politica.

Vedi anche: Quanti governi ci sono stati in Italia

RIPRODUZIONE RISERVATA
© COPYRIGHT Donne sul Web

Related Posts

Ben tornato!