Le 12 canzoni sull’inverno più belle e famose. PLAYLIST

Le 12 più belle canzoni italiane e straniere sull’inverno, il freddo e la neve.

Canzoni sull’inverno. Vediamo insieme come è stato rappresentato l’inverno nelle canzoni, sia italiane che straniere, dai classici degli anni ’60 a brani più recenti.

Spesso l’inverno, la neve e il ghiaccio sono usati come metafora per raccontare storie di amori finiti, ma l’inverno, e in generale il susseguirsi delle stagioni, è anche usato per rappresentare il tempo che passa. Ecco allora le migliori 12 canzoni sull’inverno che abbiamo scelto per voi. Buon ascolto!

Canzoni sull’inverno. Playlist

Fleet Foxes – White Winter Hymnal

All swallowed in their coats
With scarves of red tied ‘round their throats
To keep their little heads
From fallin’ in the snow
And I turned ‘round and there you go

Tutti infagottati nei loro cappotti
Con sciarpe rosse legate intorno al collo
Per proteggere le loro testoline
Dalla caduta nella neve
E mi sono voltato e ci sei tu.

White Winter Hymnal è il primo singolo dei Fleet Foxes, pubblicato nel 2008. Il brano, che parla dello scorrere del tempo, ha avuto un grande successo ed è stato reinterpretato negli anni da tanti artisti. Molto bello anche il video, realizzato interamente in stop-motion con pupazzetti di plastilina.

Queen – A Winter’s Tale

There’s a silky moon up in the sky, yeah
Children are fantasizing
Grown-ups are standin’ by
What a super feeling
Am I dreaming?

C’è una luna setosa nel cielo, sì
I bambini stanno fantasticando
Gli adulti sono in attesa
Che sensazione super
Sto sognando?

Passiamo ai Queen, con A Winter’s Tale, brano pubblicato nel 1995 con l’album Made in Heaven. Qui viene rappresentata l’atmosfera fiabesca che si sente in inverno, e la magia che porta con sé l’attesa del Natale, quando tutto sembra come un sogno.

Tori Amos – Winter

Snow can wait, I forgot my mittens
Wipe my nose, get my new boots on
I get a little warm in my heart when I think of winter
I put my hand in my father’s glove

La neve può aspettare, ho dimenticato i guanti
Mi asciugo il naso, mi metto i miei stivali nuovi
Mi si scalda un po’ il cuore quando penso all’inverno
Infilo la mano nel guanto di mio padre

Winter di Tori Amos esce nel 1992 con l’album Little Earthquakes. Si tratta di un brano bello e commovente, che racconta il rapporto tra padre e figlia, la vita che cambia e le cose che non restano mai le stesse. E l’importanza di imparare ad accettare ed amare se stessi.

Simon & Garfunkel – A Hazy Shade Of Winter

Leaves are brown, now
And the sky is a hazy shade of winter
Look around
Leaves are brown
There’s a patch of snow on the ground

Le foglie sono marroni, ora
E il cielo è una nebbiosa ombra d’inverno
Guardati intorno
Le foglie sono marroni
C’è una chiazza di neve per terra

Anche in A Hazy Shade of Winter del duo statunitense Simon & Garfunkel l’inverno è usato come metafora per raccontare il tempo che passa. Il brano uscì nel 1966 con l’album Bookends, e negli anni ne sono state incise moltissime cover.

U2 – White As Snow

And the water, it was icy
As it washed over me
And the moon shone above me

E l’acqua era ghiacciata
Mentre mi travolgeva
E la luna splendeva sopra di me

“White as Snow” degli U2 esce nel 2009 con l’album “No Line on the Horizon”. Si tratta di una triste ballata che parla di un soldato in punto di morte, nel freddo dell’inverno.

Sting – The Hounds Of Winter

And somehow I am pinned by
The Hounds of Winter
Howling in the wind

E in qualche modo sono bloccato
Dai segugi dell’inverno
Che ululano nel vento

Il forte dolore che si prova a causa di un amore finito viene associato al freddo dell’inverno in questo brano di Sting uscito nel 1996 con l’album Mercury Falling.

Fabrizio De André – Inverno

Ma tu che vai ma tu rimani
Anche la neve morirà domani
L’amore ancora ci passerà vicino
Nella stagione del biancospino

Passiamo alle canzoni italiane della nostra playlist, iniziando da Inverno di Fabrizio de André, splendido e struggente brano tratto dall’album “Tutti morimmo a stento” del 1968. Inverno ci racconta la ciclicità della vita, con i suoi periodi bui seguiti da momenti di gioia, che si alternano come le stagioni.

Guccini – Inverno ’60

Le nove di sera, domenica sera d’inverno
Fa freddo, c’è nebbia
In fondo alla strada s’è accesa l’insegna
Blue Garden: si balla

In questo brano jazz uscito nel 2000 con l’album “Stagioni” Francesco Guccini ci racconta le atmosfere di una domenica sera invernale in una sala da ballo in cui si resta fino a tardi cercando di dimenticare la vita quotidiana e il lunedì che deve arrivare.

Loredana Bertè – Il mare d’inverno

Il mare d’inverno
è un concetto che il pensiero non considera
è poco moderno
è qualcosa che nessuno mai desidera

Nel 1983 Loredana Bertè interpreta “Il mare d’inverno”, brano scritto per lei da Enrico Ruggeri. Qui il mare invernale è usato come metafora della solitudine.

Sergio Endrigo – Aria di neve

Aria di neve sul tuo viso
Le mie parole
Sono parole amare
Senza motivo
Prima o poi tra le nostre mani
Più niente resterà

Splendida e struggente canzone di Sergio Endrigo pubblicata nel 1962, anno in cui uscì il suo primo album. Nel testo Endrigo accosta il freddo e l’inverno a un amore ormai finito. L’inverno è quindi ancora una volta legato al freddo che si sente nel proprio cuore quando l’amore non c’è più. La canzone è stata reinterpretata, tra gli altri, da Franco Battiato, che l’ha inclusa nell’album Fleurs del 1999.

Nada – Ma che freddo fa

D’inverno il sole stanco
A letto presto se ne va
Non ce la fa più
Non ce la fa più

In una playlist sull’inverno non poteva mancare questo brano di Nada. Nada cantò la canzone nel 1969 al Festival di Sanremo, quando aveva solo quindici anni. Fu il suo primo grande successo. Nel testo, scritto da Franco Migliacci, è di nuovo presente il parallelismo tra il freddo dell’inverno e l’amore finito.

Riccardo Cocciante – A mano a mano

Ma dammi la mano e torna vicino
Può nascere un fiore nel nostro giardino
Che neanche l’inverno potrà mai gelare
Può crescere un fiore da questo mio amore per te

Chiudiamo la nostra playlist sull’inverno con una delle più belle canzoni di Riccardo Cocciante, “A mano a mano”. Uscì nel 1978 e ancora una volta nel testo l’inverno è metafora della fine di un amore. Qui però resta lo spazio perché l’amore possa fiorire di nuovo.

L’inverno, il tempo e l’amore nelle canzoni

E queste erano le 12 più belle canzoni sull’inverno che abbiamo scelto per voi. Speriamo che vi siano piaciute e non vi abbiano messo addosso troppa tristezza. A parte qualche eccezione, si tratta di canzoni tristi e malinconiche che parlano di amori finiti.

L’inverno è il periodo introspettivo per eccellenza ed è usato in molte canzoni come simbolo del tempo che passa, ma anche per rappresentare il dolore e la morte. Se l’estate è quasi sempre presente nelle canzoni come la stagione in cui nascono gli amori, l’inverno è senza dubbio la stagione in cui gli amori finiscono, lasciando solo un senso di freddo e di vuoto.

Vedi anche:

 

Articoli Correlati

Add New Playlist