Franco Battiato: le 10 canzoni più belle e famose

Quali sono le 10 canzoni più belle e famose di Franco Battiato? Ascoltale nella playlist che segue. Buon ascolto!

Franco Battiato, all’anagrafe Francesco Battiato, comincia a cantare, comporre musica e canzoni a metà degli anni ’60. Nel corso del decennio successivo si dedica principalmente a musica sperimentale e progressive ma è con gli anni ’80 che inizia ad avere davvero successo di pubblico. Nel 1981 pubblica infatti l’album “La voce del padrone”, molto apprezzato da pubblico e critica, che contiene alcune canzoni diventate poi famosissime. Abbiamo scelto 10 tra le sue più belle canzoni. Eccole!

Canzoni Franco Battiato: le 10 più belle. Playlist

1. Centro di gravità permanente

Uscita nel 1981 con l’album “La voce del padrone”, Centro di gravità permanente è sicuramente una delle canzoni più famose e belle di Battiato. Il resto si riferisce al desiderio del cantautore di trovare una propria centratura, che rimanga stabile e gli permetta di avere uno sguardo oggettivo sul mondo.

2. Cuccuruccuccù

Ecco un’altra famosissima canzone di Battiato, piena di frasi diventate mitiche, sempre uscita nel 1981. Il testo è denso di citazioni che spaziano dall’Iliade alle canzoni dei Rolling Stones. Una curiosità: Giuni Russo, con la quale Battiato ha realizzato famosi tormentoni anni 80, ha partecipato come corista.

3. La cura

La cura esce nel 1996 con l’album L’imboscata. Il brano, molto commovente, ha ottenuto subito grande successo ed è stato nel tempo reinterpretato da moltissimi artisti. E’ considerata una canzone d’amore, ma in realtà sembra nascondere più. Il testo è stato scritto insieme al filosofo Manlio Sgalambro, che ha collaborato a lungo con Battiato.

4. L’era del cinghiale bianco

Uscita nel 1979 e contenuta nell’album omonimo, L’era del cinghiale bianco fa riferimento a un’età mitologica e magica in ogni uomo riesce a raggiungere la conoscenza assoluta in senso spirituale.

5. Bandiera bianca

Ancora una canzone uscita nel 1981 con il fortunato album “La voce del padrone”, Bandiera bianca è una canzone fortemente critica e ironica in cui il cantautore prende di mira tutto quello che non gli va a genio della società contemporanea. Famosissimo il verso «A Beethoven e Sinatra preferisco l’insalata; a Vivaldi l’uva passa, che mi dà più calorie» e molte altre frasi bizzarre.

Vedi anche: Frasi da canzoni italiane, le più belle

6. Gli uccelli

“Aprono le ali / Scendono in picchiata atterrano / Meglio di aeroplani / Cambiano le prospettive al mondo / Voli imprevedibili ed ascese velocissime / Traiettorie impercettibili / Codici di geometria esistenziale”. Un’altra indimenticabile ed evocativa canzone di Battiato, in cui il cantautore descrive il volo e la vita degli uccelli.

7. La stagione dell’amore

La stagione dell’amore esce nel 1983 con l’album “Orizzonti perduti”. Il testo del brano è al contempo nostalgico e speranzoso, in quanto parla delle occasioni che si sono perdute nella vita (“Se penso a come ho speso male il mio tempo che non tornerà, non ritornerà più”) ma invita anche a riflettere sul fatto che ci saranno nuove possibilità e nuove emozioni.

8. I treni di Tozeur

I treni di Tozeur esce nel 1984 e viene poi inclusa nell’album “Mondi lontanissimi” del 1985. Il testo fa riferimento a Tozeur, in Tunisia. La città è circondata da un lago salato, presso cui passavano le carovane e in cui si verifica il fenomeno della Fata Morgana, che porta a vedere miraggi.

9. No Time No Space

“No Time / No Space / another race / of vibrations / the Sea / of the Simulation / keep your feelings in memories / I love you / especially tonight”. Ecco un’altra canzone molto bella e famosa di Battiato uscita nel 1985 con l’album “Mondi lontanissimi”.

10. Un sentimento nuevo

Chiudiamo la nostra playlist con un’altra famosa canzone uscita, tanto per cambiare, nel 1981 con l’album “La voce del padrone”. Si tratta di un’ode esplicita all’amore fisico, contemporaneamente scherzosa e colta come si può intuire dalle frasi e dai versi cantati dall’autore siciliano: “I desideri mitici di prostitute libiche / Il senso del possesso che fu pre-alessandrino / La tua voce come il coro delle sirene di Ulisse m’incatena / Ed è bellissimo perdersi in quest’incantesimo”

Le canzoni di Battiato che hanno lasciato il segno

Eccoci arrivati alla fine della nostra playlist. Speriamo che anche voi abbiate apprezzato questo tuffo negli anni ’80 con le canzoni di Franco Battiato. Avremmo potuto includere in questa lista molte altre canzoni, perché sono davvero tante le sue canzoni che hanno lasciato un segno.

Le canzoni di Battiato, nel panorama della musica italiana, sono sicuramente particolari. I suoi testi sono famosi per essere colti e raffinati, con un uso del linguaggio molto particolare e metaforico. Anche la sua musica, che occupa un ruolo fondamentale nelle canzoni, è spesso ricercata: nonostante in certi casi appaia semplice e orecchiabile, c’è una grande attenzione negli arrangiamenti.

Vedi anche:

Ascolta anche le altre playlist di musica italiana:

Articoli Correlati

Add New Playlist