Bonus auto 2022. Aiuti e agevolazioni, importi regole e requisiti

Bonus auto e moto 2022. Nuovi ecoincentivi fino a 5.000 euro per l’acquisto con rottamazione di auto elettriche e ibride. A chi spettano le agevolazioni del Mise.

Bonus auto 2022. I nuovi incentivi per l’acquisto di automobili e scooter sono stati definiti con il decreto attuativo del Mise. Con questo intervento sono previsti 650 milioni di euro l’anno per 3 anni, quindi fino al 2024, destinati agli ecobonus, più di quanto previsto nel 2021.

Bonus auto 2022 aiuti e agevolazioni

Vediamo allora quali sono gli importi previsti per l’acquisto di auto e moto con rottamazione nel 2022 e quando spettano.

VEDI ANCHE: BONUS 2022 ELENCO AGGIORNATO

Ecobonus auto 2022 requisiti e importi

Gli importi del bonus rottamazione auto 2022, in base alla categoria, secondo quanto previsto dal nuovo decreto del Mise ammontano a:

  • 3.000 euro per l’acquisto di nuove auto elettriche, con emissioni comprese fra 0-20g/Km, con una prezzo di listino fino a 35.000 euro + iva. A questo contributo potranno aggiungersi ulteriori 2.000 in caso di rottamazione di un auto di classe inferiore a Euro 5. Quindi in totale l’incentivo arriva fino a 5.000 euro.
  • 2.000 euro per auto ibride plug-in (che consentono di percorrere una determinata quantità di Km in modalità 100% elettrica), nella fascia di emissione 61-135 g/km. A cui si aggiungono ulteriori 2.000 euro in caso di rottamazione, per uno sconto totale di 4.000 €. In questo caso il prezzo di listino non deve superare i 45.000 euro + iva.

Bonus e incentivi moto elettriche 2022

Il nuovo provvedimento prevede anche incentivi per l’acquisto di motocicli e ciclomotori elettrici e ibridi. Questi gli importi dei contributi previsti in base alla categoria di scooter acquistata nel 2022:

  • 30% del prezzo di acquisto fino a 3.000 euro per nuovi scooter elettrici e ibridi (40% fino a 4.000 euro in caso di rottamazione di una moto di classe inferiore a Euro 3).
  • 40% del prezzo fino a 2.500 euro (con rottamazione) per l’acquisto di ciclomotori e motocicli termici.

Quando tornano e quanto durano gli incentivi auto 2022

Abbiamo visto importi e beneficiari del nuovo decreto attuativo del Mise sugli incentivi auto e moto, firmato dal ministro Giorgetti. Come previsto il provvedimento è arrivato nel mese di aprile 2022 e dura fino al 2024. Secondo il ministro l’intervento rappresenta: “una risposta concreta e molto attesa a un settore che attraversa una profonda sofferenza“.

Per l’erogazione dei contributi, verrà attivata una piattaforma statale, di cui ci si attende la partenza entro fine aprile. In altre parole fra pochi giorni ci sarà il ritorno degli ecobonus per l’acquisto di auto a basse emissioni. Come sempre in base alle indicazioni del Mise, i possessori dei requisiti potranno prenotare gli incentivi sulla piattaforma, presumibilmente avvalendosi dell’aiuto delle concessionarie.

Altri incentivi per automobilisti nel 2022

Non solo agevolazioni per l’acquisto di nuove auto e moto, infatti il governo Draghi negli ultimi mesi ha previsto altre tipologie di contributi che riguardano anche chi una macchina già ce l’ha.

Ad esempio per contrastare il caro carburanti, dovuto all’aumento del costo delle materie prime dopo la guerra in Ucraina e la pandemia, è stato introdotto il buono benzina 2022. Si tratta di una misura, detta bonus carburante dipendenti, che consiste in un voucher fino a 200 euro per fare rifornimento che le aziende possono erogare come benefit ai propri lavoratori. Sempre in relazione al caro carburante, si segnala la diminuzione delle accise per il rifornimento alla pompa di 25 centesimi al litro, prorogato fino al 2 maggio 2022 dal governo.

Infine segnaliamo anche il bonus gomme 2022, inserito nel decreto energia in attesa di approvazione al Senato. In caso di ok definitivo alla misura, verrebbe erogato un voucher da 200 euro per l’acquisto e il montaggio di 4 pneumatici di classe C1.

Come visto i bonus auto 2022 prevedono incentivi per l’acquisto di auto ibride o elettriche con rottamazione, per importi fino a 5.000 euro. Senza dimenticare altri incentivi per l’acquisto di moto o quelli destinate ad alcune categorie di automobilisti, per le spese collegate all’utilizzo e all’usura delle macchine.

VEDI ANCHE:

Related Posts

Ben tornato!