Pensioni donne 2022. Manovra opzioni e soluzioni

Pensioni donne news. Possibili proroghe nella legge di bilancio e ultime notizie sulla pensione anticipata 2022.

Pensioni donne 2022. Siamo entrati in una fase decisiva per la riforma del sistema pensionistico, prevista all’interno della manovra finanziaria. Dopo gli incontri di questi giorni con i sindacati e non solo, le soluzioni del governo riguarderebbero la proroga per un anno di Opzione donna e Ape Sociale.

Pensioni donne 2022

Ecco allora cosa potrebbe cambiare per le lavoratrici nel 2022, in base alle ultime di oggi sulle pensioni.

VEDI ANCHE: PENSIONE ANTICIPATA 2022 LE OPZIONI SONO DUE

Età pensione donna 2022, ipotesi

Come scrive Il sole 24 ore, si va verso la proroga secca di un anno di Opzione donna all’interno del testo della legge di bilancio. Questo significa, che a differenza di quanto ipotizzato negli scorsi giorni, alla fine lo scivolo pensionistico riservato alle lavoratrici dovrebbe esserci anche nel 2022.

Quindi con il rinnovo anche nel prossimo anno le donne potranno accedere alla pensione anticipata con 58 anni di età (59 se autonome) e 35 di contributi. Questo ricevendo un assegno pensionistico completamente contributivo.

Proroga per 12 mesi molto probabile anche per l’Ape Sociale, con l’allargamento delle categorie dei lavori usuranti beneficiari. Con queste due ultime misure, seppure temporanee al momento, l’esecutivo compone la nuova riforma, che dovrebbe essere completato dal sistema delle quote (da 102 a 104).

Pensioni 2022, proposta sindacati

Tuttavia le opzioni ipotizzate dal governo non convincono i sindacati, soprattutto per quanto riguarda le quote. Secondo i calcoli delle tre sigle (Cgil, Cisl e Uil) solo 20.000 persone potrebbero essere interessate da questo meccanismo.

Per questo nell’incontro avuto con il governo, i tre segretari hanno richiesto una riforma delle pensioni incentrata sulla flessibilità in uscita dal lavoro. Tuttavia per il premier Draghi le risorse previste nel documento programmatico di bilancio per le pensioni non si cambiano. Per questo non c’è accordo fra le parti e se il testo della manovra dovesse restare questo, i sindacati potrebbero indire uno sciopero.

Riforma pensioni, quota 41 non ci sarà?

Infine, la Lega continua a proporre quota 41 per tutti. Ma anche qui vale quanto ribadito dal premier ai sindacati, ovvero le risorse non sufficienti per realizzarla. Quindi difficilmente ci sarà spazio per questo provvedimento all’interno della legge di bilancio.

Come visto, le ultime news sulla riforma delle pensioni 2022, riguardano la proroga annuale di opzione donna e dell’Ape Sociale. Misure importanti da affiancare al meccanismo delle quote, che da sola avrebbe privilegiato gli uomini, secondo quanto affermato dal ministro del lavoro Orlando. I sindacati per ora non sono soddisfatti, ma le soluzioni del governo ormai sono queste. Il testo della manovra 2022, arriverà in consiglio dei ministri giovedì 28 ottobre e ormai non sembra più esserci spazio per altre opzioni, salvo sorprese dell’ultima ora.

VEDI ANCHE:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!