Pensioni 2022. Le ultime novità di oggi 26 ottobre

Pensioni news. Ecco le ultimissime di oggi sulla pensione anticipata 2022 dal governo. Ipotesi e data di approvazione legge di bilancio.

Pensioni 2022 – Il premier Draghi ha deciso di archiviare quota 100, vista la spesa eccessiva e un sistema che penalizza molti lavoratori, specie quelli più giovani. Ma ora con la riforma bisogna trovare un compromesso per evitare un brusco aumento dei requisiti per le pensioni anticipate dei prossimi anni.

Pensioni 2022 le ultime novità di oggi

Concentriamoci allora sulle ultime di oggi sulla riforma pensioni: a che punto siamo e cosa c’è di nuovo.

VEDI ANCHE: PENSIONE ANTICIPATA 2022 LE OPZIONI SONO DUE

Riforma pensioni 2022 ultime governo Draghi

Nella maggioranza che sostiene il governo si cerca ancora un’intesa per i nuovi scivoli pensionistici da inserire in manovra. La proposta più accreditata è quella che prevede il passaggio graduale da quota 102 a quota 104, con età ferma a 64 anni, ma aumentando ogni anno i contributi necessari per la pensione anticipata.

Tuttavia, come riportano le ultime notizie de Il sole 24 ore, partiti di maggioranza come la Lega non sono convinti di questo meccanismo. In particolare in un incontro fra Draghi e Matteo Salvini sarebbe stato proposto di affiancare alla misura un fondo ad hoc per le piccole imprese.

In questo modo si punterebbe a creare ulteriori forme di flessibilità in uscita dal lavoro, ma il costo della misura potrebbe essere troppo alto per le casse dello stato. Il premier ci ragiona su, ma deve tener conto anche delle richieste del PD, che insiste per avere più attenzione verso le donne e i lavori gravosi.

VEDI ANCHE: PENSIONE ANTICIPATA 2022 DONNE

Pensioni ultima ora: cosa pensano le parti sociali

Intanto anche Confindustria chiede di non restare attaccati alla logica delle quote per la riforma pensioni. Ma la vera novità è l’incontro fra il presidente del consiglio e i sindacati in programma in serata per fare il punto sulla riforma.

Secondo il segretario generale della Cisl Luigi Sbarra, bisognerebbe destinare maggiori risorse per le pensioni anticipate. In particolare intervenendo su misure come l’Ape Sociale, la cui platea di beneficiari andrebbe allargata.

Insomma, la matassa delle pensioni anticipate e ancora difficile da districare, visto che ognuno dice la sua, ma non ci sono risorse sufficienti per fare tutto. Quindi, siccome il tempo stringe per la redazione del testo della legge di bilancio 2022, il governo dovrà fare delle scelte. In tal senso il consiglio dei ministri in programma giovedì 28 ottobre potrebbe essere risolutivo.

VEDI ANCHE:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!