Bonus elettrodomestici 2022 come funziona. Guida agenzia delle entrate

Bonus elettrodomestici 2022 requisiti. Come ottenere la detrazione e per quali interventi. GUIDA aggiornata agenzia delle entrate.

Bonus elettrodomestici. Anche nel 2022 si potrà usufruire della detrazione Irpef del 50% sull’acquisto di grandi elettrodomestici destinati ad arredare una casa oggetto di ristrutturazione. E’ quanto stabilito dalla legge di bilancio 2022 e confermato dalla guida aggiornata dell’agenzia delle entrate.

Bonus elettrodomestici 2022 agenzia entrate

Vediamo quindi come funziona il bonus elettrodomestici 2022, come si ottiene la detrazione e come si utilizza.

VEDI ANCHE: BONUS 2022 ELENCO AGGIORNATO

Bonus elettrodomestici 2022, a chi spetta

L’incentivo per l’acquisto di elettrodomestici ammonta al 50% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 10.000 euro. La manovra 2022 ha previsto una diminuzione di questo tetto, infatti nel 2021 ammontava a 16.000 euro.

Possono beneficiare della detrazione, coloro che effettuano lavori di ristrutturazione sull’immobile a cui sono destinati gli elettrodomestici. In particolare:

  • persone fisiche, in quanto proprietarie o nude proprietarie
  • soggetti in comodato d’uso o affittuari
  • imprenditori individuali, ma non per l’uso strumentale dell’immobile.
  • società semplici, cooperative, sas o snc.

Quali elettrodomestici rientrano nel bonus?

Permettono di accedere all’agevolazione gli elettrodomestici nuovi. A condizione che rientrino nelle classi di miglioramento dell’efficienza energetica. Quindi:

  • forni (di classe non inferiore ad A+), anche a microonde
  • frigoriferi e congelatori
  • lavastoviglie, lavasciuga e asciugatrici
  • stufe elettriche
  • apparecchi per la cottura
  • piastre riscaldanti elettriche
  • apparecchi elettrici di riscaldamento
  • radiatori e ventilatori elettrici
  • apparecchi per il condizionamento.

Bonus elettrodomestici 2022 su quali interventi

Per ottenere l’agevolazione fiscale sull’acquisto di elettrodomestici, è necessario realizzare un intervento di recupero di patrimonio edilizio su un immobile. Ecco la lista di lavori che rientrano in questa categoria, fornita dall’agenzia delle entrate:

  • di manutenzione straordinaria, restauro e ristrutturazione edilizia su singoli appartamenti.
  • Per ricostruzione di immobile danneggiato.
  • Per ristrutturazione di interi fabbricati.
  • In caso di manutenzione ordinaria, straordinaria o ristrutturazione edilizia di parti comuni di edifici residenziali.

Bonus elettrodomestici come pagare per riceverlo

Come indica l’agenzia delle entrate, per accedere all’incentivo è necessario effettuare l’acquisto di elettrodomestici, con determinate modalità. Nello specifico il pagamento deve avvenire tramite bonifico o carta di credito o debito. Non sono consentiti altri mezzi, come ad esempio contanti o assegni bancari.

Rientra nella detrazione anche il pagamento con finanziamento a rate, ma bisogna conservare una copia della ricevuta. Di seguito tutti i documenti necessari per ricevere il bonus.

Detrazione elettrodomestici 2022 come si usa

Una volta ottenuta, la detrazione viene ripartita in 10 quote annuali. Il beneficiario può utilizzarle in diminuzione delle tasse da pagare. In pratica bisogna inserire dati e documentazione degli acquisti all’interno del modello 730, ovvero la dichiarazione dei redditi.

Quindi ad esempio, chi ha diritto a ricevere 8.000 euro di agevolazioni, potrà utilizzare una quota di 800 euro ogni anno, come credito verso il fisco. L’agenzia specifica che la detrazione non utilizzata, in tutto o in parte, non si può trasferire in nessun caso. Neppure in caso di decesso cessione dell’immobile.

Bonus elettrodomestici 2022 agenzia entrate pdf

Abbiamo visto come funziona il bonus per l’acquisto di elettrodomestici previsto dalla legge di bilancio 2022. Per approfondire ogni singolo aspetto legata a questa detrazione, vi consigliamo di legge la nuova guida dell’agenzia delle entrate. Qui disponibile in formato pdf da scaricare.

Ricapitolando, il bonus elettrodomestici 2022 consiste in una detrazione del 50% sulle spese di acquisto, fino ad un massimo di 10.000 euro. E’ necessario che l’immobile a cui sono destinati sia oggetto di ristrutturazione o altri interventi ammessi. Per ottenere la detrazione, da inserire nel 730, bisogna necessariamente pagare con mezzi tracciabili e conservare i documenti.

VEDI ANCHE:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!