Calamari ripieni all’amalfitana

calamariripieni8giugno
I calamari ripieni ad Amalfi sono una vera e propria specialità e molte sono le maniere per cucinarli.  Ecco di seguito una sfiziosa variante di una tipica ricetta della tradizione locale, accompagnata da un buon bianco del luogo che per l’occasione potrebbe essere il Furore d’Amalfi che ha un delicato profumo di frutta e riporta agli inconfondibili odori mediterranei di tutta la costiera amalfitana. Ecco la ricetta.

  • Ingredienti:
    4 calamari di grandezza media
    olio extravergine d’oliva
    200 g. di patate
    200 g. di zucchine
    80 g. di pane bianco
    1 cespo di scarola
    60 g. di olive nere
    40 g. Pinoli
    40 g. di uvetta
    2 spicchi d’aglio
    5 g. di peperoncino,
    4 alici salate
  • prezzemolo
    sale e pepe

Come fare i calamari ripieni all’amalfitana

Come prima cosa fate rinvenire l’uvetta in un bicchiere d’acqua tiepida.
Pulite i calamari e mettere da parte i tentacoli.
Tritate in modo grossolano i tentacoli del calamaro.
Tritate finemente uno spicchio d’aglio
Passate ora in padella i tentacoli con metà dello spicchio d’aglio, un poco d’olio di oliva extravergine e, quando i molluschi stanno per rosolare, aggiungere 2 dita d’acqua, facendo cuocere a fuoco lento finché l’acqua di cottura sarà evaporata. Lasciate comunque un po’ di sughetto.
Preparare intanto una dadolata di zucchine e patate.
Ripassate anche questa in padella, con poco olio extravergine d’oliva e l’altra metà dello spicchio d’aglio tritato. Cuocere a fuoco lento.
A questo punto unite i tentacoli e la dadolata già cotti e il sughetto dei tentacoli.
Aggiungete il prezzemolo tritato, le olive denocciolate e tagliate a pezzetti, sale e pepe.
Unire il tutto e aggiungete la mollica di pane.
Preparate il composto e con l’aiuto di un cucchiaio riempite le tasche dei calamari.
Mettete in forno a 180° e fate cuocere per una ventina di minuti.
Nel frattempo fate saltare in padella la scarola con lo spicchio d’aglio rimasto, i capperi, le olive, le alici salate e poco prima di spegnere unite i pinoli e l’uvetta.
Una volta pronto l’intingolo, impiattate, ponetevi sopra i calamari ripieni all’amalfinana, condite con un filo d’olio evo e servite a tavola.

VEDI ANCHE:

Linguine con vongole totani e calamari

Calamari fritti alla romana

0/5 (0 Recensioni)

Related Posts

Ben tornato!