Pensioni – Ultime notizie su pensioni oggi

Le ultime notizie di oggi sulle pensioni, riguardano quota 100 e la riforma del sistema pensionistico, da tempo allo studio del governo.

In particolare sullo scivolo pensionistico attualmente in vigore, almeno fino al 2021, è intervenuto l’ex ministro dell’economia Tria, svelando particolari sulla sua attuazione. Ecco allora le sue parole su questo tema e a seguire i possibili scenari della riforma pensionistica, in virtù dell’emergenza Covid 19.

Pensioni, quota 100: le parole di Tria

Giovanni Tria, titolare del dicastero dell’economia durante il governo gialloverde, in un’intervista a Repubblica affari e finanza, è tornato sulle scelte prese in materia di pensioni. Lo ha fatto sottolineando che nel 2018 l’esecutivo avrebbe potuto cercare di contenere il deficit, ma scelse di attuare quota 100 e reddito di cittadinanza.

La scelta di portare avanti questi provvedimenti, secondo Tria, rappresentava una precisa volontà del governo di farne una bandiera e garantire determinati diritti ad alcuni cittadini. Infatti, le somme inizialmente ipotizzate non sono state spese, con il rapporto deficit-PIL fermo all’1,6%, dopo un’iniziale battaglia per farlo arrivare al 2,4%.

Insomma, l’ex ministro dell’economia, fra le righe, sembra attribuire la volontà di portare avanti questi provvedimenti ai partiti dell’allora maggioranza, ponendo a posteriori dubbi sulla loro efficacia, viste le cifre.

Vedi anche: Età pensionabile donne

Riforma pensione e Coronavirus: cosa cambia?

I dubbi espressi dall’ex ministro Tria su quota 100, riguardano anche molti esponenti dell’attuale maggioranza, che come noto da tempo studia una riforma delle pensioni. Tuttavia l’urgenza di introdurre nuove misure per la pensione anticipata, sembra ora secondaria rispetto all’emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Coronavirus in Italia.

Tale fenomeno, che imperversa nel nostro paese porta una serie di conseguenze, oltre alle misure adottate per tutelare la salute pubblica. Fra queste le ripercussioni molto negative sull’economia, praticamente bloccata e che inevitabilmente porterà alla recessione durante il 2020.

Per questo il governo potrebbe intervenire con risorse volte ad aiutare tutti coloro che si trovano in difficoltà e per riattivare l’economia, una volta che la fase di emergenza sarà alle spalle. Per farlo probabilmente l’Italia sforerà il deficit stabilito con l’Unione Europea. Se ciò dovesse accadere ci sarebbero meno risorse da destinare ad altri temi, come ad esempio alla riforma delle pensioni.

Insomma, è molto probabile che le conseguenze del Coronavirus portino ad un rallentamento dei tempi per l’introduzione di nuove misure sulle pensioni anticipate.

Pensioni anticipate e riforma, cosa aspettarsi

Quanto detto fino ad ora significa che misure come opzione donna e quota 100, una volta giunti alla loro scadenza naturale, non verranno sostituite?

E’ ancora troppo presto per dirlo, ma visto che probabilmente le risorse a disposizione saranno minori, potrebbe esserci meno disponibilità per rimodulare le misure sulle pensioni anticipate.

Insomma, oltre che per la salute di tutti, bisogna sperare che l’emergenza attuale non lasci conseguenze troppo pesanti sui conti pubblici. In caso contrario, la riforma delle pensioni potrebbe essere ridimensionata, rispetto alle tante idee e proposte avanzate fino ad ora.

E’ tutto per quanto riguarda le ultime sulle pensioni, per uscire da questa situazione di incertezza non resta che attendere le decisioni del governo.

Vedi anche: A che età si va in pensione in Italia

Related Posts

Ben tornato!