Reddito di cittadinanza, pagamento ottobre 2019. Le date Inps

Reddito di cittadinanza, quando il pagamento di ottobre? Ed è vero che è a rischio?

Chi ha fatto richiesta del reddito di cittadinanza nei mesi scorsi, con relativa accettazione, ad ottobre riceverà nuovamente il sussidio, per la precisione tra il 24 e il 30. Tuttavia bisogna fare attenzione all’obbligo di effettuare un’integrazione e alla sua scadenza, in quanto il mancato adempimento comporterà lo stop dell’erogazione del reddito.

Vediamo dunque di cosa si tratta, per poi passare alla data di accredito, per i beneficiari in regola con la documentazione.

Il pagamento di ottobre è a rischio?

Per quanto riguarda l’erogazione del reddito ad ottobre, ci sono alcuni dei beneficiari che devono porre particolare attenzione. Nello specifico coloro che hanno presentato la domanda nel corso del mese di marzo, devono integrarla entro il 21 ottobre. Tutti quelli che invece hanno perfezionato la richieste nei mesi seguenti no.

Tale obbligo è determinato dal fatto che i modelli sono stati aggiornati proprio dopo marzo. In sostanza si tratta di aggiungere ulteriori dati personali all’interno degli appositi moduli. Per completare questa operazione basta collegarsi al sito web serviziweb2.inps.it e accedere alla sezione delle autocertificazioni sul reddito.

A tutti coloro che avessero dei dubbi su come compiere l’operazione, consigliamo di rivolgersi ad un caaf per ottenere assistenza.

Infine, per chi non dovesse svolgere in tempo l’integrazione necessaria, scatterà lo stop all’erogazione del reddito per questo mese. Essa però potrà riprendere in quello seguente, nel caso l’integrazione avvenga in una data successiva al 21 ottobre.

Vedi anche: Calendario pagamenti reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza: quando arriva il pagamento di ottobre

Per tutti coloro che hanno perfezionato la domanda per il sussidio nei mesi compresi fra marzo e settembre, e ricevuto il via libera al conseguimento, il pagamento avverrà fra il 24 e il 30 ottobre. Come detto, coloro che hanno fatto richiesta a marzo devono però aver effettuato l’integrazione necessaria alla domanda.

Tutti quelli che invece hanno presentato la domanda ad ottobre, dovranno ancora pazientare prima di ricevere la somma loro spettante. Infatti, i tempi di elaborazione della domanda e della disposizione del pagamento sono di almeno 30 giorni. Dunque, in caso la domanda venga accettata, questi riceveranno il primo pagamento fra il 24 e il 30 di novembre.

Vedi anche: Come pagare l’affitto con il reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza confermato nella Legge di bilancio 2020

Come ampiamente previsto, questa misura è stata confermata nella nuova manovra finanziaria varata dal Governo. Anche se alcuni gruppi politici hanno espresso dubbi sulla sua efficacia, il Movimento 5 stelle, ideatore del provvedimento, non ha mai nascosto l’intenzione di continuare con la sua applicazione.

Ora, una volta ottenuta la sua conferma, la sfida per l’esecutivo Conte bis, sarà quella di perfezionarlo ulteriormente. Questo dovrà avvenire tramite un migliore funzionamento dei centri per l’impiego e ai risultati che dovrà portare il lavoro svolto dai navigator, nel trovare un impiego ai beneficiari del reddito.

Staremo a vedere se si riuscirà in questo, intanto anche per il 2020 le fasce più deboli potranno contare sul sussidio.

Vedi anche: Requisiti reddito di cittadinanza 2019 2020. A chi spetta e le novità

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!