Quanti giorni di congedo parentale spettano al padre nel 2022?

Congedo parentale, quanti giorni spettano al padre? Novità e regole per i dipendenti legge di bilancio 2022. Durata e domanda Inps.

Quanti giorni di congedo parentale spettano ai papà nel 2022? Ha risposto al quesito la nuova manovra del governo, in approvazione in Parlamento. Attualmente il congedo di paternità è in scadenza a fine anno, ma un passaggio del testo lo rende strutturale.

Quanti giorni di congedo parentale spettano ai papà

Vediamo quindi quanto durerà nel 2022, a chi spetta e per quali esigenze familiari.

VEDI ANCHE: BONUS 2022 PER FAMIGLIE

Congedo paternità 2022 quanti giorni dura

Per i padri lavoratori dipendenti, il congedo obbligatorio dura 10 giorni. E’ quanto previsto dal testo della legge di bilancio 2022, che consente ai papà di astenersi dal lavoro per un ulteriore giorno, in accordo con la madre e in sua sostituzione, durante il periodo spettante a quest’ultima.

La normativa, introdotta in via sperimentale dall’art. 4, c. 24, lett. a), della L. n. 92/2012, ha avuto varie proroghe. Da ultima quella prevista nel 2021. Ora però con il nuovo testo della manovra, diventa strutturale, sarà quindi utilizzabile nel 2022 e negli anni seguenti.

Congedo parentale padre, quando si può usufruire?

I giorni di astensione dal lavoro per i papà, devono essere goduti entro 5 mesi dalla nascita di un figlio. O in alternativa entro lo stesso periodo di tempo dall’entrata in famiglia di un figlio adottato o comunque di un minore. Anche in questo caso i giorni di permesso fruibili ammontano a 10 nel 2022.

Come riporta il sito dell’Inps, questo diritto è autonomo, quindi aggiuntivo a quello della madre. Un aiuto ulteriore per le famiglie quindi, che si aggiunge a quelli previsti in manovra per i figli nel 2022.

VEDI ANCHE: ASSEGNO UNICO PER FIGLI 2022 QUANDO ARRIVA

Congedo di paternità 2022 quanto spetta

Durante i 10 giorni previsti dalla normativa, il padre lavoratore dipendente ha diritto ad un’indennità giornaliera pari al 100% della retribuzione. Il contributo è a carico dell’Inps, che si occupa dell’erogazione al dipendente neo papà.

Questo congedo e la relativa indennità, ad oggi non spetta ai padri lavoratori autonomi e neppure ai dipendenti pubblici. In quest’ultimo caso manca un apposito provvedimento di competenza del ministro della pubblica amministrazione. Staremo a vedere se arriverà prossimamente.

Come richiedere il congedo parentale per il padre

Il padre dipendente deve comunicare al datore di lavoro la volontà di fruire del congedo con almeno 15 giorni di anticipo. La presentazione della richiesta all’Inps, deve invece avvenire online, tramite il servizio dedicato sul sito internet dell’istituto.

Per accedere e completare la procedura bisognerà inserire le proprie credenziali Spid o Cie. In alternativa potete recarvi in un caf che realizzerà la richiesta telematica per vostro conto. Per ogni altro approfondimento su questa prestazione, potete consultare la guida Inps di seguito allegata.

Come visto i congedi parentali per padri durano 10 giorni anche nel 2022, come previsto dalla manovra. In sintesi, l’astensione dal lavoro e l’ottenimento dell’indennità Inps per questo periodo, spetta ai lavoratori dipendenti neo papà.

VEDI ANCHE:

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!