Juventus-Zenit 4-2, la Signora ingioiellata dimentica la crisi

Splendida prestazione della Juventus che conquista la sua quarta vittoria in Champions League e accede agli ottavi di finale con due turni di anticipo

Niente crisi… dopo due sconfitte consecutive in campionato, la Juventus ritrova se stessa in una serata indimenticabile, offrendo quella che probabilmente è stata la miglior prestazione stagionale della squadra di Massimiliano Allegri.

Juventus Dybala
Due gol e un assist per uno scatenato Dybala (Juventus Official Twitter)

Juventus-Zenit San Pietroburgo, la partita

Difficile rendere l’idea di quanto la Juve abbia giocato al massimo delle sue possibilità cercando di mettere da parte, cosa non facile, l’emotività negativa derivata dalle ultime sconfitte in serie A. Reduce da alcuni giorni di ritiro, sostenuta da un pubblico che ha fatto di tutto per spingere la squadra verso l’impresa, la Juventus ha giocato una gara davvero di altissimo spessore. A fare la differenza nel primo tempo è stato soprattutto Paolo Dybala, letteralmente scatenato.

Vedi anche Dybala Juve profilo giocatore  stipendio e patrimonio

Sue le prime incursioni che creano almeno altrettante palle gol. Poi, su azione di calcio d’angolo, colpendo la palla con curioso ma smaliziati si è contro balzo, l’argentino porta la Juve in vantaggio. La reazione dello Zenit è tendente allo zero infatti la Juventus a sfiorare il raddoppio a più riprese. Ma se l’unica palla gol nella tre quarti bianconera Bonucci, con uno sfortunato colpo di testa, anticipa Szczesny.

Vedi anche: Giocatori Juve la formazione della Juventus

Pareggio bugiardo, che non scompone più di tanto la squadra di Allegri che continua ad adattare e a giocare bene. Il raddoppio arriva su rigore: Chiesa, fino a quel momento piuttosto in ombra, cresce in modo esponenziale. È lui a procurare il penalty che Dybala, trasforma al secondo tentativo.

Chiesa, sempre più travolgente azione dopo azione, firma il terzo gol con una delle sue caratteristiche azioni, saltando l’uomo e concludendo in diagonale sul secondo palo. Arriva ancora il quarto gol di Morata, servito da un assist di Dybala. Il secondo gol dello Zenit a tempo ormai scaduto non cancella la splendida prova dei bianconeri, ormai sicuri dell’accesso agli ottavi. La prima squadra a conquistare la qualificazione a punteggio pieno insieme al Bayern Monaco.

Vedi anche: Quanto vale e quanto guadagna Federico Chiesa

A questo punto alla Juve basta un pareggio a Londra contro il Chelsea per mettere al sicuro anche il primo posto del girone.

Il tabellino

JUVENTUS-ZENIT SAN PIETROBURGO 4-2
11’ Dybala, 26’ autorete Bonucci, 58’ Dybala, 73’ Chiesa, 78’ Morata, 90’+2 Azmoun
Juventus: Szczesny; Danilo, Bonucci (85′ Rugani), de Ligt, Alex Sandro; Chiesa, Locatelli (79′ Arthur), McKennie, Bernardeschi (79′ Rabiot); Dybala (85′ Kulusevski), Morata.
Zenit: Kritsyuk; Karavaev (57′ Malcom), Chistyakov, Lovren, Rakitskiy (74′ Dzyuba); Sutormin 5, Barrios, Wendel (88′ Kuznetsov), Mostovoy (57′ Krugvoi); Claudinho (74′ Erokhin), Azmoun.
Ammoniti: Lovren, Locatelli, Rugani

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!