Pensioni di vecchiaia 2022. Le ultime sui requisiti

Pensioni di vecchiaia 2022. Ecco come cambiano i requisiti per l’accesso alla pensione di anzianità fino al 2024. Ultime notizie sul pensionamento.

Pensioni di vecchiaia. I requisiti per accedere alla pensione di anzianità non cambieranno nel 2022, visto il mancato aumento della speranza di vita nel nostro paese. E anche nel biennio successivo (2023-2024) l’età pensionabile dovrebbe restare invariata, in base alle ultime notizie sulle pensioni.

Pensioni di vecchiaia 2022 requisiti

Vediamo allora perché i requisiti per accedere al trattamento previdenziale Inps non dovrebbero aumentare nei prossimi anni.

VEDI ANCHE: PENSIONI DI VECCHIAIA DONNE CON E SENZA CONTRIBUTI

Età pensionabile non aumenta fino al 2024?

Come spiega il sito Pensionioggi, non solo nel 2022, ma anche nel 2023 e 2024 si potrà accedere alla pensione di vecchiaia con i requisiti attualmente previsti (almeno 67 anni di età anagrafica).

Il motivo è dovuto al mancato aumento della speranza di vita in Italia, a causa della pandemia che ha ridotto l’aspettativa media a 82 anni nel 2020 (-1,2 anni rispetto all’anno precedente). In particolare l’aspettativa per gli uomini si attesta a 79,7 anni, mentre per le donne a 84,4 anni. Questi dati sono certificati dal 22° rapporto della ragioneria dello stato, che riporta le previsioni nel medio e lungo periodo delle spese pensionistiche in Italia.

Questo dato è importante visto che i requisiti pensionistici sono agganciati alla speranza di vita Istat. In altre parole quando questa aspettativa cresce, lo fa anche l’età pensionabile, come già avvenuto nei precedenti adeguamenti. Ora i nuovi dati dovrebbero consentire di accedere alla pensione di vecchiaia a 67 fino al 31 dicembre 2024, ma per averne l’ufficialità bisognerà attendere un apposito decreto interministeriale che arriverà entro fine anno.

Pensione lavori gravosi 2022

I requisiti per l’età pensionabile dovrebbero tornare a salire dal 2025 in poi, con incrementi di 3 mesi alla volta (arrivando a 68 anni nel 2031 in base alle previsioni). Ma c’è una categoria che ha diritto a uno sconto strutturale sull’età pensionabile fin qui riportata, vale a dire quella dei lavori gravosi. A tal proposito il governo Draghi sta pensando di ampliare la platea dei beneficiari all’interno della Legge di bilancio 2022.

Oltre a questo si lavora anche su altre possibili novità in tema di pensioni anticipate, per consentire ai lavoratori di non essere costretti ad attendere i requisiti previsti dalla pensione di vecchiaia. Ma al riguardo il dibattito è ancora in corso e si avranno maggiori certezze solo dopo l’approvazione finale della manovra, prevista entro il 31 dicembre 2021.

Queste le ultime news sui requisiti per la pensione di vecchiaia 2022 e negli anni seguenti. In sintesi, anche nel biennio 2023-2024 l’età pensionabile in Italia non dovrebbe aumentare, in base ai dati sulle aspettative di vita.

VEDI ANCHE:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!