10 canzoni napoletane rap

Da Clementino a Enzo Dong, i rapper napoletani si distinguono per originalità e i testi sferzanti. Vediamo 10 belle canzoni napoletane rap.

Il napoletano è una lingua musicale e preziosa, tant’è che da sempre il suo valore incommensurabile viene riconosciuto da autori teatrali, attori, musicisti e musiciste, diventando un patrimonio importante della cultura italiana in generale. Dai 99 Posse a Pino Daniele e non solo, sono molti gli artisti originari della città che scrivono e cantano nella loro lingua e che hanno raccontato la vita e la città in splendide canzoni napoletane. Così fanno anche i rapper, che proprio grazie al napoletano hanno inventato un genere inconfondibile. Sono molti i nomi noti della scena rap partenopea, famosi anche a livello nazionale. Abbiamo scelto per voi 10 canzoni napoletane rap.

Buon ascolto!

Canzoni rap napoletane (d’amore ma non solo)

Clementino – Joint

Con un sound medioorientaleggiante, Clementino ci regala questa perla dai sapori trap e pop, senza mancare di una buona dose di ironia. Il napoletano si mischia all’italiano e con grande humour alla parola inglese ‘Joint’, che si significa ‘spinello’, che ricorre nel ritornello ed è anche il titolo della canzone.

“Nu sentiero ma purtat cca
Vire quanti cos so’ cagnat
Tu vuò sentì n’ata musica
A strada che è l’unic frateme, nun ce pensà”

Enzo Dong – Sott e Bass

Ispirandosi ad un’estetica antiautoritaria e anarchicheggiante, il giovane rapper napoletano propone una musica violenta ed energica, con basi rumorose e visual scuri e rabbiosi. Enzo Dong si ispira anche al grande cinema della malavita, da Scarface alla serie tv Gomorra.

“E Stamm e Cas Sott e Bas
E Cell Ngopp e Cas
Po Stat Simm Già Carcerat e Nisciun Ca Ce Fa Cas
Te Ne a Fuji”

Lele Blade – Coco

Lele Blade, rapper originario di Casoria, propone un rap più morbido, quasi melodico, mischiandolo con sonorità etniche e vicine ai ritmi sudamericani. Seppur giovane, Lele Blade vanta numerosi progetti importanti, come le collaborazioni con Vale Lambo e Dome Flame.

“Tras rint a banca cu na banda e pistoleros
Barba long, tatuat comm e bandoleros
‘O primm che cant ‘o facc ballà a samba
Black, black, black, black vir sul e fiamm”

Nto’

Ntò ha fatto parte del noto collettivo napoletano Co ‘Sang, molto attivo negli anni ‘90. Decide poi di intraprendere la sua carriera da solista, rimanendo legato ad un raffinato gusto old school.

“Pe t’avè nu pavè ‘e diamanti, nun avasta
Je te vglio pecchè si crisciuta cà vascio
Stongo ascenno da ‘o studio
Sto fernenno ‘o missaggio”

La Famiglia

Il gruppo attivo principalmente negli anni ‘90, La Famiglia, è ormai diventato un classico del rap e hip hop napoletano. I loro brani sono infatti pietra miliare del repertorio della capitale partenopea, con un sound inconfondibile e molto elegante, seppur sempre molto ironico.

“mommò ne frà che fai a fa eeeh si nu sai cherè
megl se sturie ne scè -“eeh?”
aimè chest’è pe te pecché sicché
staj sempre zitt sott a me a fa a bott
se me capisc buon sinù che me ne fotte”

PeppOh – Chesta nott’

Con un’estetica molto sobria e un declamare elegante e pulito, PeppOh si fa notare per un rap più morbido e quasi borghese rispetto al flow più da rione che domina la scena napoletana rap.

“E’ mezzanott, n’atu juorn va in port’, je rest’ assort
Int’e ccapat’ ca te coccol’n stile resort
Cerc’e sta fort, int’a stu munn’e fatt’a pezzott
Facc’a cazzott, pur si è semp cchiù ddur sta lott’
D’e ll’ott a matin ca ggià staje e na maner’
Nun truov’ accendin e te faje piglià do’ scler
Ddoje o tre monetin’ int’o cazon d’ajer
Ca mò è na mappin’ e s’essa pur lavà, serij!”

Luchè – Je Ce Credevo

Luchè, nome d’arte di Luca Imprudente, cresce nei rioni napoletani più famosi e giovanissimo comincia a frequentare la scena hip hop, fondando insieme ad altri il gruppo Co’ Sang.

“Je m’arricordo comme diciste
“Staraggio co’ te pe’ sempe”
Ma chillu juorno
Fuje sulo una ‘e chelli prumesse ca nun mantieni
Quanti rimorsi
Invece ‘e te chiedere scusa je me ne jevo
Scavo ‘na fossa
Pe’ seppellì chello ca è rimasto ‘e me e te”

Sangue Mostro – Stamm Venenn

Il gruppo nato a Napoli nel 2006 mischiano sonorità più moderne ad un flow decisamente old school. Molto raffinati e sicuramente maestri, i Sangue Mostro sono una colonna portante della scena rap e hip hop napoletana.

Moderup – GTA Napl

Le nuove generazioni dei rapper napoletani sono invece sicuramente affascinate dallo scenario trap, mischiando quindi la produzione rap a basi più puramente rap. Un ottimo esempio sono i Moderup con il loro GTA Napl.

“Stamm faticann p magnà ndo ristrorant
Fra no comm a sti magnat ca s spartn a mullic
A fa i cos ross già ra piccirill
Teng e sord ngap quand stev a mill lir
Comm e militar ma addestrat rint e vic
Puort a sti rapper ca pigliamm buon a mir”

Lucariello – Guagliun e miez via

Lucariello è un rapper con grandissima esperienza, attivo nella scena rap napoletana da molti anni. Proprio nei centri sociali ha iniziato a muovere i primi passi, sia come rapper che come dj. Questa canzone entra anche a far parte della colonna sonora di Gomorra.

Il rap napoletano è un mondo da scoprire e da godere in tutta la sua forza e potenza, forse uno degli ultimi generi a sopravvivere mantenendo un’identità forte che è riuscita a farsi contaminare dalle tendenze internazionali senza tuttavia perdere il suo forte carattere.

Vedi anche:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!