Bonus idrico 2022. Come richiederlo sulla piattaforma online

Bonus idrico 2022. Come fare domanda e quando arriva il contributo da 1.000 euro per bagno, rubinetti e sanitari. Requisiti e ultime notizie.

Bonus idrico – a partire da gennaio 2022 si potrà finalmente richiedere il bonus bagno. Dopo una lunga attesa dovuta alla creazione del Ministero della transizione ecologico (che se ne occupa), ora si potrà richiedere il contributo per la ristrutturazione dei bagni, sull’apposita piattaforma online.

Bonus idrico 2022

Concentriamoci quindi su come e quando richiedere questo incentivo, ma anche su quali sono requisiti e documenti necessari per ottenerlo.

VEDI ANCHE: BONUS 2022 ELENCO AGGIORNATO

Piattaforma bonus idrico, come fare domanda

La domanda per accedere al bonus bagno, deve essere presentata su una piattaforma online, realizzata da Sogei. Dopo una lunga attesa sarà attiva da gennaio 2022. Quindi da quel momento sarà possibile presentare istanza.

Per completare l’operazione bisognerà recarsi sul sito del Ministero della transizione ecologica e poi accedere alla sezione bonus idrico. Per entrare bisogna usare le proprie credenziali SPID o CIE e completare la procedura.

Bonus bagno 2022, documenti necessari

Alla richiesta online bisogna allegare i seguenti dati e documenti:

  • importo spesa sostenuto.
  • Specifiche tecniche dei lavori realizzati.
  • Identificativo catastale dell’immobile oggetto di lavori.
  • Dichiarazione di non aver già usufruito dell’incentivo.
  • Iban bancario su cui accreditare il rimborso fino a 1.000 euro.
  • Copie fatture e documentazione commerciale.
  • Modello esercente bonus idrico (con cui il venditore certifica tutte le specifiche dell’operazione).

Di seguito l’ultimo documento citato da allegare obbligatoriamente. Qui disponibile in formato pdf da scaricare.

Come funziona il bonus per rubinetti? Requisiti

Abbiamo visto come richiedere il bonus idrico sulla nuova piattaforma. Ma per accedere al contributo i richiedenti devono:

  1. Essere residenti in Italia e avere più di 18 anni.
  2. Essere titolari dei diritto di proprietà o di altri diritti personali di godimento, su edifici esistenti oggetto di lavori di ristrutturazione idrica.
  3. Realizzare sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto. In alternativa di apparecchi di rubinetteria (o colonne doccia) che limitano il flusso d’acqua entro 6 o 9 litri al minuto. Questo nel periodo compreso fra il primo gennaio e il 31 dicembre 2021.

Bonus idrico 2022, ultime news e rifinanziamento

La richiesta del contributo può avvenire una sola volta per immobile. Il rimborso viene accreditato ai beneficiari fino ad esaurimento delle risorse disponibili (20 milioni di euro). Tuttavia nella legge di bilancio 2022 al vaglio del Parlamento, le risorse potrebbero aumentare.

L’obiettivo è quello di permette a più beneficiari possibili di accedere all’agevolazione per l’efficientamento idrico di casa. Queste almeno sono le intenzioni del Ministro della transizione ecologica Roberto Cingolani.

In attesa di saperne di più, sicuramente da gennaio 2022 si potrà richiedere il bonus bagno. In sintesi, il contributo fino a 1.000 euro per la sostituzione di rubinetti, sanitari ed altro, sarà accessibile tramite la piattaforma online di Sogei, presentando apposita documentazione. Una volta accordato l’importo sarà versato ai beneficiari su conto corrente bancario.

VEDI ANCHE:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!