Quanto guadagna Hamilton? Molto ma non è il più pagato

A quanto corrisponde il patrimonio di Lewis Hamilton, uno dei più celebri e potenti piloti di Formula Uno al mondo? E quanto guadagna all’anno?

Quanto guadagna Hamilton? Nel 2016, secondo Forbes, Lewis Hamilton occupava l’undicesimo posto nella lista degli atleti più pagati al mondo. E anche nel 2018 le cose non sono cambiate di molto. Lewis Hamilton ha infatti appena rinnovato il contratto per il 2019 con Mercedes AMG Petronas accordandosi su uno stipendio del valore di 40 milioni di dollari all’anno più i bonus per un totale di circa 50 milioni di dollari. Una cifra esorbitante, senza contare le varie partnership con diverse aziende che fanno guadagnare all’atleta, secondo Forbes, almeno 4 milioni di dollari all’anno.

Un post condiviso da Lewis Hamilton (@lewishamilton) in data:

Hamilton superato nei guadagni da Sebastian Vettel

Tuttavia, nonostante lo stipendio generoso, Hamilton non è il pilota di Formula Uno più pagato al mondo. Nel 2018 infatti viene superato da il pilota della Scuderia Ferrari Sebastian Vettel, che ha uno stipendio che si aggira intorno ai 60 milioni di dollari annuali. Ma certamente Hamilton non si può lamentare, e sembra che comunque il suo stipendio sia per lui piuttosto soddisfacente.

I guadagni di Hamilton: uno stipendio meritato

Quanto guadagna Hamilton è molto, ma il suo guadagno va considerato in relazione ai suoi successi e dunque ai guadagni che porta nella sua scuderia. Il pilota britannico viene infatti giustamente premiato per tutti i suoi numerosi e clamorosi successi nella Formula Uno: quattro volte campione della Formula One World Champion, 67 vittorie totali, 126 podi, 2,823 punti, Hamilton è considerato uno dei migliori piloti della sua generazione e da molti anche come il miglior pilota della storia. Il 33enne è peraltro lo sportivo con più vittorie tra tutti i piloti di Formula Uno britannici e ha superato molti record: i punteggi, con i suoi 2.823 punti, ha superato qualsiasi altro atleta con 77 pole positions.

Un amore che nasce nell’infanzia

La passione di Hamilton per le macchine e la velocità è davvero precoce. Lo sportivo racconta che fu quando il padre gli regalò una macchinetta radiocomandata che scattò la scintilla. Aveva 6 anni. Da lì è quindi nata una passione inarrestabile che l’ha portato a diventare quello che è adesso: un pilota eccezionale e forse uno dei migliori al mondo. Inizia a guidare go-kart nel lontano 1993, imparando così ad utilizzare un volante. La sua carriera inizia nel 2001 con la British Formula Renault Winter Series. La prima vittoria importante arriva nel 2008 con l’Australian Gran Prix, e da lì la sua ascesa è inarrestabile.

Hamilton, soldi e tasse

Il pilota di Formula Uno è talmente soddisfatto del suo stipendio che non vuole separarsene in nessun modo. Hamilton ha dichiarato, nel lontano 2007, che desidererebbe trasferirsi in Svizzera, per evitare le intrusioni dei paparazzi ma anche per pagare meno tasse. Nel 2017 è infatti uscita la notizia che l’atleta avesse mancato di pagare 3,3 milioni di dollari di tasse relative al suo jet privato del valore di 16,5 milioni di dollari.

Vedi anche:

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!