Nazionale donne, Italia-Brasile 0-1: la buona volontà non basta

Nella prestigiosa amichevole contro il Brasile l’Italia femminile esce battuta di misura. Sintesi della partita.

La storia diceva che l’Italia femminile non ha mai battuto il Brasile in incontri ufficiali. Amichevoli o competizioni: sei sconfitte e un pareggio. E anche questa volta la statistica non cambia.

Italia Brasile
L’Italia non batte il Brasile, settima sconfitta in otto partite (Nazionale Femminile)

Italia che esce battuta dalla Seleçao diretta da Pia Sundhage ancora una volta con una sconfitta di misura ma sostanzialmente dominata da una squadra superiore per condizione fisica e tattica. Le Azzurre non sono mai riuscite a rendersi davvero pericolose nei confronti di una squadra rispetto alla quale il gap è ancora evidente.

Italia-Brasile 0-1

Di fronte a un pubblico discreto, non il pienone che ci si augura ogni volta (gradinate deserte) ma distinti e tribune affollate a Marassi nonostante alla diretta televisiva sulla RAI, l’Italia si presenta con una formazione sperimentale che risente delle molte assenze tra le titolari e un 5-3-2 interessante anche in prospettiva. Giuliani protagonista nel bene e nel male. Prima il portiere azzurro sbaglia un appoggio e consegna la palla del vantaggio alla squadra avversaria, rintuzzata all’ultimo istante. Poi compie un miracolo su un micidiale colpo di testa di Geyse da azione di calcio d’angolo.

Il Brasile con il passare dei minuti prende quota, cresce e crea due belle occasioni. Karoline trova spazio e conclude sul fondo di poco dopo un’altra incertezza difensiva delle Azzurre. L’occasione migliore per l’Italia capita al 31’: Giacinti davanti alla porta si ritrova letteralmente il pallone del gol, ma Leticia in qualche modo respinge. Primo tempo migliore rispetto a una ripresa meno brillante. Anche per i meriti di un Brasile guardingo e coperto, certo non molto spettacolare. Ma letale: altra palla vagante in area di rigore sulla quale a 48’ si avventa Adriana per il gol del vantaggio.

L’Italia fatica molto a reagire, anche da un punto di vista fisico, quasi intimorita di fronte alla squadra avversaria. I cambi proposti da Milena Bertolini non riescono a dare una scossa a una squadra che con il passare dei minuti si spegne. Tainara ha una clamorosa palla gol del raddoppio. É solo negli ultimi due minuti su azione di calcio d’angolo che l’Italia sfiora il pareggio con un cross di Cantore che Polli riesce solo a sfiorare.  Finisce così.

Italia battuta ma certo non umiliata. Un test interessante, soprattutto per l’inserimento di molte giocatrici giovani, alcune delle quali alla prima vera esperienza di fronte a un avversario di questo valore. UN buon prologo in vista del lungo percorso verso i Mondiali di Australia e Nuova Zelanda che sarà bello rivedere più avanti, magari a ranghi completi.

In attesa delle prossime amichevoli, in via di calendarizzazione, l’Italia attende di conoscere le sue avversarie. Il sorteggio è in programma sabato 22 ad Auckland.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!