I nostri consigli per il menù delle feste: Menù di carne

Un menù tradizionale per il pranzo di Natale in famiglia. Piatti Classici  come tortellini e lasagne accompagnati da ottimi vini come il Barbera, e come dolce Pandoro si ma a forma di albero di Natale. Ecco i nostri consigli per il menù del 25 dicembre.

Tavola pranzo Natale menu delle feste

Pranzo di Natale

Antipasti
Crostini di pollo: soffrriggere un trito di cipolla, sedano, prezzemolo, carota con sale e pepe e unire 50 grammi di fegatini di pollo e 50 grammi di fegato di vitello. Far rosolare ed aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e un cucchiaio di passata di pomodoro. Cuocere a fuoco lento per circa mezz’ora, aggiungere due cucchiai di capperi e un’acciuga salata, frullare il tutto e spalmare su delle fettine di pane precedentemente abbrustolite.

Crostini di polenta ai funghi: tagliate a fettine la polenta e fatela cuocere nel forno preriscaldato a 200° C fino a quando non si sarà formata una crosticina dorata sulla superficie.
Fate rosolare i funghi in un po’ di burro, condite con un pizzico di sale e pepe e lasciate cuocere per circa 10 minuti, aggiugere a fine cottura il prezzemolo tritato.
Ponete le fettine di polenta su un piatto da portata e adagiatevi sopra i funghi trifolati. Decorare il piatto con delle foglioline di prezzemolo.

Crostini al tartufo: sfilettare e tritare 3 acciughe salate con aglio e prezzemolo. Mettere in un pentolino 1 cucchiaio di burro e 2 cucchiai di olio e rosolarvi dentro le acciughe, l’aglio ed il prezzemolo. Dopo appena 3 minuti di cottura aggiungere il tartufo a fette e lasciar cuocere per 5 miuti. Formare dei triangolini di pan Carrè, spalmateci sopra un po’ di burro e la salsa di tartufo appena preparata.


Carpaccio Grana rucola e aceto balsamico
: disponete su un vassoio da portata le fettine di carne magra tagliate sottilissime, salare e cospargete di olio, limone e aceto balsamico, ricoprire poi con la rucola e le scaglie di parmigiano.

Primi piatti
Tortellini in brodo: prendere una pentola capiente, riempirla di acqua quasi fino all’orlo, mettere la pentola sul fuoco e dopo qualche minuto aggiungere una carota, una cipolla, il sedano, e una patata, cuocere per circa mezz’ora. Salare, aggiungere i chiodi di garofano, carne di manzo, mezza gallina. Si può mettere anche la lingua e una tasca ripiena, così che la carne possa essere consumata a parte. Continuare la cottura del brodo per ancora un’ora e mezza. A fine Cottura, il brodo va filtrato e rimesso sul fuoco e non appena inizia a bollire versatevi i tortellini. Non appena sono cotti impiattare e servire.

Lasagne al forno

Preparate il ragù, se non avete tempo potete utilizzare anche la pentola a pressione lasciando cuocere per circa 45 minuti dopo il fischio.

Preparate la besciamella: fate sciogliere 50 gr. di burro burro, aggiugete piano 50 gr. di farina aiutandovi con la frusta in modo che non si formino grumi e poi piano piano aggiungete ½ litro di latte. Deve diventare abbastanza denso ma non troppo. Alla fine aggiungete noce moscata e sale.
Lessate le lasagne. Poche per volta e lasciatele ad asciugare distese su dei canovacci.
In una pirofila mettere un po’ di ragù e iniziate a fare gli strati: uno strato di lasagne coperte da un po’ di ragù e besciamella e una spolverata di parmigiano. Cotinuare così per un massimo di 5 strati. Riscaldare il forno a 250°C ed infornare per circa 30 minuti.


Secondi piatti

Anatra all’arancia:pulite l’anatra eliminando bene il grasso e salatela internamente. In una pentola mettete 2 cucchiai di burro, fatelo sciogliere e fateci rosolare l’anatra su tutti i lati per qualche minuto, aggiungere mezzo bicchiere di vino bianco e un po’ di acqua. Lasciate cuocere l’anatra a fiamma bassa, con il coperchio per 45 minuti e solo a fine cottura salatela. Sbucciare un’arancia e tagliare a fettine sottili solo la parte arancione, mettere le strisciolone in un pentolino e scottatele in acqua bollente per tre minuti e scola tele molto bene. Spremere due arance e quasi a fine cottura aggiungere il succo di arancia e le striscioline della buccia al fondo di cottura dell’anatra. Completare la cottura facendo ritirare un po’ il succo aggiunto e servire l’anatra ben calda.

Lesso in Salsa verde: per la salsa verde: Lavare un mazzetto di prezzemolo, tritatelo finemente insieme ad un cucchiaio di capperi e tre cetrioli sott’aceto e a due filetti di acciughe. Ponete il trito ottenuto in una terrina. Unitevi un uovo sodo, schiacciato con una forchetta, sale pepe, mezzo bicchiere di olio extra vergine di oliva e due cucchiai di aceto, amalgamare con cura e alla fine aggiungere uno spicchio d’aglio tritato e i pinoli tritatissimi. Potete aggiugere anche della mollica di pane bagnata nell’aceto.
In un vassoio da portata disponete la carne che avete lessato per ottenere il brodo dei tortellini e servitela accompagnata dalla salsa vede.

Contorno
Patate novelle al forno: lavate bene le patatine novelle, disponetele ancora con la buccia nella placca del forno date una spolverata con le foglioline di rosmarino freschissimo, sale pepe e un filo d’olio, infornate nel forno preriscaldato a 200° C per circa mezz’ora. Contorno ideale per l’anatra all’arancia.

Dolci
Pandoro ad albero di Natale: tagliate un pandoro orizzontalmente fino ad ottenere tante fette a forma di stella. Rimontate il vostro pandoro mettendo le punte sfalzate. Fate colare dalla cima del dolce una fonuta di cioccolato fondente sciolto con un po’ di latte. Fate raffreddare il cioccolato e spolverate con dello zucchero a velo e decorate con le decorazioni di zuccheto a vostro piacere.

Vini
Barbera dei colli tortonesi: un vino rigorosamente fermo secondo la migliore tradizione piemontese, si presenta all’esame visivo con un colore rosso rubino.

I profumi sono quelli della frutta rossa matura (ciliegia, mora). In bocca è asciutto, di buon corpo, morbido, deciso.
Gradazione: 12,5°

Malvasia spumante dolce: vino bianco spumante dolce a fermentazione naturale, con un profumo gradevole e persistente, aroamtico. Il sapore è asciutto ma allo stesso tempo fruttato, di buon corpo, vivace, gradevolmente armonico. E’ un vino che va bevuto giovane con una durata massima di un anno. La temperatura di servizio è tra di 8-10° C.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!