Bonus assunzioni 2020 come funziona veramente

No sono soldi ma si tratta sgravi fiscali per le imprese di opportunità di lavoro per gli under 35, ecco in cosa consiste attualmente il bonus assunzioni 2020.

Per favorire il miglioramento della situazione occupazionale nel nostro paese, il governo giallorosso ha predisposto il bonus assunzioni 2020. Visto che si tratta di un provvedimento importante (e di cui si parla molto) sia per le imprese che per i lavoratori, vediamo in questo articolo come funziona veramente.

Il bonus assunzioni 2020 consiste nella possibilità, per le imprese che assumono con un contratto a tempo indeterminato, di beneficiare dello sgravio contributivo del 50%. Nello specifico si tratta di una somma massima di 3.000 euro annui, per 3 anni, garantiti ad ogni nuova assunzione di lavoratori under 35.

Questo incentivo non è nuovo, ma è stato prorogato dall’esecutivo Conte bis nella Legge di bilancio 2020. Lo scopo è sempre quello di incentivare l’assunzione dei giovani lavoratori, a maggior ragione nelle aree più critiche del nostro paese, sotto questo aspetto, come ad esempio il sud.

Detto di come funziona questo incentivo, approfondiamo nei prossimi paragrafi i requisiti necessari per riceverlo e le tipologie di contratto a cui spettano.

Bonus assunzioni 2020: requisiti datore di lavoro e lavoratore

Per fruire del bonus, oltre ad assumere un under 35 a tempo indeterminato, il datore di lavoro non deve avere effettuato licenziamenti nei 6 mesi precedenti alla nuova assunzione. Inoltre, egli non può licenziare il dipendente assunto mediante le agevolazioni nei primi 6 mesi di lavoro. Senza dimenticare che deve essere in regolare possesso del DURC (Documento Unico di Regolarità Contributiva).

Per quanto riguarda l’assunto, per partecipare al bonus, oltre all’età inferiore a 35 anni, deve:

  • essere privo di occupazione.
  • Non aver fruito di alcuna agevolazione fiscale su precedenti assunzioni.
  • Non aver mai stipulato un contratto a tempo indeterminato.

Bonus assunzioni 2020: a chi spetta e a chi no

L’incentivo sulle assunzione per quest’anno, come detto, spetta ai datori di lavoro e agli under 35 disoccupati, con i requisiti prima descritti. Inoltre è fondamentale la modalità dell’assunzione, che include le seguenti fattispecie:

  • assunzione a tempo indeterminato.
  • Trasformazione di un contratto a termine in uno indeterminato.
  • Prosecuzione di un contratto di apprendistato professionalizzante, per chi non ha compiuto 35 anni di età.

Sono, invece, esclusi da questo bonus i lavoratori occupati con contratto di apprendistato e in ambito domestico, come le badanti, le babysitter o le colf.

Vedi anche: Concorsi pubblici 2020

Bonus assunzioni: ultime news e considerazioni

Come avrete capito stiamo parlando di un incentivo che può fare gola a molti datori di lavoro, visto che consente loro di risparmiare 3.000 euro annui si contributi. Stesso discorso per i giovani in cerca di lavoro stabile, che possono avere una corsia preferenziale grazie a questo strumento messo a disposizione del governo.

La conferma di questo provvedimento, nella Legge di il bilancio 2020, è stata possibile anche grazie al finanziamento arrivato dal maggior gettito derivante dall’aumento del prelievo sui giochi. Questa rappresenta una scelta ben precisa da parte dell’esecutivo, che così vuole incentivare il lavoro giovanile e penalizzare il gioco d’azzardo.

Siamo giunti al termine di questo articolo, a questo punto il reale funzionamento del bonus assunzioni 2020 dovrebbe esservi più chiaro. Come sempre, vi consigliamo di continuare a seguire le novità sul mondo del lavoro presenti su questo sito.

Vedi anche:

Come richedere la disoccupazione nel 2020

Bonus donne disoccupate come funziona

Bonus 2020 elenco di tutti i bonus

Articoli Correlati

Add New Playlist