Cellulite, gioca in anticipo: i rimedi efficaci prima che arrivi l’estate

La cellulite è uno dei più diffusi inestetismi in Italia. I rimedi ci sono, ma quel che conta è la costanza e la prevenzione. Infatti i rimedi dell’ultimo minuto per combattere l’odiata cellulite non hanno successo. Ecco come eliminare la cellulite secondo il parere del medico.

Circa otto donne su dieci sono vittime della cellulite: ne soffrono circa 14 milioni di Italiane (secondo dati Istat). E’ un inestetismo democratico che colpisce anche le donne magre e giovani, infatti il peso e l’età non sono determinanti nella sua comparsa.

L’80% delle donne ha fatto ricorso a diversi prodotti per migliorare la microcircolazione, ridurre il volume delle cellule adipose e la ritenzione idrica, più o meno con risultati apprezzabili. Ma l’aspetto veramente importante è la costanza: l’applicazione delle creme deve essere quotidiana, così come gli esercizi fisici e una corretta alimentazione. E nei casi più gravi occorrono interventi extra eseguiti in istituto o dal medico estetico.

 La cellulite non è solo un problema estetico

«La cellulite si presenta con il classico aspetto della pelle a buccia d’arancia o a materasso, generalmente su cosce, fianchi, glutei e interno delle ginocchia», dice la dermatologa Mariuccia Bucci, vice presidente dell’Isplad. «Non è solo un inestetismo ma una vera e propria patologia causata da un’alterazione del microcircolo che determina il deposito di grasso e un’infiammazione del tessuto adiposo che gradualmente si raggruppa in grossi noduli. Questo processo incide anche sui capillari che, compressi più del dovuto, diventano meno elastici e permeabili manifestando una ragnatela di venuzze».

Cellulite cosa fare: le creme efficaci

Le ricette dell’ultimo minuto per combattere l’odiata cellulite non hanno successo. Serve invece lavorare con costanza prima della prova costume. La primavera è un’ottima stagione per attaccare la cellulite con creme, ginnastica, esercizio fisico e una corretta alimentazione. Per la cura di questa patologia non ci sono delle grandi novità. «Gli attivi restano quasi sempre gli stessi: caffeina per accelerare il metabolismo basale, alghe marine e iodio contro i gonfiori, escina per tonificare le pareti venose, elastina e collagene per rassodare il tessuto -continua la dermatologa – C’è però un nuovo attivo, il lipocide, un estratto dal fiore di loto, in grado di favorire il de stoccaggio degli adipociti.

Quello che rende più performanti le texture sono le percentuali: molte creme hanno attivi arricchiti che rendono la formulazione più potente. Inoltre per far penetrare meglio la crema è consigliato eseguire un massaggio accurato, magari usando uno speciale manipolo (molte maison lo hanno abbinato alla crema) che veicola in profondità gli attivi».

VEDI ANCHE: Come avere un corpo tonico a tutte le età

Quanti tipi di cellulite ci sono

Esistono tanti tipi di cellulite: compatta, flaccida, edematosa, fibrosa. Così come esistono diversi stadi, dal primo dove la cellulite appare molle, fino al terzo-quarto dove la pelle assume il classico aspetto di buccia d’arancia e il tessuto connettivo viene alterato diventando sempre più duro e dolente. Per sapere di che cellulite si soffre i Centri Dibi hanno messo a punto un programma, il Global Meso Perfection, che utilizza un’innovativa apparecchiatura, l’MDB Analyzer, per valutare in modo corretto lo stadio e il tipo di cellulite e consigliare il protocollo più adatto.

Come eliminare la cellulite: rimedi efficaci

Per combattere le adiposità localizzate ci vuole un’azione sinergica: crema più integratore. «Alcune creme agiscono come mobilizzatore lipidico – spiega Bucci – Esistono due tipi di tessuto adiposo: quello bianco deputato al deposito dei lipidi e quello bruno con il fine di bruciare i grassi e promuovere i meccanismi di lipolisi. Gli attivi come la caffeina, fosfatidilcolina, centella asiatica, escina, carnitina e altro hanno il compito di modificare il profilo della membrana cellulare e di stimolare lo shift metabolico dall’adipocita bianco a quello bruno.

Per potenziare l’azione si associa un integratore alimentare a base di un mix brevettato (acido α-linoleico, L-Carnitina, Sinefrina e the verde), da assumere per almeno 4 mesi, una volta al giorno. Se il programma viene seguito con costanza i risultati si vedono e si ottiene anche un leggero dimagramento».

Cellulite trattamenti

La moderna tecnologia è sempre alla ricerca di soluzioni avanzate e ogni anno arrivano delle novità. L’ultima è Vela Shape II, un’apparecchiatura approvata dalla FDA americana, che utilizza contemporaneamente quattro fonti di energia: radiofrequenza bipolare, luce infrarossi, aspirazione vacuum e massaggio meccanico. Il trattamento non è doloroso e dopo due sedute la zona appare rimodellata.

Sono sufficienti sei trattamenti per avere una evidente diminuzione dell’aspetto a “buccia d’arancia”. Un altro valido aiuto è il massaggio linfodrenante che elimina le tossine e migliora notevolmente il tessuto cutaneo. Va eseguito da mani esperte con una serie di sfioramenti e compressioni sui punti mirati del sistema linfatico. E’ consigliato farli con una cadenza settimanale o quindicinale per contrastare al meglio la ritenzione idrica e migliorare la funzionalità dei tessuti.

 

Related Posts

Ben tornato!