Quando si riparte in italia e come

Quando riparte l’Italia, cosa dice il nuovo decreto, quali sono le riaperture  ad aprile. Le domande degli italiani che stanno perdendo la pazienza e le ultime news su Coronavirus

Dopo oltre un mese di lockdown, per combattere la diffusione del coronavirus, i cittadini cercano di capire quando si riparte in italia e soprattutto come.

Da questo punto di vista il governo Conte continua a mostrarsi molto prudente, prorogando le misure restrittive che obbligano gli italiani a restare a casa e valutando solo parzialmente la riapertura di qualche attività. Ciò è dovuto ai contagi da coronavirus ancora elevati, seppur in discesa, come conferma l’ISS, mentre il ritorno alla normalità auspicato da tutti si allontana.

Anche la quasi certa chiusura definitiva delle scuole per quest’anno e le misure del nuovo decreto economia, ci fanno capire che la strada è lunga.

Fatta questa premessa, cerchiamo di capire quando realmente l’Italia ripartirà e con quali modalità, nei prossimi paragrafi.

Ultime news proroga chiusura

Le attuali restrizioni governative sulla chiusura dell’Italia, previste inizialmente fino al 13 aprile, verranno prorogate ancora fino al 3 o 4 maggio 2020. Lo si apprende da quanto riportato dal sito ansa.it, con il premier Conte che per attuare questa misura vara un nuovo DPCM.

Insomma, come già si era capito nelle ultime ore, gli italiani resteranno a casa per altri 20 giorni. Una misura necessaria secondo il governo per non vanificare gli sforzi fatti fino ad ora per contrastare la diffusione del virus, ma che pesa sulla psiche degli italiani, provati da questo lungo periodo di isolamento.

Aggiornamenti coronavirus dell’ISS

Le ultime notizie sul Coronavirus, vengono dall’ Istituto Superiore di Sanità, che ha fatto sapere che i dati confermano una decrescita dei contagi in Italia. Come scrive il fattoquotidiano.it, il suo presidente Brusaferro in una conferenza stampa ha spiegato: “la curva dei contagi è in decrescita. Questo è un segnale positivo, ma non deve farci abbassare la guardia”.

Lo stesso Brusaferro ha poi aggiunto che, al momento, la situazione più preoccupante è quella che riguarda le Rsa della regione Lombardia. Qui si contano 1.822 decessi, un numero enorme e che rende l’idea della portata del fenomeno covid-19.

Riaperture 14 aprile, chi riguarda?

Nonostante la proroga delle misure restrittive, per evitare che il conto economico da pagare per il paese sia troppo elevato, e dare un contentino agli italiani dal 14 aprile ci potrebbe essere la riapertura parziale di alcune attività.

Si tratta in particolare delle librerie e delle cartolerie, delle aziende di silvicolutra, delle aziende della filiera sanitaria e di quelle di sostegno all’attività agroalimentare.

Sarà comunque una riapertura graduale, lenta e scaglionata, nel rispetto delle regole di sicurezza e di distanziamento, ancora necessarie per evitare la diffusione del virus.

Quando si tornerà alla normalità?

Questa è la domanda a cui è più difficile rispondere con esattezza. Di sicuro è chiaro che i tempi saranno molto lunghi e che, anche quando terminerà il lockdown, le nostre abitudini non saranno le stesse di prima che arrivasse il virus.

Infatti, il mantenimento della distanza dalle altre persone e l’uso delle mascherine, quando si entra contatto con gli altri, ce le porteremo dietro per molti mesi. Molto probabilmente per tutto il 2020, visto che il vaccino contro il virus potrebbe arrivare solo a fine di quest’anno o ad inizio 2021, come sostenuto dagli esperti. Solo allora potremo davvero tornare del tutto alla normalità.

Vedi anche: Da quado riaprono i parrucchieri a quando si potrà andare all’estero

Scuole chiuse fino a quando?

Per quanto riguarda la riapertura delle scuole, come riporta il corriere.it, non ci sarà entro il 18 maggio, ma se ne riparla a settembre. Questo è quanto affermato dal comitato tecnico scientifico del ministero della salute, che ha detto no alla ministra Azzolina, intenta ad attendere per valutare l’evoluzione dei contagi.

Questa decisione, che riguarda fra studenti, bambini dell’asilo e docenti, circa 10 milioni di persone, non è ancora ufficiale, ma sembra la più probabile. Dunque le scuole dovrebbero restare chiuse fino a settembre, garantendo comunque lo svolgimento degli esami orali di terza media e di maturità online.

Nuovo decreto Cura Italia

Un altro aspetto importante per la vita delle famiglie italiane è rappresentato dal decreto Cura Italia. La sua attuazione ha portato all’introduzione di nuove forme di sostegno al reddito dei lavoratori e dei nuclei familiari.

Tali misure verranno rinnovate e ampliate nel nuovo decreto di aprile, il cui varo è previsto per dopo pasqua. In particolare, secondo le ultime news, il provvedimento dovrebbe contenere:

  • La proroga della cassa integrazione in deroga per i lavoratori dipendenti.
  • La conferma delle indennità per le partite iva e i lavoratori autonomi, con possibile aumento a 800 euro.
  • La proroga del congedo parentale straordinario inps o in alternative del voucher baby sitter.
  • L’introduzione del reddito di emergenza, per tutte le categorie non protette.

Vedi anche: Congedi parentali proroga

Siamo giunti al termine di questo nostro aggiornamento su quando si riparte in Italia e come. Ci sarà purtroppo bisogno ancora di molta pazienza e del rispetto delle regole. La speranza è che almeno ad inizio maggio possa terminare questo maledetto lockdown.

Vedi anche:

Il tempo delle canzoni sul balcone è finito

Rezza Attenzione ai dati dei contagi ogni giorno

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!