Billie Eilish: “La mia personalità si basa sui miei vestiti”. E altre frasi sul suo pensiero

Billie Eilish ha tante cose da dire, non solo nelle sue canzoni. Qui parla dei vestiti, della sua camera, della mania di voler etichettare tutto, di politica e di alcuni suoi problemi.

Billie Eilish è sicuramente una delle novità più interessanti nel mondo del pop degli ultimi anni. Giovanissima (ha ancora 17 anni), originale e controcorrente, piace a un pubblico di giovanissimi così come a un pubblico più adulto e perfino alla critica. Oltre a sentire le sue canzoni, è interessante leggere le sue interviste, dove in poche frasi esprime opinioni quasi mai banali.

billie eilish pensiero

Ad esempio sul numero di Vogue Australia di luglio approfondisce il discorso vestiti in un articolo-intervista dal titolo “Come Billie Eilish è passata da adolescente sconosciuta a una megastar in due anni”.

Billie Eilish, i vestiti e la sua camera

Si era parlato molto del perché si vesta in un certo modo, con abiti extra-large che coprono del tutto il corpo, al contrario di molte altre pop-star.

In un video spiegava: “Indosso abiti larghi perché così nessuno può avere un’opinione su come sono perché non possono vedere cosa c’è sotto”

billie eilish vogue

Ma nell’intervista di questi giorni la cantante ha precisato ancora l’importanza che i vestiti hanno per lei:

“La mia personalità si basa sui miei vestiti e su quelli che indosso quel giorno. Avrò una personalità diversa per ogni vestito diverso. Se indosso qualcosa che non mi fa sentire a mio agio, sarò una persona totalmente diversa”.

Un pensiero che risulterà evidente non solo alle fan adolescenti ma anche agli adulti di ogni età e genere. Così come quello sull’importanza del suo spazio privato, la sua cameretta, soprattutto ora che è investita da un successo mondiale:

“La mia stanza è il mio piccolo palazzo. Ma la mia stanza è la cosa che ho cambiato più volte nella mia vita. E’ stata 20 stanze diverse nel corso degli anni”.

Questa risposta potrebbe benissimo essere il testo di una sua canzone, anche bella!

Billie Eilish e la mania di etichettare tutto

Billie Eilish poi continua parlando della sua reazione all’enorme ondata di apprezzamenti e complimenti verso il suo lavoro. Da molti giornali è stata definita la “new face of pop”, il nuovo volto del pop. E lei risponde:

“E’ fastidioso. Sono grata per l’apprezzamento e per l’amore, ma onestamente sono diventata insensibile a queste cose. Ricordo le prime volte che la gente mi ha chiamato il nuovo volto del pop, o la nuova ragazza del pop o che cazzo era… mi faceva arrabbiare. La cosa strana degli umani è che pensiamo di dover etichettare tutto, ma non dobbiamo!”.

billie eilish frasi

Questo il Billie Eilish pensiero, decisamente in linea con le sue canzoni, soprattutto se pensiamo ai testi di “Bury a friend” o “Bad Guy”.

Billie Eilish: “Gli uomini non dovrebbero decidere sulle scelte delle donne”

Nei suoi testi sono tanti i riferimenti alla diversità, alla sofferenza, alla tristezza, ma anche alla malattia con la quale convive, la sindrome di Tourette. Alcune sue canzoni, come spiegato da lei, sono ispirata alla sua turbolenta attività onirica, dato che ha sofferto di terrori notturni (quando ci si sveglia improvvisamente con tachicardia, ansia, sudore).

Anche sulla politica la giovane cantante sembra avere le idee chiare. Un mese fa era intervenuta contro l’approvazione delle leggi anti-aborto in alcuni stati Americani (Alabama in primis) dicendo:

“Le donne dovrebbero dire, fare ed essere esattamente quello che vogliono. Nessuno deve dire alle donne come vivere le proprie vite. Questa notizia mi rende molto triste e, se inizio a pensarci, non riesco a smettere. Gli uomini non dovrebbero decidere sulle scelte delle donne, questo è tutto quello che ho da dire”.

Insomma, Billie Eilish si dimostra una 17enne con molte cose da dire e dei pensieri profondi e precisi, dentro e fuori dalle canzoni.

Vedi anche:

E ascolta le nostre playlist:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!