Bonus pubblicità a chi serve veramente Come funziona la detrazione

Bonus pubblicità 2020, imprese e lavoratrici autonome, come funziona la detrazione sulle tasse da pagare. Esempi di calcolo

Il bonus pubblicità è una detrazione molto interessante, fruibile nel 2020 da chi ha un’impresa o una partita IVA e vuole farsi conoscere. Se rientri in una di queste categorie allora sappi che puoi fruire di un credito d’imposta sulle tue spese pubblicitarie.

Scopriamo, nei prossimi paragrafi, a chi serve veramente il bonus pubblicità e come funziona la detrazione sulle spese sostenute.

Vedi anche: Bonus 2020 elenco di tutti i bonus

Bonus pubblicità: cos’è e a chi serve

Il bonus pubblicità è un’agevolazione fiscale del 75% sul valore degli investimenti pubblicitari realizzati su uno specifico tipo di media. Le cifre investite devono riguardare necessariamente i giornali quotidiani, le emittenti radio televisive e i periodici (sia cartacei che online) locali e nazionali.

L’accesso a questo incentivo è destinato ai lavoratori autonomi, alle imprese e agli enti commerciali. Quindi, se sei una piccola impresa donna, che opera ad esempio nel settore della moda, puoi pubblicizzare la tua attività e ricevere la detrazione sulle spese sostenute a tal fine. Il bonus è fruibile anche se sei una lavoratrice autonoma con partita IVA e vuoi far conoscere la tua attività tramite inserzioni di stampa.

Insomma, si tratta di una possibilità vantaggiosa, in quanto ti permette di promuovere la tua impresa in modo economicamente vantaggioso.

Bonus pubblicità: requisiti, esempio di calcolo

Il requisito per ricevere il bonus, è effettuare investimenti di ammontare totale maggiore almeno dell’1%, rispetto a quanto speso l’anno precedente per la stessa attività. Ad esempio, se nel 2019 hai speso 5.000 euro in pubblicità su un quotidiano, nel 2020 dovrai investire almeno 5.050 euro per la stessa attività.

Così facendo potrai ricevere la detrazione del 75% della spesa, pari nel caso qui citato a 3.787,50 euro (5.050/100*75). Tale investimento oltre a produrre effetti positivi per la tua attività, ti consentirebbe di ricevere una detrazione significativa, da scontare in sede di dichiarazione dei redditi. Per approfondire questo aspetto e come fare domanda per ottenere il bonus, ti invitiamo a leggere i prossimi paragrafi.

Come fare domanda e ottenere il bonus pubblicità 2020

Dal 1 al 31 marzo 2020, le imprese che vogliono utilizzare il bonus pubblicità, possono inviare la domanda all’Agenzia delle entrate per via telematica. Per farlo e ottenere l’agevolazione, bisogna seguire questi tre passaggi:

1- accedere al portale con le proprie credenziali e inviare la “comunicazione per l’accesso al credito d’imposta”. Si tratta sostanzialmente di una prenotazione, in cui bisogna inserire i dati degli investimenti che si intendono effettuare durante l’anno.

2- Verificare di essere presenti nell’elenco stilato dal dipartimento per l’informazione e l’editoria, che contiene i richiedenti dell’agevolazione sulle pubblicità.

3- Inviare, dal 31 gennaio dell’anno seguente rispetto a quello della domanda, l’attestazione di tutti gli investimenti realizzati nell’anno oggetto del credito. A questo punto non resta che verificare di essere presenti nell’elenco dei fruitori del bonus pubblicità, rilasciato sempre dal dipartimento per l’informazione.

Bonus pubblicità: come funziona la detrazione

Una volta ottenuto, il credito d’imposta viene fruito nel momento in cui si presenta la propria dichiarazione dei redditi. Esso, nello specifico, si utilizza in compensazione sulle tasse da versare, tramite modello F24 e l’indicazione del codice tributo 6900, creato dall’agenzia delle entrate.

Dunque, se sei un’imprenditrice o una lavoratrice autonoma e hai maturato il bonus, tramite le modalità indicate, riceverai la detrazione del 75% delle tue spese in pubblicità, da scontare sulle tasse da pagare.

Se il procedimento riportato ti sembra troppo complesso da eseguire in autonomia, non temere, puoi sempre rivolgerti ad un commercialista, che svolgerà l’operazione per te. Per questo bisognerà pagare il suo compenso, ma probabilmente se sei una libera professionista questo avviene già, quando bisogna redigere la tua dichiarazione dei redditi.

Bene, se sei giunta fin qui nella lettura avrai compreso le potenzialità di questa agevolazione per la tua attività. Se ti interessano anche altri tipi di bonus ecco alcuni articoli che fanno al caso tuo.

Vedi anche:

Detrazioni fiscali 2020

Detrazioni spese mediche 2020

Articoli Correlati

Add New Playlist