Nuovo Dl aiuti 2022. Cosa prevede e quando arriva

Decreto aiuti luglio 2022, cosa prevede. Agevolazioni per famiglie, lavoratori e taglio delle accise. Ecco cosa contiene il nuovo Dl del governo.

In attesa della conversione in legge del primo decreto aiuti 2022, ovvero quello che contiene misure come il bonus 200 euro un tantum e non solo, il governo annuncia l’arrivo di un altro DL. Anche in questo caso si tratta di un provvedimento che contiene interventi per lavoratori e famiglie.

Nuovo Dl aiuti 2022 cosa contieneVediamo allora cosa contiene il nuovo dl aiuti luglio 2022 e quando dovrebbe arrivare secondo le ultime news.

VEDI ANCHE: BONUS 2022 ELENCO AGGIORNATO

Cosa prevede il decreto aiuti luglio

Ricordiamo che il primo decreto aiuti è in attesa del voto finale in Parlamento, che rischia di generare una crisi di governo, visto che il M5S minaccia di non votarlo. Il motivo è il mancato rinnovo del superbonus 110 fra le misure del DL, oltre a un malcontento generale.

Tuttavia non è detto che gli interventi richiesti non trovino collocazione nel nuovo decreto aiuti 2022, annunciato dal presidente Draghi. Infatti, dopo aver incontrato i sindacati, il premier ha dichiarato che il governo varerà un nuovo DL per aiutare famiglie e lavoratori, messi in grave difficoltà dall’inflazione. Ecco, secondo le ultime notizie. cosa dovrebbe contenere il nuovo decreto luglio:

  • taglio del cuneo fiscale sulle buste paga dei lavoratori. Secondo le ultimissime la riduzione delle accise potrebbe portare fino a 100/150 euro mensili in più nelle tasche dei lavoratori con salari più bassi.
  • Nuove misure per contrastare l’aumento dei prezzi delle benzina e delle bollette.
  • Interventi sul salario minimo.

Nuovo decreto aiuti 2022 quando entra in vigore

Secondo quanto detto dal premier Draghi, il nuovo decreto aiuti arriverà entro la fine di luglio. Non passerà quindi molto tempo prima del varo delle nuove misure. Il decreto potrebbe arrivare dopo il prossimo incontro fra governo e sindacati, previsto in calendario fra il 26 e il 27 luglio 2022.

Non a caso proprio le parti sociali hanno richiesto un intervento per mettere più soldi in busta paga per i lavoratori. Ad esempio raddoppiando la sforbiciata sui contributi dello 0,8%, già in essere per le retribuzioni fino a 35.000 euro (ovvero uno dei requisiti per ricevere il bonus 200 euro).

Per quanto riguarda invece il salario minimo, potrebbe essere introdotto nel nuovo Dl mediante il cosiddetto Tec (Trattamento economico complessivo). In pratica un trattamento salariale da applicare anche per i lavoratori non coperti dalla contrattazione collettiva.

Novità DL aiuti e manovra finanziaria 2023

Abbiamo visto misure e probabili tempi di approvazione del nuovo decreto aiuti 2022 del governo Draghi. In sostanza si punta a tutelare le fasce economicamente più deboli dagli effetti dell’inflazione.

L’incontro con i sindacati e la riapertura del confronto, è stato utile per questo e in vista della realizzazione della legge di bilancio 2023. In questa sede l’intenzione dell’esecutivo è quella di prevedere misure più strutturali, non solo con incentivi per famiglie e lavoro, ma intervenendo anche con la riforma pensioni. In attesa di saperne di più, queste le novità di oggi sul DL aiuti 2022 e cosa prevede.

VEDI ANCHE: BONUS 200 EURO PARTITE IVA PERCHE’ ANCORA NON C’E’

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!