Chiusura scuole e regioni fino a quando

Chiusura scuole, dalla Lombardia alla Puglia, fino alla Sicilia. Ecco la mappa e date delle chiusure previste in tutte le regioni.

Chiusura scuole sempre più diffuse fra le regioni, a seguito della formazioni di diverse zone rosse locali, nate principalmente per contenere l’aumento dei contagi Covid dovute alle varianti. Ma ci sono anche le zone arancio e quelle arancioni rafforzate, da tenere in considerazione, che limitano le attività scolastiche, oltre che i provvedimenti dei singoli comuni.

Chiusura scuole

I provvedimenti di chiusura delle scuole sono già stati presi in 13 regioni, ma il numero sembra destinato a crescere purtroppo. Cerchiamo allora di fare chiarezza qui di seguito su fino a quando resteranno chiuse scuole e regioni, zona per zona.


Lombardia chiusura scuole fino a quando

La regione ha stabilito la zona arancione rafforzata, con scuole chiuse (incluse quelle d’infanzia, elementari e medie) fino al 2 marzo 2021. Sarà inoltre possibile una proroga in base all’evoluzione dei contagi. Le zone interessate dall’ordinanza sono:

  • tutta la provincia di Brescia
  • i comuni di Predore San Martino, Sarnico, Villongo, Castelli Caleppio, Credaro e Gandosso in provincia di Bergamo
  • Soncino, in provincia di Cremona

Ci sono poi alcuni casi isolati di istituti chiusi a causa della rilevazione di contagi, ad esempio ad Agrate Brianza o Linarolo, con date diverse in base alle decisioni comunali. DAD anche per i 4 comuni in zona rossa negli scorsi giorni. Nel resto della regione scuole aperte.


Liguria

In questa regione il governatore Toti ha stabilito di chiudere scuole di ogni ordine e grado a Sanremo e Ventimiglia fino al 5 marzo 2021. Per il resto la regione in arancione prevede lezioni online solo per le superiori.


Toscana

In Toscana, le chiusure scolastiche riguardano Siena fino a mercoledì 3 marzo e in particolare le scuole medie e superiori, per decisione del sindaco. DAD invece solo per le superiori nel resto della regione attualmente arancio.


Abruzzo

In questa regione (arancio fino al 28 febbraio) la variante inglese ha causato la zona rossa per due province: Pescara e Chieti. A Pescara il sindaco Masci ha deciso lo stop alle scuole, anche d’infanzia, fino al 28 febbraio. Stesso discorso per Chieti e il comune di Penne, con lezioni solo online.


Emilia Romagna

Il governatore Bonaccini ha stabilito la zona arancione scuro, da giovedì 25 febbraio e fino all’11 marzo, per 14 comuni. Si tratta di: Imola, Castel San Pietro, Medicina, Mordano, Castel Guelfo, Dozza, Casalfiumanese, Fontanelice, Borgo Tossignano, Castel del Rio, Bagnara di Romagna, Conselice, Massa Lombarda e Riolo Terme. In queste località Dad per scuole di ogni ordine grado, tranne che per quelle d’infanzia. Nel resto della regione restano le regole valide per la fascia arancio.


Umbria

Per via di una serie di focolai la provincia di Perugia è rossa, così come 6 comuni in provincia di Terni. Per questo qui sono chiuse scuole di ogni ordine e grado fino al 28 febbraio, salvo ulteriori proroghe. Lezioni online solo per le superiori nei comuni non interessati.


Puglia

In questa regione la situazione è caotica, nonostante sia in fascia gialla. Il governatore aveva ordinato la Dad al 100% per tutte le scuole della regione fino al 5 marzo. Ma ora con una nuova ordinanza, valida fino al 14 marzo, ha stabilito per scuole dell’infanzia, primarie e Cpia “l’ammissione in presenza di tutti gli alunni con disabilità o con bisogni educativi speciali”.


Lazio

In questa regione ci sono 3 comuni in zona rossa, quindi con scuole chiuse, ossia Colleferro, Carpineto e Roccagorga. Nel resto della regione scuole aperte regolarmente.


Molise

A Campobasso il sindaco ha disposto la sospensione delle attività didattiche in presenza per gli istituti scolastici di ogni ordine e grado, fino al 28 febbraio. Stesso discorso a Montenero di Bisaccia fino al 7 marzo 2021. Per i comuni molisani non in zona rossa invece Dad solo per le superiori.


Marche

Questa la situazione attuale nelle scuole di alcune località marchigiane:

  • scuola di Sappanico chiusa fino al 5 marzo
  • DAD a Jesi per le scuole medie e superiori
  • Stop fino al 28 febbraio per scuole materne, elementari e medie di Sassoferrato e Genga.

Nel resto della regione scuole aperte come prevede la zona gialla.


Friuli Venezia Giulia

Solo a Gradisca d’Isonzo, a causa della variante inglese oltre 500 alunni fra scuola d’infanzia e medie resteranno a casa fino all’8 marzo.


Trentino Alto Adige

Nei comuni di Merano, Rifiano, San Pancrazio e Moso in Passiria la didattica a distanza è prevista fino al 7 marzo. Scuole di ogni ordine e grado chiuse anche nella provincia di Bolzano, rossa fino al 28 febbraio 2021.


Sicilia

San Cipirello e San Giuseppe Jato, in provincia di Palermo entrano in zona rossa dal 25 febbraio all’11 marzo, pertanto scuole chiuse solo in queste località.


Questa la situazione attuale, ovviamente in rapida evoluzione visto che i focolai legati alle varianti si moltiplicano in tutta Italia.

E’ probabile che nei prossimi giorni la lista delle chiusure di regioni e scuole diventi sempre più grande. Insomma, il covid resta un problema serio per il corretto svolgimento delle attività scolastiche, che procedono fra un’interruzione e l’altra.

VEDI ANCHE:

NUOVO DPCM LIMITI E DIVIETI

VARIANTI COVID ITALIA ZONE ROSSE

Articoli Correlati

Add New Playlist