Sky perde i diritti tv sul web. Partite in streaming su Amazon?

Sky niente più partite sul web di serie A e champions, la media company ha perso i diritti in esclusiva. Ci saranno altri operatori, la decisione spetta alla Lega Calcio ma intanto Amazon si prepara.

Sky perde i diritti tv sul web, per quanto riguarda le partite di calcio trasmesse in streaming. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato, bocciando la pronuncia opposta del Tar sulla questione, che interessa i tantissimi italiani appassionati di calcio.

Questo comporta una serie di conseguenze sulla trasmissione delle partite di calcio del prossimo anno. Infatti, altri operatori potrebbero interessarsi all’acquisto dei diritti televisivi, come ad esempio Amazon Prime Video. Facciamo allora il punto della situazione su questo argomento, di vitale importanza per gli affari delle società di calcio e per chi segue questo sport.

Sky niente diritti tv su partite serie a

Sky e Dazn (come Netflix e Amazon) utilizzano un canale Iptv per trasmettere via internet le partite di Serie A. La prima ne trasmette 7 in esclusiva, mentre Dazn le restanti 3, di ogni giornata di campionato. In base a quanto deciso dal Consiglio di Stato tutto questo dall’anno prossimo non sarà più possibile, perlomeno per quanto riguarda il web.

In altri termini gli incontri di calcio non potranno essere più trasmessi su Now tv, la piattaforma streaming con prezzi ridotti di Sky. Il funzionamento di tale piattaforma è simile agli altri servizi di streaming, con la possibilità appunto di vedere il calcio in esclusiva, almeno fino ad ora.

Con questa sentenza le cose cambiano. Tuttavia Sky la ritiene sommaria e ha già annunciato di voler intervenire nei modi più opportuni. La via appare comunque tracciata verso un radicale cambiamento, per le trasmissione sul web del calcio italiano durante il campionato 2020-21.

Partite serie a e Champions League su Amazon?

Visto che Sky non avrà più i diritti in esclusiva per Internet, la Lega calcio ora può aprire la porta ad altri operatori. In virtù di questo un colosso come Amazon potrebbe cogliere l’occasione di aumentare la sua presenza entrando nel calcio italiano.

In Germania, ad esempio questo è già successo, con la trasmissione via web di partite del campionato tedesco e della Champions. Il tutto con ottimi riscontri da parte degli appassionati.

Che quello della serie A maschile italiana sia il prossimo campionato che approderà su Amazon prime video? Prossimamente lo scopriremo, ma ora che Sky non ha più i diritti esclusivi la possibilità esiste.

Serie a diritti tv, Cvc offre 2,2 miliardi

Oltre ad Amazon, non mancano altri possibili pretendenti interessati ad acquistare i diritti tv del calcio italiano. In particolare il fondo Cvc Capital ha già avanzato una proposta allettante alla Lega calcio per i diritti del campionato di Serie A.

Questo fondo valuta il massimo torneo di calcio italiano per i prossimi 10 anni, complessivamente 11 miliardi di euro, come riporta il Sole 24 ore. La volontà di Cvc è quella di entrare con 2,2 miliardi di euro fin da subito in una newco con la Lega. La proposta è al vaglio di un comitato di esperti, fra cui il presidente della Juventus Andrea Agnelli ed altri.

Questo comitato intende valutare ogni possibilità, viste le recenti frizioni con Sky e Dazn sui ritardi nel pagamento dei diritti tv, dopo lo stop causa covid. Insomma, l’emergenza economica è arrivata anche nel mondo del calcio e ora si rende necessario trovare nuovi fondi per le società. Proprio la vendita dei diritti televisivi via web a nuove operatori, sembra essere la via che la Lega e i club intendono percorrere.

Articoli correlati

Related Posts

Add New Playlist