Il Sassuolo batte la Juve, prima vittoria nella storia contro la Juventus

Serie A, prima storica vittoria per il Sassuolo in casa della Juventus: decide un gol allo scadere di Maxime Lopez. Per i bianconeri la vetta della classifica è ora lontana 13 punti. Voti e pagelle.

Juventus  – Sassuolo Un tonfo che potrebbe rappresentare il passo d’addio alle ambizioni tricolore della Vecchia Signora.

Il Sassuolo di Dionisi, a sorpresa (ma non troppo), espugna per 2-1 lo Stadium di Torino e inguaia la squadra di Allegri, ora lontana ben 13 punti della vetta della classifica di serie A. Gli emiliani hanno avuto il merito di non rinunciare mai a giocare a calcio. Anche nella ripresa, quando è montata la rabbia juventina alla ricerca del pareggio.

Juventus sassuolo partita serie a 27-10 -21
Foto iPa

Per gli ospiti i tre punti, i primi in assoluto ottenuti nella loro storia sul campo della Juventus, significano ottava posizione in graduatoria e spensieratezza e serenità ritrovata. Allegri mastica amaro e riflette: la sua squadra ha subito 13 gol in 10 giornate di campionato. E’ il risultato peggiore dal 1988/98.

Juventus-Sassuolo primo tempo

L’avvio della Juventus è arrembante. Nei primi 10 minuti i bianconeri recapitano tantissimi palloni nell’area avversaria, e sfiorano il gol il particolare con un missile da fuori di Danilo.

Poi però il Sassuolo esce dal guscio e al 19′ “bussa” dalle parti di Perin con un gran sinistro a giro di Berardi diretto all’angolino: l’estremo difensore devia sul fondo con la punta delle dita. I neroverdi si rendono ancora pericolosi con Raspadori, contrato in corner da Danilo, prima dell’assolo di Paulo Dybala, che al 37’coglie uno splendido palo con un potentissimo sinistro dal limite.

La frazione si chiude proprio con il guizzo di Frattesi, che al 44′ su suggerimento di Defrel gela Perin con un diagonale rasoterra chirurgico. Si va al riposo sullo 0-1.

Juventus-Sassuolo secondo tempo

Cambia l’inerzia del match nella ripresa: la Juventus cinge d’assedio gli ospiti. Un tiro fiacco di Chiesa viene bloccato da Consigli. Eppure è Raspadori, al 57′, ad avvicinarsi al bersaglio grosso.

Da questo momento inizia il festival delle occasioni bianconere. Al 58′ Ayhan salva sulla linea un gol fatto su stoccata ravvicinata in diagonale di Cuadrado, poi Consigli si supera su un bolide di Dybala. Sugli sviluppi dell’azione Cuadrado serve di testa Chiesa, il quale ancora di testa lambisce la traversa.

Dai e dai, arriva il meritato pareggio al 75′. McKennie inzucca in rete un cross calibrato di Dybala su punizione, sovrastando nello stacco Ferrari. Per i bianconeri è il momento di spingere a tutta, ma la foga nella ricerca del vantaggio gioca un brutto scherzo agli uomini di Allegri. Al 95′ Maxime Lopez viene imbeccato magistralmente in contropiede, si invola solo davanti a Perin e lo scavalca con un delizioso pallonetto. E’ il 2-1 che manda in paradiso i neroverdi e relega in purgatorio la Vecchia Signora.

Juventus-Sassuolo, le pagelle

Juventus: Perin 6, Danilo 5,5 (35′ st Kulusevski sv), Bonucci 5,5, De Ligt 5,5, De Sciglio sv (12′ pt Alex Sandro 5,5), Chiesa 5,5, McKennie 6, Locatelli 5,5 (35′ st Arthur sv), Rabiot 5,5 (1′ st Cuadrado 6), Dybala 6,5, Morata 5 (18′ st Kaio Jorge 6)

Allenatore: Allegri 5,5

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli 6,5, Muldur 6, Ayhan 6,5, Ferrari 6, Rogerio 6, Frattesi 6,5 (26′ st Henrique 6), Lopez 7, Berardi 6,5, Raspadori 6 (17′ st Scamacca 5), Traoré 5,5 (41′ st Harraoui sv), Defrel 5,5 (26′ st Toljan 6)

Allenatore: Dionisi 6,5

Juventus, i migliori e i peggiori

Nel grigiore di una prestazione sostanzialmente opaca dell’undici di Allegri, fatta eccezione per la fase centrale del secondo tempo, svetta l’estro di Paulo Dybala. L’argentino si accende a intermittenza, ma ricama le giocate migliori, coglie un palo e fornisce anche l’assist del pareggio a McKennie.

In difesa non convincono del tutto Bonucci e De Ligt. Locatelli appare meno geometrico e dominante a centrocampo rispetto ad altre occasioni. Davanti Chiesa sgomita, sbraccia e si danna l’anima, ma non è sempre lucido al momento decisivo.

Sassuolo, i migliori e i peggiori

Menzione di merito tra gli emiliani per Consigli, autore di un paio di interventi ad alto coefficiente di difficoltà. Ayhan respinge sulla linea un pallone di Cuadrado destinato inesorabilmente in rete: il suo intervento ha il peso specifico di una rete.

Lopez, uomo ovunque, diventa anche uomo copertina e decide il match a fil di sirena. Berardi è ispirato, e sulla destra è una spina nel fianco per Alex Sandro. Scamacca rileva un discreto Raspadori, ma non sembra entrare col piglio giusto.

I prossimi impegni di Juventus e Sassuolo

La Juventus, nel prossimo turno, è attesa nella tana dell’Hellas Verona sabato 30 ottobre alle ore 18.

Il Sassuolo, invece, ospiterà l’Empoli domenica 31 ottobre alle 15.

Articoli Correlati

Add New Playlist