Calcio maschile e femminile: ecco come seguiremo lo sport

La Serie A riparte: ecco come la seguiremo, turno dopo turno, fin da subito.

La pagina sportiva di Donne sul Web si distingue da qualsiasi altro contenitore di sport o di calcio perché cerca di uscire dal facile concetto di ‘virale’ e di ‘global’. Seguiamo gli eventi ma soprattutto cercheremo di approfondire i fatti e i motivi di interesse prima e dopo le partite.

Un modo diverso di affrontare i turni di gioco per analizzare le partite al di la dei soliti schemi. In un settore editoriale come quello sportivo dominato da voci, illazioni e pochissimi fatti, dove si fatica a capire il disegno più grande alle spalle dei progetti – non solo sportivi – dei grandi club, cercheremo di andare un po’ più in profondità e di trovare spunti di riflessione che siano inediti, o quanto meno non copiati e incollati. L’appuntamento è qui: prima e dopo ogni turno di gioco di Serie A, Champions League ed Europa League per capire, interpretare e commentare.

Contiamo sulla vostra curiosità e sulla vostra partecipazione. Perché non tutto quello che è interessante fa notizia: e qui, ancora più che offrivi notizie che si trovano ovunque, sempre le stesse scritte e riscritte, ci fa piacere interessare.

Cominciamo da tre riflessioni che riguardano la prima giornata.

Pirlo svela la sua Juventus

Pirlo juventus squadra

È inutile sottolineare che uno dei motivi di grande interesse di questo avvio del campionato di serie A sia proprio l’esordio della Juventus, campione d’Italia. La rivoluzione estiva che ha portato all’esonero di Sarri e alla firma di Pirlo, al suo esordio come tecnico su una panchina del massimo campionato, offre moltissimi spunti. La Juventus ha operato sul mercato con grande attenzione investendo il giusto e cercando di accontentare il tecnico soprattutto sotto l’aspetto dei giocatori di prospettiva.

Sono arrivati talenti di livello indiscutibile come Pellegrini, McKennie, Kulusewski. Pirlo, almeno per ora, è riuscito nell’intendimento di trattenere Dybala (assente all’esordio) responsabilizzando ulteriormente Cristiano Ronaldo. L’esordio contro la Sampdoria, che bianconeri hanno sempre battuto nelle ultime cinque partite in casa e che hanno sconfitto anche nelle due occasioni precedenti all’esordio del campionato, è tutto sommato abbordabile per una squadra ancora in via di definizione dalla quale ci si attende molto fin da subito, con grande curiosità.

Un Milan futuribile

Ralf Rangnick

La scelta della società rossonera di rinunciare alla grande rivoluzione rappresentata dal tecnico tedesco Ralf Rangnick aumenta gli elementi di interesse intorno a una squadra che si ricostruisce sotto l’immensa personalità di Zlatan Ibrahimovic e che si è arricchita di numerosi giocatori di grande talento, in parte ormai consolidati – come Tonali – e in parte tutti da scoprire, come Brahim Diaz. Da sottolineare quella che è stata la strategia della società rossonera che per una volta, di fronte alle grandi difficoltà delle ultime stagioni, ha deciso di rifondare partendo da poche certezze. A cominciare da Pioli.

Tecnico umile e di buon senso che ha saputo ricompattare la squadra e ottenere risultati importanti in una stagione che poteva finire in tragedia. Il primo test è rappresentato dal Bologna che ha riconfermato Mihajlovic e che potrebbe essere una delle grandi sorprese di questa stagione. Il mercato è ancora aperto, il Milan ha ancora un tesoretto da spendere e non è escluso che arrivino nuove sorprese in una squadra che sembra già ben allestita per puntare alla zona Champions League.

Il Parma fa l’americano

Kyle Krause

Il Parma ha dovuto domenticare i bagliori della gestione della famiglia Tanzi. Ma anche quelli molto più illusori di Tommaso Ghirardi, protagonista del fallimento che portò la squadra emiliana in bilico tra i semiprofessionisti. Il club ha saputo creare un progetto sostenibile che, a poco a poco, si è strutturato ed è cresciuto. In una città che non è mai stata pazza per il calcio e forse per lo sport in genere. In fondo anche ai grandi successi di una  squadra di pallavolo che dominava il mondo non è mai stato dato un seguito. Il nuovo Parma si presenta al cospetto del campionato di Serie A ospitando il Napoli con un nuovo proprietario: Kyle Krause.

La storia di questo ricco imprenditore che ha fatto fortuna dal nulla con una rete di centinaia di piccoli centri commerciali negli Stati Uniti è molto curiosa. Krause, infatti, è innamorato dell’Italia e dell’Emilia. Da sempre sceglie il nostro paese per le sue vacanze e conosce Parma meglio di tanti italiani. Qui ha deciso di investire sui soldi, non pochi per la verità. Segue un piccolo drappello di miliardari e filantropi americani che in Italia erano convinti di trovare l’America ma ne sono usciti con le ossa rotte.

Al momento gli imprenditori americani impegnati nel nostro paese sono Dan Friedkin che ha preso il posto di un deluso James Pallotta, Rocco Commisso alla Fiorentina, il canadese Joey Saputo al Bologna e Joe Tacopina, al suo terzo tentativo con un club italiano. Ora vuole riportare il Venezia in serie A. Una nota anche per Mike Piazza, ex giocatore della World League di baseball, imprenditore di grande successo, che ha riportato la Reggiana in Serie B dopo ventuno anni.

Queste sono le tre prime pillole che ci andava di sottolineare a bocce ferme: avete spazio per commentare, riflettere, interagire, chiedere. Saremo felici di creare sulla nostra pagina sportiva una pagina di libero pensiero, possibilmente costruttivo per ragionare su quello che è il calcio. Ci si trova qui, prima e dopo le gare: con pochi spunti che speriamo condividerete con noi. Lo spazio non manca… ed è a vostra disposizione

© Copyright Donne sul Web


Stefano Benzi è nato a Genova, giornalista dal 1984. Ha lavorato come professionista dirigendo numerose testate giornalistiche tra le quali Eurosport, curandone il sito Internet e i canali televisivi. Ha contribuito alla creazione di Sportitalia. @stefano_benzi

Related Posts

Ben tornato!