10 frasi memorabili di scrittrici famose

Scrittrici, aforismi o frasi tratte dai loro libri. Vediamo alcune frasi memorabili di donne famose, soprattutto per le loro parole. Citazioni buone non solo per le bacheche di Facebook ma anche per qualche riflessione… o una risata.

Le scrittrici donne hanno storicamente il rischio di essere ricordate “in quanto donne” e non in quanto scrittrici. In certi casi ci manca solo che si dica “brava, per essere una donna”. Eppure, sebbene in minor numero rispetto ai colleghi maschi, hanno vinto premi Nobel, hanno ispirato generazioni di giovani e non giovani, e tuttora sono in cima alle classifiche delle vendite di libri. Dopo aver parlato delle scrittrici più famose di sempre (o almeno alcune, ne avevamo scelte solo 12) ora vediamo dieci frasi da ricordare di alcune scrittrici. Alcune sono quelle che a volte vediamo passare nella nostra bacheca Facebook, ma che dite? Forse meritano una riflessione in più a parte un “mi piace”? Il nostro consiglio è di lasciarsi suggestionare da queste frasi, incuriosirsi e provare a leggere un libro di almeno una di queste grande autrici. Ecco le frasi

1) Alda Merini

“La salute non ha mai prodotto niente. L’infelicità è un dono. Io mangio solo per nutrire il dolore. La preparazione alla morte dura una vita intera”.

Poetessa, autrice di aforismi fulminanti, nel rispetto di un personaggio così originale per originalità citiamo una sua frase tratta da un’intervista a un quotidiano, sull’infelicità come stimolo creativo e sulla vita come preparazione alla morte.

Vedi anche: Frasi di Alda Merini sulla vita

2) Jane Austen

“Ma è comunque una vera fortuna avere qualcosa ancora da desiderare. Se tutto fosse perfetto dovrei aspettarmi sicuramente qualche delusione.”

Una frase celebre tratta dal capolavoro della scrittrice inglese Jane Austen, “Orgoglio e pregiudizio”, pronunciata da Elizabeth, la sua protagonista.

3) Virgina Woolf

“Perché le donne sono tanto più interessanti per gli uomini che gli uomini per le donne?”

Una domanda senza risposta della grande autrice britannica, nonché attivista per la parità tra uomini e donne.

4) Marguerite Yourcenar

“L’ossessione del presente è caratteristica delle persone che vivono e pensano in modo convenzionale, dominati dalle mode. E così non si accorgono che tutto quello che è davvero importante nella nostra vita è uguale ieri come oggi.”

Una riflessione fondamentale, tratta da un’intervista alla scrittrice Marguerite Yourcenar autrice, tra gli altri, di “Memorie di Adriano”.

5) Elsa Morante

“Che il segreto dell’arte sia qui? Ricordare come l’opera si è vista in uno stato di sogno, ridirla come si è vista, cercare soprattutto di ricordare. Ché forse tutto l’inventare è ricordare.”

Ricordo, sogno e narrazione sono indissolubilmente e anche misteriosamente legati tra loro. La Morante lo dice con tre frasi, tratte da un suo diario.

6) Grazia Deledda

“Mutiamo tutti, da un giorno all’altro, per lente e inconsapevoli evoluzioni, vinti da quella legge ineluttabile del tempo che oggi finisce di cancellare ciò che ieri aveva scritto nelle misteriose tavole del cuore umano.”

Grande profondità, sebbene si tratti di scritti giovanili della grandissima scrittrice sarda Grazia Deledda, che forse veramente giovane non lo è mai stata, e che vinse il premio Nobel per la Letteratura nel 1926.

7) Emily Brontë

“L’uccello muto che siede sulla pietra, | l’umido muschio che gocciola dal muro, | gli sparsi viottoli invasi dalle erbacce, | sono il mio amore – oh, quanto li amo!”

Beh, non potevamo che mettere una poesia nel caso della Brontë, che lasciò al mondo pochi, indimenticabili versi e un unico romanzo, “Cime tempestose”, morendo a soli 30 anni.

8) Natalia Ginzburg

“A una ragazza le fa tanto piacere pensare che forse un uomo è innamorato di lei, e allora anche se non è innamorata è un po’ come se lo fosse e diventa molto più carina con gli occhi che splendono e il passo leggero e la voce più leggera e più dolce.”

Chi non ha mai provato questa sensazione? Capacità di poetesse e scrittrici è di riassumere, sintetizzare emozioni semplici e complesse allo stesso tempo, che tutti conosciamo, in poche frasi, poche parole.

9) Oriana Fallaci

“Vi sono momenti, nella vita, in cui tacere diventa una colpa e parlare diventa un obbligo. Un dovere civile, una sfida morale, un imperativo categorico al quale non ci si può sottrarre.”

E altri in cui, ovviamente, bisogna parlare e gridare, come la Fallaci fece più volte. Ma questa citazione della famosa scrittrice e giornalista toscana vi tornerà utile più volte, ne siamo certi.

10) Agatha Christie

“Un archeologo è il miglior marito che una donna possa avere: più lei diventa vecchia, più lui s’interessa a lei.”

Con questa spiritosa battuta della famosa giallista inglese chiudiamo questa serie di citazioni e aforismi di famose scrittrici. Chiudere con una risata è sempre la cosa migliore, anche la Christie sarebbe d’accordo.

Vedi anche:

Articoli Correlati

Add New Playlist