Tredicesima lavoratori statali 2019: quando si prende?

Tredicesima, quando si prende? Vediamo il calendario, il calcolo tredicesima e il cedolino NoiPa.

La tredicesima mensilità non spetta solo ai pensionati e ai lavoratori dipendenti privati, ma anche ai dipendenti dello stato e degli enti pubblici. Infatti, mentre i pensionati riceveranno il pagamento dall’Inps il 2 dicembre, il pagamento del cedolino del NoiPA, che riguarda i dipendenti della pubblica amministrazione, segue regole e date completamente diverse.

Per tale motivo vediamo, qui di seguito, tutto ciò che c’è da sapere su calendario e modalità di calcolo della tredicesima per gli statali.

Tredicesima NoiPA 2019: data pagamento (anche per i docenti)

Nel caso del personale della pubblica amministrazione il pagamento è disciplinato dall’articolo 1 della legge n.350 del 2001. Quest’ultimo fissa come scadenza, per l’erogazione della tredicesima, il giorno 15 di dicembre. Tuttavia quest’anno il giorno indicato cade di domenica, quindi un festivo, perciò il cedolino sarà esigibile già dal 13 dicembre, ossia l’ultimo giorno lavorativo settimanale.

Rientrano fra coloro che riceveranno la tredicesima e lo stipendio il 13 dicembre anche il personale insegnante delle scuole. Viceversa non si hanno informazioni certe riguardo al personale docente supplente. Questa categoria dovrebbe ricevere il saldo il 16 dicembre, ma potrebbe ottenerlo anche in anticipo, al pari degli altri dipendenti statali.

Come viene calcolata la tredicesima 2019 dei lavoratori statali

In linea generale la tredicesima equivale a circa una mensilità della retribuzione, tuttavia il calcolo è diverso rispetto a quello relativo allo stipendio.

Se il diretto interessato ha lavorato per tutti i 12 mesi, che compongono un anno, avrà diritto ad un’intera mensilità aggiuntiva. Viceversa se il rapporto è iniziato durante l’anno, la tredicesima sarà proporzionata ai mesi di servizio prestati. Senza dimenticare il fatto che la tredicesima non matura sulle assenze fatte durante l’anno e che dunque potrebbe non essere piena.

Quindi, incidono sul calcolo della tredicesima le assenze dal lavoro per:

  • Congedo parentale o straordinario.
  • Malattia o infortunio.
  • Aspettativa o sospensione dal lavoro a causa di un provvedimento disciplinare.
  • Sciopero o altre motivazioni non giustificate.

Viceversa matura per appositi periodi di assenza come le festività, le ferie e i permessi retribuiti, la maternità obbligatoria e il congedo matrimoniale.

Un esempio pratico di calcolo della tredicesima di un lavoratore

Per fare un esempio pratico, prendiamo un lavoratore statale che percepisce uno stipendio lordo mensile di 1.400 €. Se ha lavorato per tutti i 12 mesi, percepirà la stessa cifra come tredicesima, mentre se ne ha lavorati 6 maturerà il diritto ad avere 700 € di mensilità aggiuntiva.

Allo stesso modo se ha totalizzato 1 mese complessivo di assenze ingiustificate, causate da una delle motivazioni prima elencate, riceverà 1.283 euro (1.400/12*11) di tredicesima.

Bene, se hai letto fino a qui non dovresti avere più dubbi su date e modalità di calcolo della tredicesima per i dipendenti statali NoiPA. Se invece ti interessa sapere come viene calcolata e quando viene erogata la tredicesima per i pensionati, ti invitiamo ad approfondire qui l’argomento.

Vedi anche:

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!