Prezzo benzina previsioni. Quanto costerà in estate e in inverno

Prezzo benzina previsioni 2022-2023. Ecco quanto costeranno diesel e benzina in estate e in inverno. Quando si abbassa il prezzo del carburante e ultime sul taglio delle accise.

Benzina, quando scenderà il prezzo? Visti i continui aumenti del costo del rifornimento non è assolutamente facile dirlo, anzi c’è la possibilità che nei prossimi mesi ci sia un’ulteriore crescita. Intanto però il governo sta valutando nuovi interventi da aggiungere al taglio delle tasse già in corso.

Prezzo benzina previsioni quanto costerà in estate e in invernoVediamo allora in base ai dati attuali e alle ultime notizie, le previsioni su quanto costerà il carburante durante l’estate e l’inverno.

VEDI ANCHE: RISPARMIARE BENZINA 11 TRUCCHI PER FARLO DAVVERO

Prezzo benzina e gasolio oggi in Italia

Dopo un periodo di prezzi stabili nelle ultime settimane il costo del rifornimento di gasolio e verde è tornato a salire parecchio. Oggi la benzina alla pompa costa oltre 2 euro al litro al self service, mentre il prezzo del servito è più alto di 10-15 centesimi a seconda dei casi.

Il prezzo del diesel oggi è di poco inferiore ai 2 euro e si attesta in media intorno a 1,95 euro con picchi diversi nei vari distributori sparsi nel territorio nazionale. Ma anche in questo caso si paga già 2 euro o più al litro per il servito. Insomma, spostarsi sempre in auto o in moto a benzina costa già parecchio agli italiani. Ma cosa succederà nei prossimi mesi? Il prezzo della benzina scenderà? Proviamo a capirlo qui di seguito con le previsioni sul costo dei carburanti.

Previsioni prezzo benzina estate 2022

Attualmente è ancora in corso lo sconto sulla benzina, ovvero il taglio delle accise pari a 25 centesimi al litro (più 5 centesimi di iva) decisa dal governo Draghi. Questa misura però scade l’8 luglio 2022. Ciò significa che se l’esecutivo decidesse di non prorogare la misura dal 9 luglio il prezzo della benzina salirebbe di colpo di circa 30 centesimi al litro.

In pratica, il costo del rifornimento salirebbe a 2,35/2,40 euro per la verde e 2,30 euro circa per il gasolio. Tuttavia il governo sta ragionando sulla possibilità di prolungare questa misura o di attuare altri interventi.

Una delle proposte è quella di inserire un tetto massimo al prezzo di benzina e diesel per 2 mesi. Questa idea arriva tramite un emendamento al decreto aiuti e permetterebbe di mantenere entro certi limiti il prezzo del carburante, almeno fino alla fine delle vacanze estive. Ma per questa misura servirebbe un Dpcm e al momento non ci sono certezze al riguardo.

Previsioni prezzo benzina inverno 22-23

Abbiamo visto la possibile proiezione dei prezzi di qui a breve, ma sulle tariffe del rifornimento alla pompa potrebbe incidere molto il costo del petrolio al barile. Parliamo del prezzo del brent regolato dai mercati finanziari e quindi in costante cambiamento. Su questo aspetto non è possibile intervenire a livello governativo.

Attualmente il valore del prezzo del barile si attesta intorno ai 123 dollari, dopo che negli ultimi 6 mesi si è registrato un forte aumento. Lo testimonia il grafico qui riportato e tratto da Ilsole24ore sull’andamento del prezzo del greggio sui mercati da gennaio a giugno 2022.

Prezzo del petrolio al barile grafico

Se la tendenza del prezzo fosse la stessa anche nei prossimi mesi, il costo per fare il pieno di benzina salirebbe ancora in modo preoccupante. Quindi, anche se non è possibile stimare il prezzo di gasolio e diesel, perché il costo del petrolio non è l’unico fattore che influisce, in inverno si rischia di arrivare a prezzi ben più alti, da 2,50 € in su al litro.

Ma un decreto benzina che metta un tetto al prezzo del rifornimento potrebbe cambiare le cose. Anche se per ora come visto è solo un’ipotesi e non è possibile ipotizzare per quanto tempo sarebbe in vigore. Di certo una proroga del taglio delle tasse attualmente in vigore sarebbe un modo per evitare un’ulteriore crescita del prezzo alla pompa.

Queste al momento le previsioni sul prezzo della benzina in estate e in inverno. In sintesi, se continuerà a crescere il prezzo del petrolio al barile, aumenterà anche quello del rifornimento. Ma molto dipenderà dal taglio delle accise e dall’eventuale introduzione di un tetto al costo di verde e gasolio al vaglio del governo.

VEDI ANCHE:

Related Posts

Ben tornato!