Home»Economia»Economia News»Come non pagare il canone Tv 2018: esenzioni e moduli rimborso

Come non pagare il canone Tv 2018: esenzioni e moduli rimborso

3
Shares
Pinterest Google+

Canone Tv 2018: esenzioni e istruzioni per non pagare. I moduli di dichiarazione sostitutiva per l’Agenzia delle Entrate e i moduli di richiesta di rimborso

canone tv 2018

Il canone tv 2018 ammonterà ancora a 90 euro, come il canone tv 2017. Si tratta di una tassa che è invisa a molti italiani ed è dovuta da tutti coloro i quali sono in possesso di una televisione. Il canone viene “attivato” in automatico non appena qualsiasi utente sottoscriva un contratto di fornitura elettrica: in sostanza si dà per scontato che ovunque ci sia elettricità ci sia anche un televisore.

Dal 2016 il canone si paga nelle bollette elettriche: chiunque abbia un’utenza domestica della corrente si vedrà addebitato in fattura il costo del canone tv 2018.

Esenzione canone Tv 2018 perché non si ha la Tv

Ci sono una serie di casistiche previste dalla legge che prevedono l’esenzione dal canone Tv 2018: in particolare se non si possiede una televisione si può utilizzare la dichiarazione sostitutiva che autocertifica l’assenza di apparecchi Tv in tutte le abitazioni dove è attiva la connessione elettrica (potete scaricarla qui).

Il modello, una volta compilato, va inviato all’Agenzia delle Entrate per via telematica, utilizzando le credenziali Fisconline o Entratel. In alternativa si può ricorrere agli intermediari abilitati oppure l’incartamento può essere inviato, insieme alla copia di un documento di riconoscimento, per posta raccomandata priva di busta, a Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

Inviare la dichiarazione di esonero entro il 31 gennaio 2018

La dichiarazione sostitutiva va inviata entro il 31 gennaio 2018 per non pagare il canone tv 2018. Se si presenta la richiesta nel periodo ricompreso tra l’1 febbraio 2018 e il 30 giugno 2018 invece l’esonero sarà parziale e riguarderà solo il secondo semestre del 2018. La dichiarazione purtroppo va presentata anno per anno, altrimenti il pagamento del canone tornerà attivo.

Se si fosse già iniziato a pagare un canone non dovuto perché privi di tv color si più presentare all’Agenzia delle entrate una richiesta di rimborso utilizzando il modulo che potete scaricare qui.

Esenzioni dal canone Tv 2018 per chi ha più di 75 anni

Tutti gli italiani over 75, purché con un reddito annuale che non superi i 6713 Euro, non pagano il canone radiotelevisivo 2018. Per ottenere l’esonero si deve presentare agli uffici dell’Agenzia delle entrate una dichiarazione sostitutiva di richiesta di esenzione: se è la prima volta che si inoltra la richiesta il termine entro cui presentarla è il 30 aprile 2018.

In questo caso non andranno presentate dichiarazioni anno per anno ma basterà tornare a versare il canone solamente se i requisiti di ordine reddituale varieranno. Potete scaricare qui la dichiarazione sostitutiva per usufruire dell’esenzione per over 75.

Richiesta di rimborso canone tv 2018

Se si avesse subito un pagamento in bolletta di un canone che in realtà non era dovuto (ad esempio per il caso sopra esposto) si può chiedere il rimborso compilando questo modulo e presentandolo a un qualsiasi ufficio dell’Agenzia delle Entrate o inviandolo per posta raccomandata priva di busta a Agenzia delle Entrate, Ufficio di Torino 1, S.A.T. – Sportello abbonamenti tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino.

Militari stranieri e corpo consolare

Altre categorie esentate dal pagamento sono:

  • gli agenti diplomatici;
  • gli impiegati dei consolati;
  • i funzionari di organismi internazionali;
  • i militari non italiani e i dipendenti non residenti in Italia della Nato.

Anche in questo caso la procedura è la stessa: presentare il modulo che qui linkiamo agli uffici dell’Agenzia delle entrate e richiesta di rimborso qualora si avesse già indebitamente pagato nella bolletta elettrica.

No Comment

Leave a reply

Previous post

Bonus bebè 2018 straniere: ora è per tutte

Next post

Economia Italia: i cinque fronti caldi del 2018