Piante da terrazzo, utili e belle

Piante da terrazzo, facili da mantenere, belle da vedere e… buone da mangiare. Piante sempreverdi ornamentali ma anche pomodori, zucchine, timo, menta, rosmarino… Ecco come trasformare il proprio balcone in un giardino fiorito.

piante da terrazzo

Le piante da terrazzo possono avere una triplice funzione: abbellire la nostra abitazione, in primis. Ma anche “costringerci” ad un’attività rilassante, che mostra di giorno in giorno i piacevoli risultati di un lavoro che, con poca fatica, porta grandi soddisfazioni.

E, non ultimo: farci risparmiare. Si possono tenere in terrazzo tante piante aromatiche (ma non solo) che saranno prodotte, controllate (e, infine, mangiate…) da noi.

Vedi anche: orto invernale in terrazzo.

Piante sempreverdi da terrazzo

Si può partire da sempreverdi che sono piante da terrazzo resistenti e la cui gestione è certamente più semplice. Prima di tutto perché “non perdono” le foglie (in realtà non è vero, il ricambio di foglie nei sempreverdi avviene semplicemente con tempi più lunghi) e dunque si ha molto meno da pulire.

Scegliendo, se non siete esattamente dei pollici verdi, cominciate con piante facili da gestire, come le felci ad esempio, che si adattano bene anche ai climi esterni. La felce vuole poco sole, quindi mettetela in una posizione ombreggiata o dove si può facilmente coprire. Si tratta di una pianta che “beve” parecchio: un modo facile per capire se ha necessità di essere innaffiata è quello di mettere un dito nel suo terreno e percepirne l’eventuale “secchezza”.

Alternativa può essere la rosa di Natale che resiste bene anche a temperatura molto fredde. Periodicamente dovrete nutrire il terreno del vaso con concime, va tenuta in zone tendenzialmente ombreggiate avendo cura col passare del tempo di separare i ciuffi che si addensano per permettere alla pianta di prendere facilmente aria.

Una pianta molto bella che dà in estate fiori dai colori stupendi è la pervinca: qui però i climi troppo freddi non vanno bene (non si dovrebbe scendere sotto i 5°). Va tenuta in luce con somministrazione di acqua giornaliera in primavera-estate e più diradata in autunno. Anche per la pervinca è consigliato mettere del concime nel periodo primavera-estate (ogni 2 settimane).

L’orto in terrazzo

Ovviamente non potrete fare un orto vero e comunque le dimensioni del terrazzo saranno un limite con il quale doversi necessariamente confrontare. Però sono molte le piante in terrazzo da poter tenere comodamente in vaso. Da quelle aromatiche a, se lo spazio lo permette, anche pomodori, fagiolini, zucchine ecc.

Le piante aromatiche sono le più facili da coltivare e hanno bisogno di vasetti più piccoli; invece le piante che si sviluppano di più, come zucchine e pomodori, devono avere vasi di almeno 50-60 cm perché contengano la quota minima di terra loro necessaria (non meno di 40 cm).

Per gli ortaggi alla terra va unita un po’ di sabbia che drena meglio l’acqua (ma non esagerate, una percentuale sul totale della terra del 10% andrà benissimo).

Si può partire con rosmarino, basilico, peperoncino e una pianta di pomodoro, si inizia dalla primavera, bagnando, la sera, dall’esterno della terra e concimando ogni 2-3 settimane (dipende dal tipo di concime utilizzato).

Una soluzione salva-spazio

Si possono mettere più piante nello stesso vaso. Piante piccole sotto e piante che crescono di più sopra. Spieghiamo meglio: piantine come menta e timo possono stare alla base di un pomodoro. Questo ovviamente non si può fare con varietà come il rosmarino che durano molto a lungo e tendono a crescere di più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Add New Playlist