Dieta mediterranea, alleata contro la tristezza

La dieta mediterranea è la migliore, fa bene alla salute all’umore, e combatte la depressione.

Legumi, pasta, pesce azzurro, frutta, verdura, nonché olio d’oliva, alimenti principi della nostra tavola, alla base della famosa dieta mediterranea che tutto il mondo ci invidia. Una dieta saporita ma povera di grassi, amica della salute e amica dell’umore. Infatti un recente studio, pubblicato sulla rivista Archives of General Psychiatry da Almudena Sanchez-Villegas, dell’Università di Las Palmas de Gran Canaria e Università di Navarra a Pamplona, dimostra che la dieta mediterranea combatte la depressione e allontana la tristezza.

Le sindromi depressive sono diffuse maggiormente nel nord d’Europa anziché nel sud. A fare la differenza sono i diversi stili di vita e proprio l’alimentazione rappresenta un fattore chiave. Lo studio dimostra che il consumo di grassi non saturi come il preziosissimo olio d’oliva è collegato a sintomi depressivi meno gravi. Gli studiosi hanno seguito dal 1999 al 2005, l’alimentazione di 10.094 individui sani. Al termine del monitoraggio durato in media 4 anni, sono stati riscontrati 480 casi di depressione, nello specifico in 156 uomini e 324 donne. Dei partecipanti, coloro che hanno seguito scrupolosamente la dieta mediterranea il rischio di sviluppare la depressione si è abbassato del 30%, rispetto ai partecipanti che hanno seguito un’alimentazione meno sana.

Gli esperti devono ancora comprendere in che modo gli alimenti tipici della dieta mediterranea fungono da barriera protettiva contro la depressione, ma concordano nell’affermare che i grassi “buoni” fanno bene al cervello. E non solo. Secondo il British Medical grazie alla dieta mediterranea è possibile ridurre del 13% l’incidenza del Parkinson e dell’Alzheimer, del 9% l’incidenza dei problemi cardiovascolari e del 6% il cancro. Fondamentale consumare vicino a un saporitissimo piatto della nostra tradizione un buon bicchiere di vino, meglio se rosso, a giovarne il cuore e lo spirito. Il segreto è la moderazione.

25 ottobre 2009

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!