Detrazioni fiscali 2020. Figli casa ristrutturazione.

Detrazioni fiscali agenzia delle entrate, figli coniuge, casa, affitto e ristrutturazioni. Guida alle detrazioni 2020

Le detrazioni fiscali e le spese scaricabili nel 2020, sono aspetti che possono incidere significativamente in un bilancio familiare. Per questo abbiamo deciso di fornirvi una guida su quelle che si possono scaricare nella prossima dichiarazione dei redditi.

In particolare parliamo di detrazioni fiscali per i figli, per la casa, per i lavori di ristrutturazione casa e via dicendo. Ecco dunque tutto quello che c’è da sapere su questo tema.

Vedi anche: Detrazioni spese mediche 2020

Detrazioni fiscali: cosa sono e a chi spettano

Prima di entrare nel merito delle singole detrazioni, rispondiamo alle domande basilari sull’argomento, ossia cosa sono e a chi spettano le detrazioni fiscali 2020?

Le detrazioni sono importi che si possono scaricare, ossia sottrarre dall’imposta lorda dell’Irpef, ottenendo così quella netta da versare al fisco. Esse spettano a tutti i contribuenti che presentazione la dichiarazione dei redditi tramite modello 7e30 o modello dei redditi.

Chiariti questi aspetti preliminari, vediamo ora nel dettaglio le singole detrazioni fiscali, presenti nella manovra finanziaria 2020.

Detrazioni fiscali figli 2020

Tale detrazione fiscale può essere richiesta da quelle famiglie che hanno figli all’interno del loro nucleo familiare, a prescindere dall’età, dalla residenza o dallo stato di convivenza. Essi tuttavia, devono avere:

  • fino a 24 anni di età e un reddito non superiore a 4.000 euro.
  • Più di 24 anni e un reddito minore o uguale a 2.850,51 euro.

Ai nuclei familiari con queste caratteristiche, per ogni figlio a carico, spettano:

  • un importo massimo di 1.220 euro l’anno, per figli fino a 3 anni.
  • Fino a 950 euro per i figli con più di 3 anni.
  • Per i figli con disabilità si possono aggiungere fra i 400 e gli 800 euro di maggiorazione.

Detrazioni fiscale coniuge a carico

Anche un coniuge, non separato legalmente, è a carico di un contribuente se in un anno non ha conseguito un reddito maggiore di 2.840,51 euro. In questo caso l’importo delle detrazioni fiscali variano in base al reddito dichiarato, nello specifico:

  • 800 euro per un reddito complessivo fino a 15.000 €.
  • 690 euro per un reddito totale compreso fra 15.000 e 40.000 €.
  • Per i redditi compresi fra 40.000 e 80.000 €, in misura decrescente rispetto al suo ammontare.

Detrazioni fiscali casa

In questo caso parliamo di detrazioni applicabili su interventi realizzati in un’abitazione, al fine di migliorarne l’efficienza energetica o per la messa in sicurezza. In base al lavoro svolto possono essere applicare due aliquote (il 50% e il 65%) sulle spese sostenute, da recuperare in sede di dichiarazione dei redditi.

L’importo di spesa massimo, su cui si applica la detrazione, per la riqualificazione energetica è fino a 100.000 €, mentre per altri lavori può arrivare a 30.000 o 60.000 €.

Detrazioni fiscali affitto

Le detrazioni per le spese sul canone di affitto ammontano a:

  • 300 euro per chi possiede un reddito inferiore a 15.493 euro
  • 150 euro per redditi tra i 15.493 e i 30.987 euro.

La detrazione è più elevata per chi ha meno di 30 anni. Essa ammonta a 961 euro per redditi sotto i 15.493,71 euro annui, ma solo per i primi 3 anni di locazione.

Infine, se il canone è versato da lavoratori fuori sede, la detrazione massima sale rispettivamente a 991,60 euro per redditi sotto i 15.493,71 euro e a 495,80 per redditi tra i 15.493,72 e i 30.987,41 euro.

Vedi anche: Bonus affitto 2020 pagamenti comuni e regioni

Detrazioni fiscali acquisto mobili

Ai contribuenti che acquistano nuovi mobili o elettrodomestici, spetta una detrazione fiscale del 50% rispetto al costo sostenuto, fino ad un massimo di 10.000 €. Tale detrazione non si ottiene su qualsiasi mobile, ma su una lista specifica e sugli elettrodomestici (frigoriferi, lavatrici ecc.) di classe energetica A+.

Detrazioni fiscali ristrutturazioni

Questa detrazione fiscale permette di recuperare il 50% della spesa effettuata nel 2020, entro un massimo di 96.000 euro, per i lavori di ristrutturazione della propria casa.

In essa rientrano lavori come manutenzione ordinaria e straordinaria, realizzazione posti auto, ricostruzione di immobili che hanno subito danni, cablatura e riqualificazione di un edificio.

Vedi anche Bonus facciate 2020

Detrazioni fiscale facciate agenzia delle entrate

Tale detrazione spetta al contribuente, in misura pari al 90% delle spese sostenute nel 2020 per interventi finalizzati al recupero o al restauro della facciata esterna di edifici già esistenti, ubicati in determinate zone.

Essa si ottiene in sede di dichiarazione (come stabilito dall’agenzia delle entrate) e viene ripartita in 10 quote annuali costanti.

E’ tutto per quanto riguarda il quadro generale delle detrazioni fiscali fruibili nel 2020, in relazione a famiglia, casa e ristrutturazione.

Vedi anche: Aprire la partita Iva quanto costa e quanto conviene

Related Posts

Ben tornato!