Bonus asilo nido: quando arrivano i soldi?

Pagamenti bonus asilo nido per il 2019: quando arrivano i soldi? 50 giorni dopo la richiesta, e poi mensilmente. Ma non è tutto. Ecco le informazioni da sapere, i documenti, la tempistica e i requisiti

E’ iniziato il conto alla rovescia per la riapertura delle scuole e degli asili nido, con date che variano a seconda della regione, ma che a breve riguarderanno tutti.

Oltre ad organizzare diversamente la vita, questa ripresa porta con sé uno dei dubbi tipici che i genitori possiedono in questo periodo. Ossia: quando arrivano i soldi del bonus asilo nido? Rispondiamo a tale quesito nei paragrafi che seguono.

Pagamento bonus asilo nido 2019: quando e come avviene

Questo bonus rappresenta un contributo economico in favore delle famiglie che hanno figli piccoli che frequentano l’asilo nido pubblico o privato autorizzato. Tale misura rappresenta un supporto riservato a bambini nati o adottati dal 1° gennaio 2016.

Esso viene erogato con cadenza mensile direttamente dall’Inps, su domanda del genitore. Se non ci sono ritardi, i soldi inizieranno ad arrivare circa 50 giorni dopo l’approvazione della richiesta, anche se vi possono essere prolungamenti.

Le modalità con cui viene effettuato il pagamento deve essere indicata dal richiedente durante la compilazione della domanda. In questo ambito le opzioni fra cui scegliere sono:

  • Bonifico bancario;
  • Accredito su conto corrente postale o bancario;
  • Carta prepagata con IBAN;
  • Libretto postale.

L’importo del contributo

Ovviamente tale bonus mensile non può avere un importo maggiore rispetto alla spesa sostenuta per il pagamento della singola retta dell’asilo nido. Il massimo ottenibile è pari a 1.500 euro da spalmare però su 11 mensilità.

Si tratta dunque di una somma che può arrivare fino a 136,37 euro al mese e che viene accreditata in modo diretto al genitore che ha fatto richiesta per via telematica. Egli deve essere lo stesso che ha eseguito il saldo delle rette mensili, cioè i documenti che lo dimostrano (da inviare all’Inps) devono essere a suo nome.

Nel caso in cui il bambino dovesse essere iscritto e frequentare l’asilo nido, non per l’intero anno ma solo per alcuni mesi, il bonus verrà erogato solo per quelli corrispondenti. Quindi chi ha questo tipo di necessità per qualsiasi ragione, non deve temere, ma semplicemente indicare il numero di mesi di cui chiede il contributo nella domanda.

Vedi anche: Bonus mamma 2020: Inps, moduli e tutte le info sul bonus Mamma Domani

I documenti per dimostrare di aver pagato la retta dell’asilo nido

Per ottenere il contributo bisogna dimostrare di aver pagato le rette dell’asilo nido. Questa operazione si perfeziona inviando all’Inps telematicamente i seguenti documenti:

  • La ricevuta o quietanza di pagamento;
  • la fattura quietanzata;
  • il bollettino postale o bancario;
  • l’attestazione dell’avvenuto pagamento della retta per i nidi aziendali.

Modalità di presentazione della domanda

La domanda per ottenere il contributo può essere presentata fino al 31 dicembre dell’anno di riferimento.

La richiesta si presenta esclusivamente per via telematica all’Inps, potendo però utilizzare 3 diverse opzioni:

1- direttamente con l’accesso ai servizi online dell’Inps, tramite le proprie credenziali di accesso.

2- Chiamando il numero verde Inps 803164 da rete fissa o 06164164 da mobile, tramite l’ausilio degli operatori.

3- Facendosi aiutare da patronati o altri intermediari autorizzati.

Chi ha due figli, in possesso dei requisiti necessari per accedere al bonus asilo nido, deve presentare due domande distinte, una per ogni figlio.

Decadenza del contributo bonus asilo nido

Infine, bisogna ricordare che il richiedente deve confermare, all’atto dell’allegazione della documentazione a ogni mensilità, l’invarianza dei requisiti rispetto a quanto dichiarato nella domanda.

L’erogazione del bonus decade in caso di perdita di uno dei requisiti di legge o di provvedimento negativo del giudice che determina la fine dell’affidamento.

Vedi anche: Calendario concorsi pubblici 2019

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!