Atalanta-Milan 0-2, rossoneri in Champions, con tanta sofferenza

Un’ultima vittoria, la più importante, per il Milan che sbanca il campo dell’Atalanta e conquista il secondo posto in campionato dopo una partita di indicibile sofferenza

Atalanta-Milan 0-2, 38esima giornata di Serie A – Vince il Milan, conquistando il suo risultato più importante all’ultimo respiro dell’ultima giornata per garantirsi il secondo posto in campionato e un ruolo da protagonista in Champions League. Ma, proprio come tutta la storia di questo torneo anche l’ultima giornata della formazione rossonera è stata all’insegna della grande sofferenza.

Milan
Il Milan vince a Bergamo e torna in Champions League (Foto MIlan Official Twitter)

Atalanta Milan, la partita

Senza Ibrahimovic, Rebic, con alcuni giocatori in evidente affanno non soltanto emotivo ma anche fisico, Il Milan si presenta a Bergamo per affrontare una formazione ferita, dopo la sconfitta nella finale di Coppa Italia di mercoledì contro la Juventus. Un’Atalanta per nulla intenzionata a fare da sparring partner. Anche perché in ballo c’erano non meno di 10 milioni di euro, derivanti dai primi della Serie A e dai contributi della UEFA per la seconda classificata. L’Atalanta gioca un primo tempo di grande controllo ma poco produttivo. Il Milan, paradossalmente, senza neanche fare un tiro in porta, passa in vantaggio allo scadere grazie un calcio di rigore ingenuamente concesso da Maehle sull’unica iniziativa offensiva organizzata da Theo Hernandez. Kessié trasforma.

Il secondo tempo è un vero e proprio assalto all’arma bianca da parte dell’Atalanta, soprattutto dopo l’inserimento di Muriel, sempre molto pericoloso. Il Milan soffre, si disunisce, si ricompatta in difesa, cerca di riorganizzarsi ma, fondamentalmente, rischia moltissimo. Poi, a tempo quasi scaduto, arriva un secondo rigore (il ventesimo della stagione) per un fallo di mano di Gosens. Kessié si prende la responsabilità di un penalty ancora più pesante del precedente e chiude i conti.

Milan secondo in classifica. Atalanta che si deve accontentare del quarto posto in una settimana che ridimensiona, e non poco, il valore della stagione della squadra di Gasperini.

Atalanta-Milan in sintesi

04’ – Gran tiro di Saelemakers, di poco sul fondo

42’ – 0-1, Kessié trasforma con un tiro angolatissimo un calcio di rigore concesso per un fallo di Maehle su Theo Hernandez

58’ – Zapata, diagonale angolatissimo di un nulla sul fondo

72’ – Splendida azione personale di Muriel che mette sul fondo da ottima posizione

90’+3 – Ancora un calcio di rigore trasformato da Kessié per un fallo di mano in area di Gosens. Espulso De Roon

Atalanta-Milan il tabellino

ATALANTA-MILAN 0-2
42’ rig. Kessie, 90’+3′ rig. Kessie
Atalanta (3-4-2-1): Gollini; Toloi (87′ Palomino), Romero, Djimsiti; Maehle (79′ Pasalic), de Roon, Freuler (87′ Miranchuk), Gosens; Malinovskyi, Pessina (46′ Muriel); Zapata. All. Gasperini
Milan (4-2-3-1): G. Donnarumma; Calabria, Kjaer, Tomori, Theo Hernandez; Bennacer (61′ Meité), Kessie; Saelemaekers (79′ Dalot), Diaz (61′ Krunic), Calhanoglu; Leão (79′ Mandzukic). All. Pioli
Ammoniti: Freuler, de Roon, Mandzukic, Dalot, Krunic
Espulsi: de Roon al 92′

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!