Milan e Juve Champions 2022-23. Quando giocano e come vederle

Ultimo turno della fase a gironi di Champions League 2022 -23  per Juventus e Milan. Probabili formazioni quando giocano le squadre italiane e dove guardarle

Si chiude mercoledì sera alle 21 un’edizione lampo della Champions League, compatta e con turni ravvicinatissimi a causa dell’ormai imminente parte dei Mondiali in Qatar. Dopo Inter e Napoli, già qualificate al secondo turno, tocca a Juventus e Milan alle prese con due partite comunque decisive per il destino delle due squadre italiane.

Inter Milan
Olivier Giroud, torna da titolare in Champions League (AC Milan Official Twitter)

Ecco nel dettaglio le ultime notizie e il programma di questi due ultimi match di coppa. Le probabili formazioni e la programmazione televisiva.

Milan-Red Bull Salisburgo, le formazioni

Manca solo un punto al Milan di Stefano Pioli per assicurarsi il secondo posto che vale l’accesso agli ottavi di finale. Chelsea, due vittorie sui rossoneri, aritmeticamente primo indipendentemente dall’ultimo turno di gare. I conti sono presto fatti. Il Chelsea ha indirettamente fatto un grandissimo favore al Milan. Battendo il Salisburgo in Austria, i londinesi si sono garantiti il primo posto. Ma contestualmente hanno spinto la squadra austriaca sotto il Milan che ha due risultati su tre per qualificarsi. Vittoria o pareggio. In caso di sconfitta in casa del Milan, rossoneri fuori dalla Champions e dipendenti dal risultato tra Chelsea e Dinamo Zagabria, con i croati che (teoricamente) potrebbero ancora strappare alla squadra di Pioli il terzo posto. Un’eventualità che i tifosi non vogliono nemmeno prendere in considerazione.

Milan che ripropone Giroud dal primo minuto con Leao, Brahim Diaz e Messias in mediata. Trequartista e due punte il modulo del Salisburgo con Sucic alle spalle di Adamu e del temibile Okafor.

Se il Milan è reduce dalla sua prima sconfitta esterna dopo quasi un anno, subita a Torino, il Salisburgo continua a guidare la classifica della Bundesliga d’Austria dopo la vittoria di misura (1-0) sul fanalino di coda Hartberg e due punti di vantaggio sullo Sturm Graz, avversario della Lazio in Europa League.

MILAN (4-2-3-1): Tatarusanu; Kalulu, Gabbia, Tomori, Theo Hernandez; Bennacer, Tonali; Messias, Brahim Diaz, Leao; Giroud.
SALISBURGO (4-3-1-2): Kohn; Dedic, Wober, Pavlovic, Bernardo; Kjaergaard, Gourna-Douath, Seiwald; Sucic; Adamu, Okafor.

Milan-Salisburgo in televisione: esclusiva Prime

Il Milan gioca a San Siro alle ore 21 di mercoledì 2 novembre, diretta in esclusiva su Prime, la piattaforma streaming di Amazon. Arbitra lo spagnolo Lahoz. Chelsea che ospita la Dinamo Zagabria a Stamford Bridge.  Londinesi aritmeticamente primi anche in caso di sconfitta in casa e di vittoria del Milan grazie alle due vittorie negli scontri diretti con i rossoneri. La classifica prima dell’ultima gara è Chelsea 10 (aritmeticamente primo), Milan 7, Salisburgo 6 e Dinamo Zagabria 4.

Juventus
Milik c’è, Vlahovic no (Juventus Official)

Juventus-Paris Saint Germain, le formazioni

Reduce dalla sofferta vittoria contro il Lecce, la Juventus di Allegri si trova al cospetto dell’ennesimo bivio di una stagione fino a questo momento al di sotto delle aspettative e tormentata. L’ultima tegola è la ricaduta di Pogba, un altro infortunio muscolare che cancella il francese dalla lista del Mondiale e rinvia il suo esordio con la Juventus al 2023. L’ennesima tegola di una stagione nel corso della quale niente sta andando per il verso giusto.

La Juventus è costretta a vincere. Solo una vittoria contro il monumentale Paris Saint Germain renderebbe certo se non altro il terzo posto che consentirebbe alla squadra di Allegri, ormai fuori dagli ottavi di Champions, almeno al turno eliminatorio di Europa League. Juve in perfetto equilibrio con il Maccabi, una vittoria a testa e parità di differenza reti. Quindi a decidere l’accesso all’Europa League è la differenza reti globale: che vede la Juve in vantaggio. Ma se i bianconeri dovessero pareggiare, o peggio perdere, tutto dipenderebbe dal risultato del Maccabi. L’unico risultato che metterebbe la Juve al riparo da ogni sorpresa è una vittoria. E il Paris Saint Germain non perde dal 20 marzo… e a sua volta non può permettersi passi falsi perché rischia il primo posto del girone nel testa a testa con il Benfica.

Juventus priva di Danilo, squalificato. Vlahovic, ancora acciaccato è assente, così come McKennie: tandem d’attacco affidato a Milik e Kean. Neymar, squalificato, sarà sostituito Sarabia. In compenso ci sono Mbappé e Messi. Maglia da titolare per Verratti e l’ex interista Hakimi.

Il PSG è reduce da una vittoria in rimonta a Troyes, (perdeva 1-2): successo 4-3 e dominio assoluto in Ligue 1, imbattuto, 35 punti in 13 gare, cinque punti di vantaggio sul Lens.

JUVENTUS (3-5-2): Szczesny; Bonucci, Gatti, Alex Sandro; Cuadrado, Miretti, Locatelli, Rabiot, Kostic; Kean, Milik. All. Allegri.
PSG (3-4-3): Donnarumma; Sergio Ramos, Marquinhos, Kimpembe; Hakimi, Vitinha, Verratti, Nuno Mendes; Sarabia Messi, Mbappé. All. Galtier.

Juventus-Paris Saint Germain, la programmazione TV

L’ultima partita della Juventus nella fase a gironi di Champions League è in programma mercoledì sera alle 21 contemporaneamente a quella del Milan. Diretta su SkySport e live streaming sulle applicazioni Sky Go, NOW TV e Mediaset Infinity +. Arbitra lo spagnolo Del Cerro. Classifica che prevede un doppio testa a testa a distanza: Paris Saint German e Benfica 11 punti, Juventus e Maccabi 3.

Champions League, i sorteggi: Europa League ultime gare

Con le partite di Milan e Juventus si completa la fase a gironi. Poi il sorteggio degli ottavi. La prima di ogni girone contro una seconda, non saranno possibili sfide tra squadre connazionali o partite contro squadre già affrontate nei gironi. Giovedì ci sarà un quadro più chiaro sulle avversarie delle italiane . Il sorteggio è previsto per il 7 novembre. Si torna in campo il 14 febbraio.

Vedi anche: Juventus e Milan, battute da Benfica e Chelsea

Giovedì 3 novembre sono Roma e Lazio a giocarsi l’accesso agli ottavi di finale di Europa League. Roma alle 21 in campo contro il Ludogorets, all’Olimpico. Vittoria d’obbligo. Così come per la Lazio, alle 18.45 a Rotterdam contro il Feyenoord. Fiorentina già qualificata agli ottavi di Conference League ospite dei lettoni dell’RFS, a Riga. Si gioca alle 16.30.

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!