TIM Vision: come funziona, costi e a chi conviene realmente

Tim Vision conviene ancora o non conviene più?  Costi e contenuti a confronto con Amazon Prime Video e Netflix

TIM Vision è il servizio di streaming on-demand targato Telecom Italia. Esso è molto simile ad altre piattaforme come Netflix, Prime Video ed Apple TV+: consente di guardare film e serie TV in qualunque momento e senza interruzione pubblicitarie.

TIM Vision: come funziona?

Ideata da Telecom Italia, TIM Vision è una piattaforma di streaming on demand. Con questo servizio è quindi possibile guardare i propri film e le proprie serie televisive preferite senza dover rispettare uno specifico orario. Non è presente la pubblicità, che nella televisione “tradizionale” causa continue pause.

Per usufruire del servizio non serve altro che una connessione a internet stabile e un dispositivo compatibile. I contenuti di TIM Vision possono essere guardati nei seguenti device:

  • Il decoder TIM Vision, ovvero un semplice Android TV Box appositamente progettato.
  • Smart TV;
  • PC;
  • Chromecast;
  • smartphone e tablet;
  • Android TV Box.

Tutti i prodotti possono inoltre essere scaricati, così da poterli guardare anche senza una connessione internet di buona qualità.

Vedi anche: Come guardare film in streaming senza registrazione

TIM Vision: contenuti

TIM Vision consente di assaporare oltre 10.000 contenuti, tra cui film, serie TV, fiction Rai, cartoni animati, documentari, eventi, concerti e molto altro. Presente anche un’area in cui poter guardare gli ultimi 7 giorni di programmazione dei canali Rai e La7.

Non mancano film come Frozen, Una poltrona per due, Cars 2, Il GGG – Il grande gigante buono, The Hateful Eight, Arrival e Johnny Stecchino.

TIM Vision: costo

La piattaforma è inclusa in molti piani di TIM che comprendono internet. Gli altri consumatori dovranno invece effettuare un abbonamento, pagando una somma di denaro ogni mese.

  • Clienti con linea fissa TIM: i clienti TIM con un’offerta linea fissa attiva potranno usufruire del catalogo di TIM Vision senza costi aggiuntivi. Inoltre, utilizzando il servizio in uno smartphone, in cui è inserita una SIM dati dello stesso operatore telefonico, non varranno consumati i giga disponibili nel proprio piano.
  • Tutti gli altri utenti: coloro i quali non posseggono una rete fissa TIM dovranno invece sottoscrivere un abbonamento del costo di 5€ al mese.

TIM Vision Plus: cos’è?

Molti utenti, anche quelli con linea fissa TIM (e che quindi potevano usufruire gratuitamente di TIM Vision), hanno ottenuto un mese gratuito di TIM Vision Plus. Il servizio, dopo la prova e qualora non venga disattivato anticipatamente, avrà poi un costo di 5 euro al mese.

Esso non presenta particolari novità rispetto alla precedente versione della piattaforma: è possibile guardare i canali Sky Uno, Sky Arte, Sky Sport 24 e Sky TG24 (apparsi dopo l’accordo tra Sky e TIM), scaricare alcuni contenuti e utilizzare il servizio contemporaneamente in più dispositivi. Tutte caratteristiche che sono disponibili già da tempo, anche senza questo abbonamento “Plus”. Ci saremmo aspettati che la società decidesse di introdurre qualcosa in più, così da giustificare il prezzo.

Come disattivare TIM Vision

Gli utenti potranno decidere di disattivare in qualunque momento TIM Vision, così da bloccare il pagamento e non poter più accedere ai contenuti inclusi. Esistono due differenti modalità:

  • Qualora l’utente non abbia ancora pagato totalmente il decoder, occorrerà contattare il servizio clienti, chiamando il 187, e fissare un appuntamento per la riconsegna del dispositivo.
  • Tutti gli altri potranno completare la disattivazione dalla pagina dedicata di tim.it, contattando il 119 o all’interno dell’applicazione ufficiale.

TIM Vision: a chi conviene ?

TIM Vision offre quindi un catalogo tutto sommato vario, ma non paragonabile a quello dei principali concorrenti. In particolare, non vi è una quantità alta di serie TV, film e documentari in esclusiva, che avrebbero certamente acceso i riflettori su questo servizio.

Il costo della piattaforma è inoltre abbastanza contenuto, tenendo ovviamente presente l’offerta complessiva. Netflix, ad esempio, per qualche euro in più, assicura un catalogo molto più vasto, in continuo aggiornamento e non pochi contenuti in esclusiva assoluta.

Prime Video, offre invece un catalogo abbastanza ampio e il prezzo è molto basso (4,99 euro a mese o 36 euro ogni anno). TIM Vision non sembrerebbe quindi essere un servizio con una qualità paragonabile a quella delle altre piattaforme.

Per aggiungere al catalogo di TIM Vision anche le partite di calcio (7 partite su 10 ogni giornata di Serie A) è obbligatorio pagare un extra, così da ottenere parte dell’offerta di Sky e DAZN.

Il servizio di cui stiamo parlando rappresentava una scelta valida fino a pochi anni fa, quando la concorrenza non era così pressante. Ovviamente, la piattaforma rimane comunque valida per alcuni specifici utenti, ovvero:

  • Coloro i quali hanno attivato una linea fissa TIM e che, a esclusione della versione “Plus”, non dovranno pagare nessuna spesa extra;
  • Chi segue o vorrebbe iniziare a guardare una serie TV disponibile, tra cui Vikings e Skam Italia;
  • Gli spettatori che trovano interessante il catalogo offerto;
  • Chi vorrebbe guardare alcuni canali di Sky (ovvero Sky Uno, Sky Arte, Sky Sport 24 e Sky TG24) senza spendere molto denaro per la pay TV o gli eventi sportivi di Eurosport.

Non ci resta che attendere e scoprire se TIM abbia intenzione di ampliare l’offerta.

Vedi anche:

Netflix e Amazon Video a confronto

Apple Tv come attivarlo. Tutti i contenuti


Biagio Petronacci è un giornalista specializzato in spettacoli e informatica. Per Donne sul Web scrive di tecnologia cinema e Tv

Articoli Correlati

Add New Playlist