Cheesecake al caffè d’orzo senza uova

Cheesecake al caffè d’orzo senza uova: ricetta facile passo passo per una cheesecake alternativa.

 Cheesecake al caffè d'orzo senza uova

Se cerchi una cheesecake diversa dal solito, questa di sicuro non l’hai mai mangiata prima. È abbastanza semplice da cucinare: si tratta di un cheesecake senza uova cotto al forno, quindi non richiede il riposo in frigo, è subito pronto!

Puoi trovare i semi di anice sfusi in erboristeria o nei negozi di alimenti più forniti. Vediamo come si fa.

Come si prepara la cheesecake al caffè d’orzo

Ingredienti

Per la base:

  • 200 g di biscotti secchi senza uova
  • 100 g di burro.

Per la crema:

  • 200 g di ricotta
  • 150 g di formaggio fresco tipo Philadelphia
  • 150 g di panna da montare, fredda di frigo
  • 200 g di zucchero bianco
  • una tazzina di caffè d’orzo

Per lo sciroppo:

  • 1 cucchiaino di semi di anice
  • 8 cucchiai di zucchero di canna

Procedimento ricetta cheesecake al caffè d’orzo

  1. Preriscalda il forno a 180 °C.
  2. Fai fondere il burro a bagnomaria o nel microonde.
  3. Raccogli i biscotti nel mixer e tritali, quindi aggiungi in burro per ottenere una massa compatta. Se si “sbriciolano” molto, aggiungi un po’ di burro fuso in più.
  4. Fodera una teglia con carta da forno, disponici il mix di biscotti e burro e, premendo con le mani, crea uno strato uniforme: sarà la base della cheesecake. Riponi in frigorifero.
  5. In una ciotola, monta la panna ben soda.
  6. In un’altra ciotola, mescola la ricotta, il formaggio tipo Philadelphia, lo zucchero bianco e il caffè d’orzo. Unisci il tutto alla panna montata, mescolando delicatamente, sino a ottenere un impasto uniforme.
  7. Estrai la teglia dal frigorifero e versa la crema sopra la base.
  8. Inforna per circa 45 minuti o finché la crema appare colorita e consistente.

 

  1. Mentre cuoci la cheesecake in forno prepara lo sciroppo. In un pentolino raccogli lo zucchero di canna, i semi di anice e 6 cucchiai di acqua.
  2. Porta a bollore, abbassa la fiamma e lascia sobbollire per circa 10 minuti, mescolando continuamente, sino a ottenere una consistenza sciropposa ma non troppo densa (deve colare dal cucchiaio).
  3. Estrai dal forno la cheesecake e lascia intiepidire. Versa la quantità desiderata di sciroppo sulla superficie della torta.

Come servire la cheesecake

Puoi servire il dolce freddo di frigo oppure tiepido, e puoi anche decidere di versare lo sciroppo bollente sulla torta al momento di offrirla.

In ogni caso conserva lo sciroppo che avanza nel pentolino: potrai presentarlo a parte in una piccola brocca, per chi vuole il bis.

Non è necessario filtrare i semi di anice, ma se non ne ami la consistenza puoi passare lo sciroppo al colino.

Essendo senza uova, la torta si “rompe” facilmente: infila una paletta per dolci sotto la fetta per evitare che si deformi.

Cosa abbinare alla cheesecake

Avendo già un sapore particolare e una composizione grassa, ti consiglio di non servire la cheescake con panna o gelato: accompagna il dessert con un bicchierino di vino da dolce o di  liquore (passito, zibibbo, marsala, amaretto), o con una semplice tazza di tè nero.

Cheesecake cotta conservazione

La cheesecake cotta va in frigo se devi conservarla, e resiste 24 ore o poco più. Questo tipo di dolce si può congelare volendo, ma non rende bene come i dolci al cucchiaio senza cottura: ti consiglio di prepararla e consumarla subito.

Vedi anche: Dolci freddi ricette facili e sane

La variante

Se non hai necessità di mangiare dolci senza uova, puoi tranquillamente unire un uovo alla crema: la renderà più consistente. Inoltre, potrai usare per la base biscotti che contengono uova.

Puoi sostituire il caffè d’orzo con caffè normale o decaffeinato: il sapore sarà meno delicato, ma la ricetta viene bene.

Cheesecake tradizionale: la storia

La cheesecake cotta classica è una ricetta tradizionale della pasticceria americana: la più conosciuta è la NY cheesecake, sormontata di frutta fresca.

La versione senza cottura invece, con la base di biscotti sbriciolati e un topping di confettura, è tipica del Regno Unito.

Le sue origini si collocano nell’antica Grecia e a Roma dove si usavano due dischi di una sorta di focaccina farciti con formaggio, miele e alloro.

Una curiosità: è ugualmente corretto dire la cheesecake o il cheesecake.

Ora sai come preparare una cheesecake diversa dal solito adatta anche a chi è intollerante alle uova. Facci sapere se è piaciuta!

Articoli Correlati

Add New Playlist