Famiglie e risparmi: dove si mettono i soldi in tempo di crisi

Torna la propensione al risparmio degli Italiani. Il bene rifugio casa viene lasciato in disparte e si punta sui fondi comuni.

famiglie italiane risparmio

Ad essere sinceri, possiamo dire che un po’ tutti lo avevamo notato. Ogni volta che aprivamo il nostro portafoglio, ci appariva sempre più solo e sconsolato.

A consolarci, però, adesso arriva l’Istat, portandoci un bricciolo di ottimismo per il futuro. Il potere d’acquisto delle famiglie, tenendo conto dell’inflazione, è sempre in calo (dell’1,1%), ma ci sono segnali di ripresa, seppur lievi, rispetto al 2012. Il dato, comunque, che sembra dare un po’ di sollievo è quello relativo ai risparmi. Secondo l’Istat, nel 2013 le famiglie hanno cominciato a mettere via i soldi. Nel 2013 la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 9,8%, registrando un aumento di 1,4 punti percentuali rispetto all’anno precedente. Nel quarto trimestre del 2013, al netto della stagionalità, è stata pari al 10,2%, sostanzialmente invariata rispetto al trimestre precedente (+0,1 punti percentuali) ma in significativo aumento (+1,7 punti percentuali) rispetto al corrispondente trimestre del 2012.

Ma dove mettono i propri risparmi gli Italiani? Secondo Assogestioni a febbraio i fondi comuni e le gestioni di portafoglio l’avrebbero fatta da padroni. Queste due soluzioni d’investimento hanno segnato un nuovo record per la raccolta dell’industria con flussi che sfiorano i 12 miliardi di euro.

Parlando di numeri, i fondi comuni hanno raccolto 6,4 miliardi di euro. A guidare la classifica delle preferenze dei risparmiatori ci sono i prodotti flessibili (4,3mld), gli obbligazionari (+1,6mld), gli azionari (+1,1mld) e i bilanciati (+205mln).

I fondi di diritto estero a febbraio hanno raccolto di 4,5 miliardi. Ai prodotti domestici vanno invece 1,9 miliardi di euro.

Nell’ambito delle gestioni di portafoglio (+5,4mld) i mandati istituzionali raccolgono 4,8 miliardi di euro. I restanti 500 milioni confluiscono nelle casse delle gestioni retail.

Si investe negli immobili? Il bene rifugio degli Italiani sembra non brillare più. E’ vero, qualche cosa all’orizzonte si muove, ma i numeri sono sempre preceduti da un segno meno. Nel terzo trimestre del 2013 – secondo i dati Istat – si attenua ancora il calo delle convenzioni di compravendita di unità immobiliari (-4,8% rispetto allo stesso periodo del 2012) .

Il 93,4% delle convenzioni (120.120) ha riguardato immobili ad uso abitazione ed accessori, il 5,9% unità immobiliari ad uso economico (7.606) e lo 0,7% compravendite di immobili ad uso speciale.

Guarda anche: Crisi gli italiani si affidano ai maghi

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!