Bonus Tv come funziona? Dipende dal reddito.

Bonus Tv, non è per tutti ecco come funziona veramente il bonus per cambiare il televisore.

Fra i tanti bonus del 2020 ne spicca uno relativo alle tv. Si tratta di un incentivo che ha lo scopo di facilitare l’adeguamento dei televisori all’innovativa tecnologia Dvb T2, che dal 1 luglio 2022 sarà l’unica in grado di ricevere il segnale di trasmissione del nuovo digitale terrestre.

Si tratta di un bonus su cui il governo ha stanziato 25 milioni di euro l’anno, fino al 2022, per sostituire le attuali apparecchiature dvb T1, che non funzioneranno più. Esso consiste in un contributo economico assegnato alle famiglie che acquistano una smart tv di ultima generazione e che dispongono di determinati requisiti.

Nello specifico, per ricevere questo bonus, un nucleo familiare non deve avere un reddito Isee maggiore di 20.000 euro. In questo caso verrà erogato un contributo economico di 50 euro per favorire l’acquisto di nuove smart tv o decoder dotati della nuova tecnologia.

Tali risorse possono essere erogate una sola volta per nucleo familiare (residente in Italia) e fino all’esaurimento delle risorse stanziate. Detto ciò, se pensi di rientrare in questa casistica e ti stai chiedendo come fare per ottenere l’incentivo, ti invitiamo a leggere il prossimo paragrafo.

Bonus tv 2020: come ottenerlo

Per ottenere questo incentivo è necessario presentare al venditore, dell’apparecchiatura o della tv, una dichiarazione sostitutiva. Si tratta di una autocertificazione dove si dichiara, che il proprio nucleo familiare rientra nella soglia di reddito Isee stabilita dalla normativa. Allo stesso tempo si afferma che nessun altro dei componenti del nucleo ha già usufruito di questo bonus.

Il modello da utilizzare è stato messo a disposizione online, sul sito del Mise. Nell’apposita sezione dedicata a questo bonus è possibile scaricare il pdf della domanda, da stampare e completare, per poi presentarlo al rivenditore.

In questo modo si otterrà un sconto praticato immediatamente all’atto dell’acquisto della nuova tv o del decoder.

Chi deve cambiare il televisore?

Detto di come funziona il bonus, vediamo ora chi dovrà preoccuparsi di cambiare la propria tv, onde evitare di non ricevere più il segnale. Parliamo di chi possiede apparecchi dvb T1. Per verificare se il vostro modello è compatibile anche con il dvb T2, potete fare una ricerca sul sito della marca di riferimento.

In generale le tv acquistate prima del 1 luglio 2016 potrebbero non avere tale tecnologia e richiedere la sostituzione o l’installazione di un decoder abilitato. Mentre le tv acquistate dopo il 1 gennaio 2017 non dovrebbero avere di questi problemi, questo perché da quella data in poi i negozianti avevano l’obbligo di vendere solo tv già dvb T2.

A questo punto puoi verificare la compatibilità o meno del tuo televisore, e in caso negativo provvedere a sostituirlo fruendo del bonus tv.

Vedi anche:

 

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!