Fai da te – Come eliminare le macchie più frequenti

smacchiare“Per ogni macchia c’è un antidoto, l’importante è conoscere quello giusto!” dicevano le nostre nonne abituate a smacchiare in modo naturale e senza l’utilizzo prodotti nocivi all’ambiente. Oggi esistono in commercio centinaia di prodotti che promettono miracoli sulle macchie, ma in realtà nessuno è efficace su tutto; l’unico modo per averla vinta sulle macchie più ostinate, è quello di ricorrere ai vecchi e sani “rimedi della nonna” sempre attuali ed efficaci! Iniziamo pertanto una carrellata di macchie tra le più diffuse e vediamo insieme come eliminarle in modo del tutto naturale

Sudore: Il metodo più efficace per togliere questa fastidiosa macchia giallastra è quello di immergere il capo in un recipiente con acqua tiepida e aceto, nel caso di macchie molto ingiallite, azzardate pure con l’aceto puro. Una volta tolta la macchia risciacquate bene.
Inchiostro e biro: tamponate la macchia con cotone imbevuto di alcol etilico o alcol a 90°.
Catrame: tamponate con burro fresco, passare della trementina e poi lavate immediatamente.
Cera: raschiate prima la superficie poi, mettete il tessuto macchiato tra due fogli di carta assorbente e passatevi sopra il ferro da stiro ben caldo, poi trattate con un batuffolo di cotone imbevuto di acquaragia o alcol etilico.
Chewingum: raschiare bene la superficie, poi passate sopra la macchia il solvente dello smalto per unghie e poi ripassate con uno straccio pulito.
Muffa: i tessuti di cotone e di lino bianchi, vanno messi in una soluzione di 5 parti di acqua, una di candeggina e un cucchiaio di aceto, poi lavate subito; per tutti gli altri tessuti bianchi passate acqua ossigenata a 10 volumi e poi lavate subito.
Rossetto: se il tessuto è di lana o cotone, tamponate la macchia con etere, se invece di tratta di seta, tamponate con la trielina.
Smalto per unghie: Poggiate il tessuto dalla parte della macchia su un foglio di carta assorbente, bagnate con il solvente spostando il capo man mano che il foglio si colora.
Erba: tamponate con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol etilico.
Sangue: Se la macchia è vecchia, trattate con acqua e sale, quindi lavare con acqua saponata tiepida. Sui tessuti di velluto utilizzate alcol a 90°, sulla seta utilizzate alcol puro oppure acqua ossigenata.
Se la macchia è fresca, inumidite il tessuto sul diritto, appoggiatelo su una superficie rigida e sfregate leggermente con l’anello di una chiave, poi lavate in acqua tiepida saponata.

VEDI ANCHE: Come lavare i panni senza lavatrice

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!