Coronavirus quanto durerà? Nessuno lo sa! Ma gli italiani possono fare molto

Coronavirus quanto durerà, la quarantena si prolungherà oltre il 3 aprile? Le domande degli italiani su Covid – 19. Il governo sta facendo il meglio, la soluzione sono i comportamenti.

Quanto durerà l’emergenza Coronavirus?  Fra le domande che si pongono gli italiani attualmente, questa è quella che inevitabilmente tutti si fanno, ma la verità è che ad oggi nessuno lo sa! Questo perché si tratta di un fenomeno mondiale e in Italia, stando ai dati forniti dalla protezione civile, la situazione ad oggi non è delle migliori e i numeri dei decessi hanno superato la Cina.

Gli ultimi dati forniti ci mettono davanti a questa realtà:

  • Contagiati in totale: 35.713
  • attualmente positivi: 28.710
  • guariti: 4.025
  • deceduti: 2.978.

Numeri gravi, ma purtroppo destinati ad aumentare, che testimoniano quanto ancora la situazione sia difficile. Specie nelle regioni più colpite del nord, come nel caso della Lombardia.

Covid 19, aggiornamenti Lombardia: l’allarme di Fontana

A testimonianza della gravità della situazione di questa regione, ci sono le parole del suo presidente Fontana. Che, in un intervento sulla sua pagina Facebook,  ha dichiarato: “Purtroppo i numeri del contagio non si riducono e presto non saremo più in grado di curare chi si ammala di Coronavirus. Quindi dovete restare a casa, lo chiedo gentilmente, altrimenti dovremo essere più aggressivi”.

Per quanto riguarda gli ultimi aggiornamenti sulla regione, il numero totale dei casi attualmente riscontrati è pari a 14.649, di cui 6.171 ricoverati in strutture ospedaliere. Coloro che si trovano in terapia intensiva sono 823.

Inoltre, stando a quanto dichiarato da Gallera l’afflusso di malati verso gli ospedali lombardi è in crescita, ma in modo costante. Tuttavia il rischio che la situazione sanitaria diventi ingestibile, persiste.

Coronavirus, cosa succede nel sud Italia?

Molti sindaci e presidenti di regione del sud si sentono impotenti, di fronte all’aumento dei casi di Coronavirus registrati nei loro territori. Per questo alcuni di loro chiedono l’esercito a presidiare il territorio e a garantire il rispetto delle regole.

Uno dei più attivi sotto questo aspetto è il presidente della Campania De Luca, regione che sta registrando un aumento consistente di casi di Coronavirus. Il governatore campano chiede al presidente Conte di avere sul territorio più unità delle forze armate, per rendere efficace il rispetto delle regole.

I casi di coloro che le infrangono in queste aree sono purtroppo ancora molti e visto che queste regioni non possiedono strutture attrezzate per fronteggiare un’emergenza, l’unica possibilità potrebbe essere quella di usare la forza.

Coronavirus, scuole chiuse e restrizioni oltre il 3 aprile?

Dal quadro che vi abbiamo riportato si nota che sia al nord che al sud del nostro paese, la situazione non è tranquilla. Per questo motivo, stando a quanto riportato dal quotidiano La stampa, il premier Conte studia la proroga delle restrizioni oltre il 3 aprile.

Infatti, anche in base a quanto sostengono gli esperti, salvo miracoli, la data di scadenza fissata nei decreti non sarà rispettata. Questo significa che i divieti per le attività non essenziali proseguirà, così come la possibilità di spostarsi solo in caso di necessità.

Vale lo stesso discorso per quanti si chiedono quando riapriranno le scuole. Quasi sicuramente la loro chiusura sarà prorogata anche oltre la scadenza del 3 aprile.

Inoltre, il premier è impegnato in un dibattito con i colleghi europei, anch’essi ormai alle prese con l’applicazione di restrizioni ai propri connazionali. Pure all’estero infatti i casi sono in continuo aumento e si studiano misure di contrasto al fenomeno, anche dal punto di vista economico. Una delle proposte sul tavolo riguarda i cosiddetti coronavirus bond, per finanziare le spese di questo delicato momento.

Coronavirus, quanti sono i denunciati?

Il premer potrebbe prorogare le restrizioni previste oltre al 3 aprile anche perché in tutta Italia continuano a registrarsi casi di violazione delle regole imposte. Come riportato dal sito ansa.it, che riprende i dati forniti dal Viminale, su un milione di persone controllate, sono 43.000 quelle denunciate in 7 giorni. La maggioranza di queste, sono state trovate in giro dalle forze dell’ordine senza motivazioni valide.

Insomma quella di continuare ad uscire, in barba alle conseguenze (anche penali) che ne possono scaturire, sembra continuare ad essere una brutta abitudine degli italiani.

Quindi, per tornare alla domanda con cui abbiamo aperto questo articolo: quanto durerà l’emergenza Coronavirus? Nessuno lo sa! Ma gli italiani possono fare molto per spezzare la catena del virus, soprattutto smettendo di infrangere le regole e restando a casa.

Vedi anche:


Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!