L’Inferno sulla Terra

asteroidekillerQuarantuno scienziati sono giunti alla conclusione comune, che circa 65 milioni di anni fa, un asteroide della grandezza dell’isola di Wight, ha colpito la terra con forza un miliardo di volte più potente della bomba sganciata ad Hiroshima, trasformando il pianeta in un vero e proprio inferno.

L’asteroide si è schiantato nella penisola dello Yucatan in Messico, con una velocità superiore di 20 volte quella di un proiettile causando terremoti, frane, tsunami e incendi. La distruzione, 65 milioni di anni fa, era così grande che ha trasformato la maggior parte del mondo, in una terra desolata, avvolta nella polvere, perennemente fredda e praticamente priva di tutta la vita e la vegetazione.

I dinosauri, che avevano governato il pianeta per 160 milioni di anni, sono stati spazzati via nel giro di pochi giorni. Grandi rettili marini, come il mosasaurs e plesiosauri, i rettili volanti noto come pterosauri, lumache giganti, ammoniti e molte specie di plancton marino, sono stati cancellati. Molte specie di uccelli hanno subito perdite, ma altri sono riusciti a sopravvivere.

Anche alcuni mammiferi sono sopravvissuti, preparando, in ultima analisi, il terreno per l’ascesa degli esseri umani.

La conclusione del gruppo di 41 scienziati internazionali, che la causa della scomparsa dei dinosauri è stata l’impatto di un asteroide con il nostro pianeta, è venuta nel tentativo di mettere fine a decenni di speculazione.

Il board di scienziati ha riferito i suoi studi sulla rivista Science, al fine di porre fine al dibattito su cosa ha causato l’estinzione di massa avvenuta alla fine del Cretaceo.

In particolare, ha voluto sfatare teorie in competizione, quali, quella dell’eruzione vulcanica o del cambiamento climatico.

“Unendo tutti i dati disponibili provenienti da discipline scientifiche diverse, ci hanno portato a concludere che un grande impatto con un asteroide, 65 milioni anni fa, nell’odierno Messico è stato la causa principale dell’estinzioni di massa,” ha dichiarato il professor Peter Schulte, presso l’Università di Erlangen in Germania e autore del documento.

Joanna Morgan, co-autore della recensione del Dipartimento di Scienze della Terra e di Ingegneria presso l’Imperial College di Londra, ha dichiarato: “Ora siamo certi che un asteroide è stato la causa dell’estinzione.

“Questo ha innescato incendi su vasta scala, terremoti di misura superiore a 10 gradi della scala Richter, e smottamenti continentali, che hanno creato tsunami inimmaginabili.

“Tuttavia, l’ultimo chiodo nella bara per i dinosauri è accaduto quando, dopo l’impatto, il materiale è stato espulso ad alta velocità nell’atmosfera.

“Le tenebre che hanno avvolto questo nostro pianeta hanno causato un inverno a livello mondiale, uccidendo molte specie che non potevano adattarsi a questo ambiente infernale.”

L’elemento chiave della prova è stata la scoperta di una banda di iridio – un metallo raro sulla Terra ma comune nelle meteoriti – risalente alla fine del Cretaceo, che ha suggerito che una grande “roccia” spaziale si era schiantata contro la terra, disperdendo i suoi resti in tutto il mondo .

Inoltre, per suffragare quanto dichiarato, i fossili mostrano chiaramente un’estinzione di massa in tutto il pianeta, avvenuta circa 65,5 milioni anni fa.

“Ironia della sorte, mentre questa giornata infernale segnò la fine del regno di 160 milioni d’anni dei dinosauri, si rivelò essere un grande giorno per i mammiferi, che avevano vissuto all’ombra dei dinosauri prima di questo evento.

“L’estinzione è un momento cruciale nella storia della Terra, che in ultima analisi, ha spianato la strada per gli esseri umani per diventare la specie dominante sulla Terra.”
5 marzo 2010

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!