Le spose di Elisabetta Polignano: “Ogni abito è per me un atto d’amore”. Intervista

Stilista elegante e originale, la Polignano si è imposta nel settore degli abiti da sposa. Abbiamo parlato con lei di moda, degli errori da evitare nella scelta del vestito e di comunicazione

Elisabetta Polignano Il brand Elisabetta Polignano nasce nel 1997, a Novara: abiti da sposa made in Italy oggi molto cercati in Est Europa, Giappone e Stati Uniti. E in Italia, naturalmente. La stilista italiana, conosciuta come “la stilista della sposa del colore”, è presente in Italia in 70 boutique. “Ogni mio abito rappresenta per me un autentico ‘atto d’amore’, ispirato al desiderio di ogni donna di rendere unico e indimenticabile il suo giorno più importante” spiega.

elisabetta Polignano abiti da sposa 2016
Elisabetta Polignano collezione 2016 Photo/Imaxtree

Rigore assoluto per quanto riguarda dettagli e qualità dei materiali:

“Punto innanzitutto sulla qualità e sul ‘made in Italy’: tutte le mie creazioni sono infatti realizzate in seta proveniente da laboratori italiani. Ciascun capo, le rifiniture, i dettagli, gli accessori sono realizzati artigianalmente e rigorosamente a mano. Presto altissima cura e attenzione per ogni fase del processo creativo, al design, alla confezione meticolosa dell’abito”.

Elisabetta Polignano sposa 2016
Elisabetta Polignano collezione 2016 Photo/Imaxtree

Quali sono gli errori assolutamente da evitare in un look sposa?

“L’errore più comune è quello di farsi condizionare dal parere di troppe persone” risponde la Polignano. “Perciò consiglio sempre alle mie future spose di venire accompagnate in atelier da non più di due persone care. Molte di loro, poi, arrivano pensando già di sapere quale è l’abito giusto però non è sempre così, perché si innamorano di immagini, di modelli visti in tv o scovati online, si fanno consigliare dalle amiche…”

Il punto è che l’abito da sposa giusto non è quello che semplicemente “sta bene” agli occhi degli altri. Ma deve “vestire la personalità della sposa, prima ancora che la sua fisicità” spiega. Insomma, non è come indossare una maglietta e dei jeans, continua la stilista: “La fase della scelta è un momento molto importante, in cui la futura sposa deve innanzitutto essere messa in condizione di potersi ascoltare e di ‘riconoscersi’. L’abito deve essere per lei una seconda pelle”.

Polignano sposa 2016
Elisabetta Polignano collezione 2016 Photo/Imaxtree

La qualità nella realizzazione del prodotto oggi sono importanti tanto quanto l’abilità nella comunicazione. E il brand Elisabetta Polignano si è contraddistinto anche per un tipo di comunicazione originale nel mondo della moda, ad esempio con il lancio della prima “Wedding Web Serie” italiana, “Il mio abito da sposa”.

Chiediamo alla Polignano: si è divertita a fare la web-serie?

“Sì, è stato molto, molto bello, un’emozione continua. Realizzare il sogno di Rachele, la protagonista de ‘Il Mio Abito da Sposa’, è stato meraviglioso, così come incontrare e conoscere personalmente le future spose che hanno partecipato ai casting. Prima Wedding Web Serie in Italia, la sua forza è quella di essere un’iniziativa 2.0 concepita e creata interamente per i social media. È nata da un’idea di Simona Bertagna, responsabile comunicazione del nostro brand, per raccontare la relazione di fiducia con ciascuna futura sposa che sceglie di rivolgersi a me, per accompagnarla passo dopo passo, a partire dalla scelta dell’abito fino al giorno delle nozze. Un percorso fatto di ascolto e dedizione, consigli e complicità, dedicato a tutte le donne.”

Articoli Correlati

Add New Playlist