PostePay o PayPal: quale scegliere? Differenze e costi

PostePay o Paypal, quale è meglio scegliere? Quali sono i costi dei due servizi?

PostePay o Paypal non sono la stessa cosa, ma quali sono le differenze e quale dei due servizi è migliore? Se dovete aprire un conto o attivare una carta e non avete bene idea di cosa fare potete scegliere al meglio dopo aver letto la nostra guida.

PostePay: come funziona

Prima di tutto ci sono diverse carte PostePay. Partiamo dalla PostePay classica: si pagano una tantum 10 euro per il rilascio (5 se si tratta di PostePay Junior, riservata a chi ha un’età tra i 10 e i 18 anni) e poi non si hanno ulteriori costi. La carta si ricarica online o in tutti gli uffici postali, può anche essere utilizzata per i prelievi su tutti gli sportelli Bancomat e Postamat e per pagamenti sui curcuiti Visa in Italia e fuori dai confini nazionali.

La carta si richiede in tutti gli uffici postali. All’atto del rilascio è obbligatoria una prima ricarica di almeno 5 euro. La ricarica massima per la carta è di 50 mila euro. Non si paga nulla in commissione per l’utilizzo sia per shopping in rete, che per shopping negli store fisici; si paga solo un commissione pari all’1,10% per pagamenti in paesi con valuta non Euro.

Per i prelievi (che sono illimitati) invece si paga:

  • 1 euro a prelievo di commissione in Posta,
  • 1,75 in banca,
  • 5 euro nei bancomat dei paesi non UE.

PostePay costi

Poste Pay: costi di ricarica

La ricarica di una Poste Pay costa 1 euro in Posta e negli sportelli Postamat, 2 euro ai banchi Sisal; 2 euro nei bancomat e 3 euro nei bancomat del circuito internazionale.

Costi ricarica telefono con Poste Pay

La ricarica telefonica effettuata tramite Poste Pay non richiede pagamento di commissioni.

PostePay Evolution e Business

La PostePay Evolution diventa un vero conto corrente al costo annuo di 12 euro. SI possono fare e ricevere bonifici, accreditare lo stipendio, domiciliare le utenze e pagare anche con funzione ContactLess in tutti gli esercizi commerciali.

La versione PostePay Business aumenta il plafond a 200 mila euro con un canone annuo di 30 euro.

PostePay Connect

PostePay Connect viene data gratuitamente e comprende, al costo annuo di 70 euro, anche una Sim PosteMobile. Il vantaggio qui è che si associa alla carta Evolution anche un contratto telefonico che comprende:

  • minuti illimitati,
  • sms illimitate
  • 10 giga di traffico web in 4G.

PosteMobile si serve della rete Wind.

PayPal, cos’è e come funziona

Paypal è un “conto virtuale” associato ad un indirizzo mail. E’ molto comodo da usare e permette di inviare soldi conoscendo esclusivamente la mail del conto Paypal del destinatario. Permette anche di richiedere somme di denaro.

Si può collegare al proprio conto bancario (in questo caso Paypal verificherà che chi fa la richiesta è veramente titolare del conto tramite il passaggio di una piccola quantità di denaro da indicare poi in un apposito format) o la propria carta di credito (stesso meccanismo di validazione).

Il conto si ricarica senza costi con bonifico bancario (servono 2-3 giorni) o pagando direttamente tramite carta associata al conto o alla propria carta di credito (in sostanza si utilizza non il credito presente sul conto Paypal ma quello del conto privato associato).

Paypal costi trasferimento denaro

Trasferire denaro con Paypal ad amici o parenti è a costo zero se si utilizza il saldo del conto o il conto bancario. Se si utilizza la carta invece si paga una commissione del 3,4% + 0,35 EUR.

Vedi anche: Differenza tra carta di credito, bancomat e postepay

Carta Postepay Lottomatica la prepagata non c’è più

Fino al 9 maggio era possibile comperare una prepagata Paypal nel circuito Lis Lottomatica associata al proprio Paypall, cosa che non è ora più possibile fare.

Postepay o Paypal: quale scegliere? Pro e contro

Si tratta di prodotti diversi adatti ad esigenze diverse:

  • se si vuole un conto agile, zero spese, per farsi pagare fatture o transazioni online o anche solo per farsi versare lo stipendio Paypal è certamente un’ottima soluzione. Ma non c’è la possibilità di prelevare, ma solo quella di spostare denaro ad un altro conto o altra carta.
  • Avendo un conto online zero spese, tipo Webank o Conto arancio, diventa una soluzione comunque agile e funzionale e permette di pagare online senza costi di ricarica, sempre presenti nelle ricaricabili, e con ottimo livello di sicurezza e protezione dei propri dati (oltre che velocemente e con semplicità, senza inserire codici ecc.).
  • Se si desidera una carta zero spese, solo per le transazioni sul web, da ricaricare alla bisogna, la PostePay classica va benissimo. Con la Connect si ha un ottimo prodotto a basso costo che “simula” sostanzialmente un conto corrente e con cui si possono fare a soli 12 auro all’anno tutte le operazioni. Si pagherà solamente per le ricariche, se la carta non viene già “ricaricata” tramite bonifici ricevuti.
  • Con PostePay Evolution si ha una soluzione ottimale per chi vuole carta + “conto” + telefono tutto incluso ad un prezzo certamente concorrenziale.

A voi la scelta!

© copyright (24/05/2019)

Vedi anche: Reddito di cittadinanza, cosa si può comprare

Related Posts

Ben tornato!