10 oggetti di design particolari e spettacolari

10 geniali oggetti di design: mobili multifunzione, lampade che contengono fiori, tavoli da pranzo con nascosti i fornelli. Soluzioni creative per ogni ambiente della nostra casa.

 

Il design presenta soluzioni per la vita di tutti i giorni davvero spettacolari. Progettisti riescono a coniugare funzionalità, attenzione alle esigenze del consumatore, linee e materiali di pregio.

Eccovi una selezione di progetti di design per la casa davvero belle.

La scrivania multifunzione di Sixay Forniture

La Sixtematic Belle è una scrivania-scrittoio modernamente intesa. Vi si può tenere e “nascondere” il proprio computer portatile, ha dei piccoli scomparti stile “file” per archiviare documenti, ma soprattutto è un perfetto organizzatore dello spazio di lavoro, con una serie di divisori interni pensati per sistemare cancelleria, smartphone, tab, documenti. Ma anche per tenere a portata di mano tutti quegli accessori che possono sempre essere utili: ad esempio perché non inserire uno stand per i trucchi e uno specchio pieghevole? Se all’ultimo minuto piomba in ufficio un cliente importante anche questi strumenti diventano essenziali.

Nella parte posteriore le prese d’aria per far respirare il Pc e un passaggio per tutti i cavi dei nostri dispositivi elettronici.

In toni tenui del legno, è un bellissimo oggetto di arredamento, occupa pochissimo spazio ma rappresenta una soluzione ottimale per una postazione di studio/lavoro al passo con i tempi.

Vedi anche: ecosostenibilità e design.

La sedia-amaca di Studio Mut

Nautica è una sorprendente sedia-poltrona-amaca. Un sedile sospeso di grande impatto anche solo come oggetto di arredo all’interno di un salotto o di una camera. Può essere anche portata all’esterno, appesa magari ad un robusto albero, per diventare una postazione di relax e pace, per la lettura o gustarsi un drink.

La struttura autoportante invece la sostiene negli interni.

La lampada portafiori di Lightovo

Decorare la stanza con piante e contemporaneamente salvaguardare le necessità di luminosità (nostre e delle piante stesse). Milo di Lightovo è una geniale soluzione che installa un “portapiante” direttamente sotto una lampada a Led. Questa illumina il locale, dà alla pianta la migliore esposizione luminosa e contemporaneamente non la riscalda troppo (grazie appunto al Led).

Aperture laterali fanno passare l’aria, la lampada può sia essere installata in aria che appoggiata su tavoli o scrivanie.

Il tavolo cucina di Moritz Putzier

All’apparenza la creazione di Moritz Putzier è un semplice tavolo dal sobrio design. In realtà è una postazione da chef casalingo perfettamente attrezzata, ideale per preparare i pasti in amicizia. Ha incorporati i fuochi che possono passare al di sopra del tavolo da una fessura centrale. Così il tavolo è sia usabile per mangiare che per cucinare: spazio salvato, convivialità assicurata.

Un sostegno laterale sorregge attrezzi da cucina o asciugamani, le due panche accolgono gli altri ospiti-cucinatori.

La cucina fluttuante di Studio Mut

Lo studio di designer spagnolo Mut ha creato una postazione multifunzione per la cucina: cinque parti che si possono unire e staccare a piacimento diventando un armadio, una vetrinetta, un divisiorio provvisto di ruote che può essere spostato per portare le vivande o utilizzato in altre stanze, una dispensa e un’isola cucina con lavello e piano di lavoro.

Se la vostra idea è la “casa componibile” che muta a seconda delle esigenze e delle situazioni questo poli-mobile è qualcosa di imperdibile.

Vedi anche: Biocamini di design, una soluzione d’arredo per il riscaldamento domestico.

Tavolo o credenza? Tutto in uno grazie a Studio FEM

Studio FEM ha ideato un mobile che è contemporaneamente tavolo e credenza. La parte superiore è una scrivania mentre al “piano di sotto” si possono mettere soprammobili o oggetti di casa.

Le coperture flessibili sono fatte per scorrere e incastrarsi in modo da corprire tutti gli oggetti all’interno (in modalità credenza) o solo una parte di essi.

La lampada Boo di Hedda Torgersen

Dotare la lampada di due gambe e permetterle di andare dove più desidera (o, per meglio dire, dove più serve a noi…). L’idea di Hedda Torgersen è davvero eccezionale. Guardando questa semplicissima lampada a prima vista non immaginiamo che può diventare un alleato imprescindibile per illuminare tutto ciò che si vuole.

Le due gambe e la lampada stessa sono girabili in diverse mobilità così da poter direzionare il fascio di luce a 360 gradi. La lampada ha linee graziosissime ed è stata ideata anche in versione “maxi” che può essere perfetta come lampada da terra.

La camera Spot

Ancora una volta il concetto di multifunzionalità e di spazio salvaguardato fino all’ultimo centimetro. La camera Spot della designer polacca Wiktoria Lenard ha uno studio delle parti estremamente razionale e pulito, con gli elementi modulari che possono essere ridisposti e modificati in base alle età dello sviluppo dei bimbi che la abitano.

Tanti i luoghi dove archiviare e ordinare le cose e ogni parte dei mobili (letto in primis) contiene a sua volta sotto-spazi da usare per sistemare abiti, giochi ecc.

Il mobile puzzle di Okovsson e Cho

Un vero e proprio mobile-puzzle. Tante tessere componibili che diventano spazi e contenitori da costruire e ricostruire secondo la nostra fantasia e la nostra necessità specifica.

I due deigner Erik Olovsson e Kyuhyung Cho hanno ideato questi blocchi componobili di diversa grandezza e profondità in legno di pino. Si possono disporre in orizzontale o verticale, usare insieme o in parti separate e si diventa colleghi del progettista ripensando ogni giorno la propria stanza.

Invaso di Tagmi Design

Le piante vi muoiono? Vi dimenticate l’acqua, concedete loro poca luce? Oppure fate tutto bene ma le nostre amiche verdi muoiono lo stesso?

Invaso, progetto curato da Tagmi Studio di Milano, ha pensato ad un nuovo vaso di terracotta. Non chiuso al fondo ma che resta aperto a mo’ di imbuto e che viene inserito direttamente nel terreno. In questo modo si assicura il contatto costante con la terra e si possono inserire piante diverse nell’orto, le piante aromatiche accanto a quelle seminate, così da non fare fatica quando si innaffia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati

Related Posts

Ben tornato!